Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L'adozione solo se c'è l'impegno del matrimonio, di Benedetta Verrini

L'adozione solo se c'è l'impegno del matrimonio, di Benedetta Verrini

creato da webmaster ultima modifica 14/09/2015 10:52
10/03/2015 E’ l’appello rilanciato in queste ore dal Forum delle Associazioni Familiari, alla vigilia della discussione, in Aula al Senato, del disegno di legge 1209 di modifica della legge sulle adozioni. Laddove nel passaggio del DDL dalla Commissione Giustizia al Senato si è persa la specifica sulla possibilità di adottare da parte della famiglia affidataria se, e se solo se, i coniugi sono uniti in matrimonio da almeno tre anni.

 

La proposta di riforma riguarda la possibilità di adozione del minore da parte della famiglia affidataria nei frequenti casi in cui, dopo un lungo affido, viene stabilita l’adottabilità del bambino. Il cammino del disegno di legge era stato, fino alla settimana scorsa, sostanzialmente ben accolto dalle organizzazioni che si occupano di accoglienza familiare e dal Tavolo nazionale affido, ma poi un emendamento ha cambiato la prospettiva.
Cosa è accaduto? Il testo, proposto a fine 2013 dalla senatrice Francesca Puglisi (PD), affronta una gravissima problematica, quella degli affidi che vanno ben oltre la “difficoltà temporanea” della famiglia d’origine e che finiscono per lasciare i minori in una sorta di limbo (che dura molto più dei due anni stabiliti dalla legge) presso famiglie affidatarie. Secondo l’Istituto degli Innocenti i bambini e gli adolescenti rimasti in affidamento familiare per oltre due anni costituiscono la maggioranza degli accolti (corrispondono a circa il 60 per cento del totale, erano il 56 per cento nel 2008). In un numero elevato di casi, la situazione critica che ha giustificato l'allontanamento dalla famiglia originaria si risolve negativamente e il minore è quindi dichiarato adottabile. A questo punto capita non di rado che un bambino o una bambina, già provati da una prima separazione, siano sottoposti ad una seconda dolorosa frattura e «trasferiti» a una terza famiglia, diversa da quella affidataria che per anni li ha visti crescere. 

Nella forma in cui era uscito dalla discussione in Commissione Giustizia, il testo del ddl aveva ricevuto l’apprezzamento del Tavolo nazionale affido, perché ammetteva una volta per tutte la possibilità di adozione da parte della famiglia affidataria, a condizione che si trovasse in possesso degli stessi requisiti richiesti dalla legge per gli aspiranti adottivi (coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni). Ma quando la proposta è giunta alla discussione dell’Aula del Senato, il 5 marzo scorso, il passaggio sui requisiti è stato soppresso. Quindi è stata rimossa la necessità, per gli affidatari, di essere legalmente sposati.

“La ratio della limitazione alle coppie sposate appare di una evidenza cristallina”, precisa il Forum. “Offrire ai bambini una famiglia che abbia il massimo della stabilità e dell’impegno pubblico, attraverso il matrimonio”. La sfida della proposta in discussione era proprio quella di conciliare due ambiti differenti: avendo premesse diverse - l’adozione un progetto familiare, l’affido una misura di solidarietà temporanea – i due istituti possono essere attuati da soggetti diversi. Ad esempio l’affido, in quanto soluzione temporanea, può essere realizzato anche dai single, ai quali resta anche la possibilità di adottare in “casi speciali” secondo l’art. 44 della legge sulle adozioni. “Ma si tratta, appunto, di casi speciali, mentre la generalità della risposta dello Stato deve necessariamentetendere a dare il massimo a un bambino in difficoltà”, conclude il Forum. “E per lo Stato il massimo è una coppia genitoriale completa, regolarmente sposata, che proprio davanti allo Stato si è impegnata alla stabilità e ai compiti di cura previsti dal codice civile”.

 

Fonte: http://www.famigliacristiana.it/articolo/l-adozione-solo-se-c-e-l-impegno-del-matrimonio.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.