Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L'analfabetismo politico di Matteo Salvini, di Christian Raimo

L'analfabetismo politico di Matteo Salvini, di Christian Raimo

creato da D. — ultima modifica 08/10/2015 19:04
A Pontida si è svolto il ventinovesimo raduno nazionale della Lega. Il primo ci fu nel 1990, e quello che allora sembrava un baraccone che metteva insieme spinte xenofobe, un posticcio immaginario neopagano (il dio Po), e un ridicolo revisionismo storico (Alberto da Giussano), è l’unico movimento rimasto in forze dall’inizio della seconda repubblica a oggi.

A Pontida si è svolto il ventinovesimo raduno nazionale della Lega. Il primo ci fu nel 1990, e quello che allora sembrava un baraccone che metteva insieme spinte xenofobe, un posticcio immaginario neopagano (il dio Po), e un ridicolo revisionismo storico (Alberto da Giussano), è l’unico movimento rimasto in forze dall’inizio della seconda repubblica a oggi.

Il simbolo di Pontida quest’anno era la ruspa. Un caterpillar enorme campeggiava dietro il palco (chissà cosa ne pensa l’azienda Cat di questo product placement?), e le magliette con il disegnino della ruspa erano disponibili anche nelle taglie 2-6 anni.

L’operazione di restyling di Matteo Salvini sta avendo successo. Come uno di quei bambini che con mossa scaltra ha chiamato sul palco in coda al comizio, Salvini risponde “Ruspa!” a qualunque questione politica. Una coazione a ripetere: Ruspa! Ruspa! Ruspa!

“Ruspa!” è la versione che mette insieme il me ne frego fascista e il vaffa grillino, riuscendo ad accumulare l’energia malsana dell’antipolitica in una parola d’ordine che non è nemmeno uno slogan ma un singulto primitivo.

Nonostante non abbia uno straccio di programma sull’immigrazione, nonostante il suo discorso di chiusura a Pontida abbia la solita profondità politica di uno sfogo da bar, e nonostante per lucrare voti sulla questione rom ogni giorno lanci provocazioni disumane (bruciamoli tutti! eccetera), Salvini aumenta la sua credibilità e insiste nel voler penetrare a sud dopo aver ottenuto il 20 per cento nelle regioni centrali alle ultime amministrative: si propone come forza di governo.

Perché questa destra razzista ha tutto questo consenso?

Si può analizzare il fenomeno con la lente politica, e capire per esempio che il vuoto che lui colma è la rappresentanza del ceto medio impoverito dalla crisi (“Sono contento che il papa abbia incontrato i rom a Torino, spero che abbia incontrato anche gli esodati”), a cui si propone come l’alfiere di una destra sociale populista (il selfie in cui dona il sangue, i tweet a favore degli asili nido e dei disabili…).

Ma occorre leggere l’exploit leghista anche culturalmente. Salvini capitalizza la corruzione culturale di vent’anni di antipolitica: un calderone mefitico in cui si mischiano complottismo, sovranismo, revisionismo, qualunquismo, machismo, neoborbonismo, molti rigurgiti neonazisti.

Del federalismo della prima Lega (Gianfranco Miglio ma anche Umberto Bossi che citavano Cattaneo) non è rimasto nulla; ma anche il secessionismo di Roberto Calderoli e Roberto Maroni sembra archiviato.

Se l’indipendentismo è sempre più spesso una battaglia politica di sinistra – modulato secondo il think globally, act locally (vedi la Scozia, la Catalogna, i movimenti ecologisti), Salvini a Pontida ha voluto far andare in scena la rappresentazione di uno pseudoeuropeismo autoritario se non fascista, che si richiama a Vladimir Putin, Viktor Orbán e ai populisti danesi appena reduci dal successo alle elezioni. E poi ha declinato il tutto secondo una versione nostrana: il ruspismo. Un analfabetismo culturale rivendicato che è davvero pericoloso sottovalutare.

fonte: www.internazionale.it, 22.06.2015

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.