Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L'anno che ha scosso la Chiesa: dodici mesi di Papa Francesco, di Franca Giansoldati

L'anno che ha scosso la Chiesa: dodici mesi di Papa Francesco, di Franca Giansoldati

creato da D. — ultima modifica 15/09/2015 09:51
Bergoglio diventato Francesco, dodici mesi dopo, gode di una popolarità mai vista... Il consenso cresce all'esterno e sembra non subire interruzioni, tuttavia all'interno della Curia il ciclone Bergoglio sta iniziando a smuovere sotterranei malumori, soprattutto tra i cardinali degli ambienti più conservatori e romano-centrici...

Bergoglio diventato Francesco, dodici mesi dopo, gode di una popolarità mai vista, più di Wojtyla, più di Roncalli, più di Paolo VI. In poco tempo ha spiazzato tutti. Time gli ha dedicato la copertina, lo stesso ha fatto la rivista Rolling Stones, inoltre è stato candidato al Nobel per la Pace e chissà se per la prima volta ci sarà un Papa a ritirare il premio a Stoccolma. In tv i suoi programmi raccolgono audience altissime, muove masse impressionanti, bastava osservare i 4 milioni sulla spiaggia di Copacabana quando a luglio si è recato in Brasile. Insomma un Papa superstar, i cui tweet in cinque lingue spopolano e vengono subito ritwittati alla velocità della luce e in misura maggiore di quelli del presidente Obama, solo per fare un paragone.

Il consenso cresce all'esterno e sembra non subire interruzioni, tuttavia all'interno della Curia il ciclone Bergoglio sta iniziando a smuovere sotterranei malumori, soprattutto tra i cardinali degli ambienti più conservatori e romano-centrici, che borbottano piuttosto critici per certi strappi alla tradizione. Sottovoce, sommessamente, quasi con ritrosia giudicano certi balzi in avanti un po' eccessivi. In campo liturgico per esempio, ma anche in campo dottrinale come lo stesso Francesco ha potuto osservare personalmente durante il dibattito libero (e a porte chiuse) durante il concistoro per la creazione dei nuovi cardinali dove, per due mattine consecutive, si è parlato a lungo di famiglia e delle nuove sfide che attendono la Chiesa in occidente. Non pochi porporati, in quella occasione, non hanno esitato a prendere la parola per manifestare un certo disagio soffermandosi su certi approcci «buonisti» che potrebbero mettere in pericolo l'impalcatura magisteriale finora osservata.

Umiltà La rivoluzione è iniziata il 13 marzo dell’anno scorso anche se al momento non è facile capire fino a dove potrà arrivare. Papa Francesco procede come un caterpillar e mostra di avere le idee sulla Chiesa che vorrebbe costruire, decisamente più comunitaria e meno centralistica di come non sia stata finora. All’orizzonte intravede una macchina di governo a servizio delle periferie e non viceversa. Per certi versi si tratta di un cambio di prospettiva. Sinergie, razionalizzazioni, accorpamenti. Già con ciò che subito dopo la sua elezione stava succedendo nella Cappella Sistina era facile intuire che il Papa «venuto dalla fine del mondo» era pronto a rivoltare l’ambiente curiale come un calzino. Ha rifiutato di sedersi sul trono, ha rispedito al mittente gli abiti sontuosi e la croce d'oro con smeraldi grossi come nocciole, ha voluto farsi benedire dal popolo quando si è presentato sulla Loggia, ha chiamato al suo fianco due cardinali, rompendo gli schemi. Da una parte Vallini perché vicario di Roma e dall’altra Hummes suo storico amico, paladino di tante battaglie comuni. «Ricordati dei poveri» gli ha sussurrato l'arcivescovo emerito di San Paolo del Brasile quando lo scrutinio convalidava l'elezione.

E poi il nome scelto, Francesco, che già di per sè contiene il programma del pontificato. «Sogno una Chiesa povera per i poveri» ha sintetizzato ai giornalisti due giorni dopo. Da quel momento Bergoglio ha sollecitato i preti a fare i preti, a non mettere i bigodini alle pecore ma andare nelle periferie a caccia di chi si è smarrito, ha sferzato i vescovi a rinunciare alle insegne del potere, i cardinali a non essere smaniosi di fare carriera, e infine ai fedeli ha domandato di perdonare i vicini, testimoniando la gioia di un annuncio senza l'acidità che hanno certi «cristiani con la faccia da peperoncino». Il primo viaggio lo ha fatto, simbolicamente, a Lampedusa tra gli immigrati, gli ultimi degli ultimi, urlando tutto il suo dolore. «Sono qui per risvegliare le nostre coscienze. Basta con la globalizzazione dell'indifferenza». Ha dato un volto alla disperazione. D’estate ha rinunciato alle ferie, solidale con le famiglie che faticano ad arrivare alla fine del mese e di sicuro non possono permettersi il lusso di una vacanza. Qualche mese dopo è partito alla volta di Assisi a pregare sulla tomba del Poverello, inginocchiandosi davanti al crocefisso di San Damiano, e chissà se ha ascoltato la stessa voce imperiosa: «Vai Francesco e aggiusta la mia Chiesa».

Gesuita La gente lo sente vicino. È credibile perché usa utilitarie, abita nella pensione di Santa Marta, e vuole la trasparenza nelle finanze vaticane, predicando la misericordia verso i peccatori. Tutti. Un insieme al quale lui stesso appartiene. «Anche il Papa è peccatore». La sua Chiesa è un ospedale da campo intenta a curare i feriti. «Chi sono io per giudicare un gay?» Vuole anche studiare le coppie omosessuali per capire come la Chiesa può avvicinarsi ai bambini che crescono tra nuclei di persone dello stesso sesso. Così ha dato ordine di distribuire un questionario per avere una fotografia sul fenomeno. Servirà a riflettere su come accogliere le pecorelle smarrite. Donne che hanno abortito, coppie di fatto, divorziati risposati, quest’ultimo un tema che ha originato uno scontro tra cardinali possibilisti e tradizionalisti. Qualcosa si sta muovendo. Alla fine del Sinodo sulla famiglia previsto per quest'autunno deciderà lui stesso che direzione far prendere alla Barca di Pietro. Dalla rivoluzione ormai non può tornare indietro. È per questo che ai giovani Bergoglio piace tanto. Tantissimo. In slang romanesco la loro fantastica sintesi: «Bella Fra'».

fonte: http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/VATICANO/chiesa_papa_francesco_anniversario_elezione/notizie/567743.shtml, 11.03.2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 116.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 116
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: La coppia

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.