Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Le ambiguità del vertice per la democrazia voluto da Joe Biden, di Pierre Haski

Le ambiguità del vertice per la democrazia voluto da Joe Biden, di Pierre Haski

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 09/12/2021 10:31
Ripensare la democrazia è un obiettivo abbastanza importante da spingere i paesi che la rivendicano a riflettere insieme. Il vertice di Biden potrebbe essere una buona occasione…

Un vertice per la democrazia. Chi potrebbe mai opporsi? Nessuno, a parte, naturalmente, gli autocrati e i dittatori. In realtà il quadro è più complesso di quanto sembri.

Quando Joe Biden ha presentato il progetto del vertice, durante la sua campagna elettorale, l’idea era semplice: Donald Trump aveva incendiato il paesaggio politico, dunque la bandiera della difesa della democrazia sarebbe stata un messaggio diretto e chiaro.

Un anno più tardi, però, il messaggio è molto meno chiaro. Innanzitutto perché la frontiera tra la democrazia e… come chiamarla… diciamo la “non democrazia”, non sempre è difficile da definire. Questa ambiguità ha creato un rompicapo in merito agli inviti. Al vertice, che si svolgerà il 9 e il 10 dicembre, parteciperanno infatti 110 paesi, in gran parte in videoconferenza. Quelli che non sono stati invitati, però, sono furiosi. Il Pakistan, il Brasile o l’Iraq saranno presenti nonostante lo stato delle loro democrazie lasci palesemente a desiderare. In Europa la Polonia è stata invitata, ma non l’Ungheria, unico paese escluso tra quelli dell’Unione europea.

Vaga aria da guerra fredda
La lista degli invitati è legata più agli interessi geopolitici degli Stati Uniti che ai criteri fissati da Freedom House, l’istituto di analisi che ogni anno stila una classifica delle democrazie del mondo.

Il vertice ha sicuramente una vaga aria da guerra fredda, in quanto rappresenta un “fronte democraticoapprossimativo capitanato dagli Stati Uniti, leader del “mondo libero” come si diceva un tempo. L’invito di Taiwan, stato non riconosciuto ma autentica democrazia, conferisce all’incontro un profumo di alleanza in funzione anticinese.

Il problema è che rispetto alla guerra fredda il mondo è molto cambiato. La Cina (perché è la Cina al centro di tutto) ha buon gioco nel denunciare le storture della democrazia professata dagli statunitensi, che si tratti della loro società o delle loro azioni all’estero. La propaganda cinese insiste su questi aspetti diffondendo disegni di bambini uccisi dai bombardamenti americani in nome della democrazia o le immagini dell’assalto al Campidoglio del 6 gennaio.

La Cina ha sorpreso tutti rivendicando per sé lo status di democrazia e permettendosi il lusso di descriversi come democrazia più compiuta perché più efficace. Questa tesi non convince nessuno in occidente, ma è un discorso più accettato nei paesi meno industrializzati dove il modello occidentale è precipitato dal suo piedistallo. Il vertice di Washington non cambierà questa situazione.

L’appuntamento è interessante in quanto permette di riflettere sullo stato odierno della democrazia. Il principale punto di debolezza è il fatto che il messaggio sia indebolito proprio dagli Stati Uniti – divisi come non mai e con un terzo degli elettori ancora convinto che Trump sia stato privato illecitamente della presidenza – ma anche dall’Europa, dove le tentazioni populiste e autoritarie sono un innegabile segnale di malessere.

Inoltre organizzare il contenimento della Cina o della Russia intorno all’opposizione tra democrazia e dittatura riproduce le ambiguità della guerra fredda, ignorando i problemi della democrazia nei paesi amici degli Stati Uniti e indebolendo così la causa.

Ripensare la democrazia è un obiettivo abbastanza importante da spingere i paesi che la rivendicano a riflettere insieme. Il vertice di Biden potrebbe essere una buona occasione, se solo non fosse così pieno di retropensieri geopolitici.

https://www.internazionale.it/opinione/pierre-haski/2021/12/09/vertice-democrazia-biden

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.