Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Land grabbing, i padroni della terra allungano le mani, di Maurizio Bongioanni

Land grabbing, i padroni della terra allungano le mani, di Maurizio Bongioanni

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/06/2022 09:18
Presentato il quinto rapporto Focsiv sul land grabbing, ovvero l'accaparramento delle terre. Un fenomeno in continuo peggioramento…

La guerra in Ucraina, la crisi ambientale generata dai cambiamenti climatici, l’aumento dei prezzi dei generi alimentari ed energetici, la speculazione finanziaria. Tutti questi fenomeni stanno peggiorando il problema del land grabbing, l’accaparramento di terre, come già era avvenuto con la crisi economica e alimentare del 2008

La corsa alla terra avviene soprattutto da parte degli attori pubblici e privati appartenenti ai sistemi geopolitici più potenti. Che ora entreranno ancora più in competizione per accedere e controllare le risorse strategiche.

Queste sono le premesse da cui è partita l’ong Focsiv  per presentare la quinta edizione de “I padroni della terra”. Si tratta di un rapporto annuale sul fenomeno del land grabbing, con un focus sull’Ucraina. Infatti, l’invasione della Russia ha provocato effetti a catena. Nello specifico sui Paesi più vulnerabili e dipendenti dalle risorse agricole, tra cui i cereali russi e ucraini. 

I Paesi dell’America del Sud sono i più derubati

Basandosi sulle informazioni raccolte della banca dati Land Matrix, Focsiv pone il Perù al primo posto come Paese più coinvolto dal land grabbing. Con oltre 16 milioni di ettari coinvolti su un totale globale di 91,7 milioni di ettari di terre accaparrate. Seguono a distanza altri Stati latinoamericani (Brasile e Argentina), asiatici (Indonesia e Papua Nuova Guinea soprattutto), dell’Europa orientale (Ucraina) ed africani (Sud Sudan, Mozambico, Liberia e Madagascar).

I principali accaparratori sono soprattutto i Paesi “occidentali” più ricchi. Dal Canada (quasi 11 milioni di ettari) alla Gran Bretagna, passando per gli Stati Uniti (quasi 9 milioni di ettari), la Svizzera e il Giappone. Seguono le nuove grandi economie come la Cina (5,2 milioni di ettari) e l’India. Assieme alla Malesia (4,2 milioni di ettari) e alle sede di imprese multinazionali come Singapore (3 milioni di ettari).

Ci sono poi territori dove l’accaparramento è interno e avviene da imprese dello stesso Paese. È il caso della Russia, che conta ben 26,4 milioni di ettari accaparrati in questo modo. 

Cresce il land grabbing in Ucraina

E poi c’è l’Ucraina: dei 60 milioni di ettari di superficie totale, il 55% è classificato come terreno coltivabile. È la percentuale più alta a livello europeo. Questa incredibile ricchezza di terreni fertili ha fatto guadagnare all’Ucraina il titolo di “granaio d’Europa”

Una condizione dovuta al particolare processo fondiario avvenuto dopo il crollo dell’Unione Sovietica. La riforma agraria del 1992 consegnò infatti a milioni di abitanti dei villaggi ucraini un piccolo appezzamento di terreno. In media quattro ettari ciascuno, che in precedenza era di proprietà statale. 

Man mano che gli abitanti dei villaggi affittavano i loro appezzamenti per cifre irrisorie (per mancanza di capitale e perché la frammentazione degli appezzamenti impediva loro di sostenersi tramite il lavoro agricolo), migliaia di questi terreni si sono gradualmente concentrati sotto il controllo di pochi investitori. Soprattutto sotto forma di grandi aziende agricole. 

Il 15% dei terreni agricoli in Ucraina è affittato da investitori stranieri: Cipro e Lussemburgo, noti paradisi fiscali, sono i primi Stati investitori, seguiti da Paesi Bassi, Singapore, Belize, Stati Uniti, Arabia Saudita e Germania. Tutti utilizzano le loro filiali nei paradisi offshore per il commercio di cereali o di altre materie prime agricole. Focsiv fa notare che in più della metà delle operazioni sono coinvolte società private e quotate in Borsa che hanno rilevato aziende agricole locali proprietarie di terreni. 

Digitalizzazione , banche e biocarburanti

Nel rapporto trovano spazio approfondimenti su altre problematiche, tra cui la digitalizzazione del land grabbing. Registri e certificazioni digitali, infatti, stanno facilitando le operazioni di accaparramento. Non solo: anche Facebook sta diventando uno spazio per il commercio illegale della terra), il ruolo opaco delle banche pubbliche di sviluppo (Bps), accusate nel rapporto di essersi ritirate da diverse operazioni speculative senza essersi assunte alcuna responsabilità per la violazione dei diritti umani delle comunità locali. 

Un capitolo del rapporto viene dedicato al tema dei biocarburanti, in quanto, soprattutto nella fascia equatoriale, il processo di accaparramento delle terre per finalità energetiche rischia di rinvigorirsi a causa della guerra in Ucraina (questo fenomeno si concentra soprattutto in Indonesia e Malesia, dove negli ultimi 20 anni si è avuto un boom della palma da olio). 

In Italia si consuma troppo suolo agricolo

Infine c’è il capitolo Italia. Nel nostro territorio, Focsiv non ravvisa dinamiche di accaparramento, ma la pressione di diversi interessi economici ha generato un processo di crescente consumo del suolo agricolo. Il direttore di Ispra, Michele Munafò, evidenzia come la copertura artificiale di suolo utile sia salita al 9,15% del totale disponibile, rispetto ad una media del 4,2% in Unione europea. Ciò si è tradotto in una perdita di prodotti agricoli di 4,1 milioni di quintali tra il 2012 e il 2020. Così come nella perdita di servizi ecosistemici, in particolare di capacità di regolazione del ciclo idrogeologico, di biodiversità, di stoccaggio di CO2.

Insomma, il rapporto conclude spiegando che è dimostrato come gli investimenti su larga scala non garantiscano maggiori rese per ettaro. Ma riducano l’occupazione agricola e la sicurezza alimentare locale, togliendo il possesso della terra ai contadini e l’uso di beni comuni. Le tensioni sociali, le disuguaglianze e le espulsioni verso l’economia informale delle città crescono. Ne consegue che l’agricoltura su piccola scala, se ben supportata, continua ad essere la migliore garanzia per la sicurezza alimentare locale, assieme alle possibilità di diversificazione del reddito.

https://valori.it/land-grabbing-focsiv-padroni-della-terra/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.