Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le amnesie imperdonabili della nostra memoria liquida, di Ferruccio de Bortoli

Le amnesie imperdonabili della nostra memoria liquida, di Ferruccio de Bortoli

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 04/04/2022 09:58
Ormai guardiamo distrattamente i dati relativi alla pandemia, ci siamo stancati e tendiamo a rimuovere il problema. Potrebbe avvenire lo stesso per la tragedia ucraina…

Tra pandemia e guerra siamo stati colpiti da eventi improvvisi ma non del tutto imprevisti. Due grandi «cigni neri». Le nostre abitudini ne sono state sconvolte. Ma nel pagarne un prezzo (diseguale) non dobbiamo dimenticare che c’è chi ne sopporta uno maggiore. Il costo della vita cresce, come non accadeva da tempo, mentre ai margini dell’Europa, sotto i colpi dell’aggressione russa, le vite non hanno più alcun valore. Il teatro della disumanità. I due choc si sono sovrapposti al punto che la pandemia sembra scivolata via, derubricata da un’emergenza più grande, dal pericolo imminente di essere coinvolti in un conflitto senza limiti.

Eppure non è così. Lo testimoniano i dati sui contagi che soltanto qualche mese fa avrebbero monopolizzato l’informazione e le nostre conversazioni private. Ora li guardiamo distrattamente. Ci siamo stancati. Accettiamo una mortalità che nei momenti bui del virus avremmo respinto come moralmente insostenibile. La bilancia delle necessità ha un equilibrio diverso. Siamo molto protetti, grazie alla straordinaria campagna di vaccinazione, ma la percezione del rischio è ovviamente mutata.

E non solo per la fine, inevitabile, delle restrizioni più severe, lo smantellamento del Comitato tecnico scientifico, l’addio del generale Figliuolo. Se è comprensibile il desiderio di lasciarsi alle spalle un’emergenza, è pericoloso dare l’impressione di averla risolta del tutto. Perché, come dimostra una recente indagine di Eumetra di Remo Lucchi, gli effetti distruttivi sulla relazionalità sociale sono stati ampi, come le macerie di un conflitto, ed è rischioso sottovalutare il senso di smarrimento della gente, soprattutto dei giovani, oltre a non rare tendenze depressive.

Il virus è quasi rimosso nella comunicazione — pubblica e privata — ma non nella realtà. La normalità riconquistata va difesa non perdendo di vista la prevenzione (per esempio nella civiltà delle mascherine) e salvaguardando il grande patrimonio di assistenza, cura, volontariato che in questi due anni si è costosamente accumulato. Se nell’oblio liberatorio del virus questo capitale sociale, non solo sanitario, si disperdesse vorrebbe dire che siamo tornati a dimenticarci dei più fragili e bisognosi di attenzioni e cure. E dunque, aver gettato al vento anche parte degli investimenti (19 miliardi nella sola sanità). La lezione non è stata appresa del tutto.

L’impulso nel concentrare ogni energia fisica, cognitiva, affettiva sull’obiettivo più importante, ovvero salvarsi dal pericolo maggiore, è del tutto naturale. Lo hanno spiegato bene nel loro libro Una cosa alla volta gli studiosi Carlo Umiltà e Paolo Legrenzi.

L’attenzione umana si polarizza. E se non fosse stato così nella Storia, non saremmo qui a parlarne. Nella società della comunicazione di massa, e soprattutto con i social network, questo processo si è enormemente accentuato. E, nello stesso tempo, è maggiore la facilità con la quale si rimuovono dalla memoria i problemi, le angosce, la partecipazione al dolore degli altri. Dall’iper attenzione all’oblio quasi assoluto. In tempi brevissimi. Un fenomeno descritto, nel libro appena uscito (Quando meno diventa più, Cortina), dallo stesso Legrenzi. C’è una sorta di meccanismo di sottrazione che allontana nel tempo e nello spazio i fatti, soprattutto quelli più dolorosi, che investono le nostre coscienze. Averne consapevolezza ci aiuta a comprendere e prevenire.

Qualcosa di analogo può avvenire per il sentimento di solidarietà e compassione che proviamo in questo momento per il popolo ucraino? Parlarne non significa avere poca fiducia in se stessi, ma solo avere l’onestà di riconoscere i limiti dei nostri sentimenti. Per renderli più autentici. Il processo di rimozione rischia di completarsi prima che le sofferenze altrui abbiano termine e i diritti sacrosanti (in questo caso degli ucraini) veramente difesi.

La nostra memoria è corta, liquida e forse potremmo dire, parafrasando l’attualità, che è allo stato gassoso. Quante crisi internazionali nelle quali i problemi di oggi, e non soltanto nel rapporto con la Russia, erano già visibili sono state prontamente accantonate? Quante tragedie umanitarie troppo velocemente allontanate dai nostri pensieri? Rimosso il pericolo imminente, si tralascia l’esame delle cause. E ci si trova impreparati alle prossime emergenzeA differenza del passato le amnesie sono ancora meno perdonabili perché i «cigni neri» sono assai più frequenti.

https://www.corriere.it/editoriali/22_aprile_03/amnesie-imperdonabilidella-nostra-memoria-liquida-2047147c-b389-11ec-ba33-d1bb8d793193.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.