Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La vita vera del territorio. Presenze perdute, bisogni inascoltati, di Diego Motta

La vita vera del territorio. Presenze perdute, bisogni inascoltati, di Diego Motta

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 09/04/2020 10:01
L’abc del “prendersi cura” è da insegnare e apprendere daccapo, forse tornando alle origini e certo impostando una cooperazione virtuosa tra statale e privato sociale dentro un saldo concetto di “pubblico”…

Più d’uno pensava che ormai “il territorio” fosse solo un pretesto per avanzate formidabili a base di propaganda, il primo passo di una conquista che aveva ben altri palcoscenici cui mirare. In nome del territorio, un simbolo da catturare e un feticcio da esibire al pubblico, alcuni si erano convinti che fosse possibile fare di tutto. Invece no, si stavano sbagliando – e noi, magari, con loro. 

Abbiamo scoperto, infatti, in queste settimane di pandemia, che “il territorio” è altro: il silenzio dei malati nelle case abbandonate, l’impotenza dei loro familiari, il coraggio mai inutile eppure spesso vano di tanti medici di famiglia, lo sgomento di infermiere, badanti e assistenti domiciliari rinchiuse spesso in un dolore impotente e attonito. 

Avevamo capito quasi subito che la partita che si sta combattendo dal 21 febbraio negli ospedali italiani è una partita tra la vita e la morte, la speranza e l’abisso, la risurrezione e la croce. Con il passar dei giorni, è diventato sempre più chiaro che dall’inizio era una sfida casa per casa, strada per strada.

È stato come svegliarsi bruscamente da un incubo: nessuno è sembrato accorgersi, in questi anni, del fatto che tante, troppe, nostre comunità erano rimaste isolate, ben prima che l’isolamento forzato deciso per il diffondersi del Covid-19 diventasse l’unica via per arginare il contagio.

Attraversiamo in questi giorni terre svuotate da figure-chiave per chi deve viverci: pediatri e medici di base hanno frotte di pazienti, magari in paesi diversi, e non riescono a seguirli tutti. Nemmeno a vederli una volta all’anno in tempi normali, figurarsi durante un’emergenza.

Il Centro-Sud è, da questo punto di vista, in una situazione persino più grave rispetto al Nord Italia, eppure questo non è bastato a regioni come la Lombardia per salvarsi. Anzi. Abbiamo dovuto prendere atto, in questi cinquanta giorni, che l’eccellenza sanitaria non è sufficiente, se è limitata a pur eccellenti ospedali e non è distribuita in lungo e in largo. 

Restano una miriade di zone nel Paese in cui i servizi alle persone si sono rarefatti e la loro qualità si è abbassata, senza che si alzasse la voce per dire che i rischi di un crollo del sistema di welfare pazientemente e saggiamente costruito negli anni della cosiddetta Prima Repubblica fossero imminenti. 

Di più: ci eravamo dimenticati che ogni Comune, ogni quartiere, persino ogni angolo delle città fa storia a sé e non importa a quale latitudine ci si trovi se mancano posti letto, respiratori, mascherine. L’abc del “prendersi cura” è da insegnare e apprendere daccapo, forse tornando alle origini e certo impostando una cooperazione virtuosa tra statale e privato sociale dentro un saldo concetto di “pubblico”. 

Senza persone in grado di riempire di anima e cura un territorio, le nostre comunità hanno sempre più perso punti di riferimento e sperimentano oggi più che mai la fatica a rialzarsi. Il dottore, soprattutto nei piccoli paesi, aveva un valore simbolico paragonabile a quello del parroco e del sindaco, della maestra e del maresciallo dei carabinieri: ascoltava, rassicurava, dispensava consigli e saggezza. Lo fa ancora, ma solo in alcuni casi. È (meglio sarebbe dire, era) una presenza, nelle terre dell’assenza.

Dobbiamo tornare a riempire quei vuoti. È stata la società civile, attraverso le voci del Terzo settore, a ricordarci durante la pandemia che l’assistenza domiciliare non può essere considerata un lusso, che le Rsa e i centri diurni per anziani non vanno trattati come luoghi a perdere, nascosti al mondo e alle Istituzioni, che i disabili, i minori e i più fragili hanno bisogno di risposte. Non adesso, prima.

Su queste colonne lo si è detto per tempo: manca personale sanitario, mancano reparti di terapia intensiva, mancano caregiver e buoni samaritani. Denunce inascoltate, purtroppo.

Presi come eravamo dalla smania di raccontarci un “territorio” a immagine e somiglianza delle esigenze della propaganda e dei modelli socioeconomici considerati vincenti, troppi manovratori delle leve e delle programmazioni avevano perso il contatto con la realtà. Quella vera, quella che si nasconde oltre i citofoni, tra le pareti di casa.

 

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/la-vita-vera-del-territorio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.