Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Lasciate in pace Martini, di Ignazio Marino

Lasciate in pace Martini, di Ignazio Marino

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 18:54
Ignazio Marino, chirurgo e interlocutore privilegiato del cardinale, ricorda Carlo Maria Martini.
Lasciate in pace Martini, di Ignazio Marino

Ignazio Marino (foto ANSA)


Sui temi eticamente sensibili, dalla fecondazione assistita all'aborto, dall'uso delle cellule staminali all'eutanasia fino ai confini della ricerca scientifica, il cardinale Carlo Maria Martini aveva trovato un interlocutore in Ignazio Marino, scienziato, chirurgo e senatore del Pd. Nel marzo scorso per Einaudi è uscito Credere e conoscere, un dialogo su fede e morale che tanto ha fatto discutere. Nel 2006, il Dialogo sulla vita tra il cardinale e Marino provocò numerose reazioni della stampa internazionale tanto che il quotidiano britannico The Times si spinse a invocare, dopo le parole di Martini, l'indizione di un Concilio Vaticano III per equilibrare le spinte conservatrici e progressiste che, secondo gli osservatori, spaccherebbero in due la Chiesa. 

- Partiamo dalle polemiche sull'accanimento terapeutico. «Oso pensare che sia stato un momento sereno quello di Martini quando ha deciso di essere staccato dalle macchine che ancora lo tenevano in vita», ha scritto su Repubblica Eugenio Scalfari. È andata così, professore?

«Il cardinale aveva certamente riflettuto a lungo sul suo percorso terreno e attendeva fiducioso il ritorno alla casa del Padre. Quel che è certo è che lui non si è mai sottratto a nessuna terapia che potesse alleviare la malattia ma ha seguito con grande scrupolo tutte le cure dei medici che lo seguivano. Aveva pensato anche all'opportunità di usare, all'ultimo, mezzi come la nutrizione artificiale o la ventilazione meccanica ma ha preferito non farlo perché la sua esistenza era giunta alla naturale conclusione. Quindi, non è stato staccato da nessuna macchina per il semplice fatto che non vi era mai stato collegato». 

- Eppure c'è chi l'ha definito il “Welby cattolico”.

«Non credo che il modo più saggio per ricordare una figura così complessa e profonda come quella di Martini sia quello di cercare di tirarne la tonaca, per di più post mortem, da un lato o dall'altro a seconda delle convinzioni personali. Sui temi della bioetica aveva condotto una lunga riflessione e in Credere e conoscere (Einaudi, ndr) dove esprime posizioni perfettamente in linea con il Magistero e il Catechismo della Chiesa cattolica. Le sue analisi, semmai, aprivano al confronto e non cercavano mai lo scontro».

 

Le polemiche dei giorni scorsi sono nate anche dalla confusione che si fa tra eutanasia e accanimento terapeutico?

«Credo proprio di sì. La prima è un atto che provoca la morte e, come tale, è condannato dalla Chiesa. Il secondo, invece, è la “rinuncia all'utilizzo di procedure mediche sproporzionate e senza ragionevole speranza di esito positivo”, come recita il Catechismo. È esattamente quello che è successo nel caso del cardinale». 

Come definirebbe Martini: un progressista o un conservatore dubbioso?

«Le definizioni non mi piacciono molto, in realtà. Era un uomo del dialogo che studiava e approfondiva non solo i testi sacri ma anche gli interlocutori che aveva di fronte. Viveva l'approfondimento della Parola anche attraverso, se così posso dire, il cammino degli altri». 

Sulla dottrina è stato spesso accusato di fare il controcanto a Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. È così?

«Non c'è una Chiesa di destra e una di sinistra. La Chiesa è una sola all'interno della quale c'è, necessariamente, diversità di vedute. Anche alle origini era così. Pensiamo a Pietro e Paolo, ad esempio. In realtà, quello che ho sempre percepito dialogando con lui è l'affetto profondo e straordinario che nutriva nei confronti del Papa, al quale scrisse più volte per esortarlo a costruire insieme una Chiesa che annunci il Vangelo di Cristo. Su questo ricordo volentieri un aneddoto significativo che mi raccontò una volta». 

Quale?

«Nel 1978 Paolo VI ricevette in Vaticano Daniel Wildenstein, il più noto collezionista d'arte del mondo, perché voleva valutasse il valore economico dei tesori artistici della Chiesa, compresa addirittura la Pietà di Michelangelo, al fine di venderli per far fronte alle esigenze dei poveri del mondo. Martini affermò, di essere d’accordo nel principio ma sottolineò che alcuni beni come la Pietà hanno un altissimo valore simbolico per credenti e non credenti e sono soltanto custoditi dalla Chiesa. Invece, ci sono molte altre ricchezze di cui forse la Chiesa potrebbe liberarsi per adempiere meglio la sua missione».

fonte: Famiglia Cristiana

 

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
beatrice genchi
beatrice genchi :
07/09/2012 18:07
"...piu' volte anche la Chiesa cattolica si e' dichiarata contraria alle cure non appropriate o sproporzionate. Giovanni Paolo II riteneva lecito : <<...rinunciare ad interventi medici non piu' adeguati alla reale situazione del malato, perche' ormai sproporzionati ai risultati che si potrebbero sperare o anche perche' troppo gravosi per lui e per la sua famiglia. In queste situazioni, quando la morte si preannuncia imminente ed inevitabile, si puo' in coscienza rinunciare a trattamenti che procurerebbero soltanto un prolungamento precario e penoso della vita, senza tuttavia interrompere le cure normali dovute all'ammalato in simili casi [.....] La rinuncia a mezzi straordinari o sproporzionati non equivale al suicidio o all'eutanasia; esprime piuttosto l'accettazione della condizione umana di fornte alla morte>> (Evangelium Vitae, 25 marzo 1995)[....]...non puo' essere trascurata la volonta' del malato, dal punto di vista giuridico, salvo eccezioni ben definite, di valutare se le cure che gli vengono proposte sono effettivamente proporzionate..." [C.M.MARTINI - Credere e conoscere - Einaudi]
I commenti sono stati disabilitati.
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.