Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L'adozione solo se c'è l'impegno del matrimonio, di Benedetta Verrini

L'adozione solo se c'è l'impegno del matrimonio, di Benedetta Verrini

creato da webmaster ultima modifica 14/09/2015 10:52
10/03/2015 E’ l’appello rilanciato in queste ore dal Forum delle Associazioni Familiari, alla vigilia della discussione, in Aula al Senato, del disegno di legge 1209 di modifica della legge sulle adozioni. Laddove nel passaggio del DDL dalla Commissione Giustizia al Senato si è persa la specifica sulla possibilità di adottare da parte della famiglia affidataria se, e se solo se, i coniugi sono uniti in matrimonio da almeno tre anni.

 

La proposta di riforma riguarda la possibilità di adozione del minore da parte della famiglia affidataria nei frequenti casi in cui, dopo un lungo affido, viene stabilita l’adottabilità del bambino. Il cammino del disegno di legge era stato, fino alla settimana scorsa, sostanzialmente ben accolto dalle organizzazioni che si occupano di accoglienza familiare e dal Tavolo nazionale affido, ma poi un emendamento ha cambiato la prospettiva.
Cosa è accaduto? Il testo, proposto a fine 2013 dalla senatrice Francesca Puglisi (PD), affronta una gravissima problematica, quella degli affidi che vanno ben oltre la “difficoltà temporanea” della famiglia d’origine e che finiscono per lasciare i minori in una sorta di limbo (che dura molto più dei due anni stabiliti dalla legge) presso famiglie affidatarie. Secondo l’Istituto degli Innocenti i bambini e gli adolescenti rimasti in affidamento familiare per oltre due anni costituiscono la maggioranza degli accolti (corrispondono a circa il 60 per cento del totale, erano il 56 per cento nel 2008). In un numero elevato di casi, la situazione critica che ha giustificato l'allontanamento dalla famiglia originaria si risolve negativamente e il minore è quindi dichiarato adottabile. A questo punto capita non di rado che un bambino o una bambina, già provati da una prima separazione, siano sottoposti ad una seconda dolorosa frattura e «trasferiti» a una terza famiglia, diversa da quella affidataria che per anni li ha visti crescere. 

Nella forma in cui era uscito dalla discussione in Commissione Giustizia, il testo del ddl aveva ricevuto l’apprezzamento del Tavolo nazionale affido, perché ammetteva una volta per tutte la possibilità di adozione da parte della famiglia affidataria, a condizione che si trovasse in possesso degli stessi requisiti richiesti dalla legge per gli aspiranti adottivi (coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni). Ma quando la proposta è giunta alla discussione dell’Aula del Senato, il 5 marzo scorso, il passaggio sui requisiti è stato soppresso. Quindi è stata rimossa la necessità, per gli affidatari, di essere legalmente sposati.

“La ratio della limitazione alle coppie sposate appare di una evidenza cristallina”, precisa il Forum. “Offrire ai bambini una famiglia che abbia il massimo della stabilità e dell’impegno pubblico, attraverso il matrimonio”. La sfida della proposta in discussione era proprio quella di conciliare due ambiti differenti: avendo premesse diverse - l’adozione un progetto familiare, l’affido una misura di solidarietà temporanea – i due istituti possono essere attuati da soggetti diversi. Ad esempio l’affido, in quanto soluzione temporanea, può essere realizzato anche dai single, ai quali resta anche la possibilità di adottare in “casi speciali” secondo l’art. 44 della legge sulle adozioni. “Ma si tratta, appunto, di casi speciali, mentre la generalità della risposta dello Stato deve necessariamentetendere a dare il massimo a un bambino in difficoltà”, conclude il Forum. “E per lo Stato il massimo è una coppia genitoriale completa, regolarmente sposata, che proprio davanti allo Stato si è impegnata alla stabilità e ai compiti di cura previsti dal codice civile”.

 

Fonte: http://www.famigliacristiana.it/articolo/l-adozione-solo-se-c-e-l-impegno-del-matrimonio.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.