Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La virata necessaria, di Antonella Lumini

La virata necessaria, di Antonella Lumini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 23/03/2020 09:50
La paura tramanda una memoria atavica che riconduce ai riti ancestrali del sacro che il cristianesimo però purifica attraverso l’atto d’amore puro…

La paura è umana, anche Gesù ha avuto paura: «In preda all’angoscia pregava più intensamente. Il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra» (Luca, 22, 44). Importante è come si reagisce alla paura. La paura può far chiudere in se stessi spegnendo la fiamma del cuore, prosciugando la vena dell’amore, oppure aprire a un rapporto sempre più intenso con il fuoco dello Spirito, con l’Origine che ci ha generati.

Paura, in latino pavor, viene dal verbo pavere, avere paura, il cui verbo di stato, pavire, significa essere battuto, battere il terreno per livellarlo e da cui deriva il termine pavimento. La paura è quindi una emozione che sottintende l’essere battuti, schiacciati. È la reazione sensibile di fronte a un pericolo, a una situazione che mette fortemente a rischio la vita. Certamente scaturisce da una memoria che pervade anche le nostre cellule perché, di generazione in generazione, l’umanità porta dentro se stessa ricordi di eventi naturali o prodotti dalla storia individuale e collettiva che hanno impresso tracce indelebili di questa emozione forte. La paura tramanda una memoria atavica che riconduce ai riti ancestrali del sacro che il cristianesimo però purifica attraverso l’atto d’amore puro, l’offerta pura accompagnata dal ringraziamento a perenne memoria che tutto è grazia dove governa l’amore.

Questa è allora la virata necessaria: ascoltare la nostra paura come veicolo di trasmissione che apre a un amore più grande, come testimonia Gesù con il segno eucaristico.

Gesù a tavola con i suoi già sa. Il suo cuore è turbato, ma proprio di fronte agli eventi che stanno per scatenarsi, ecco che la sua reazione sposta di un salto iperbolico la prospettiva del mondo. Accetta con atto d’amore puro. Guarda quanto accade sul piano dell’economia umana, dominata da una volontà di menzogna, di potere, di violenza, con uno sguardo completamente orientato verso il fluire leggero della grazia, dove ogni distorsione si dissolve, dove tutto rientra nella levità dell’atto creativo, nella bellezza dell’amore.

Gesù acconsente, ma non subisce. Il suo gesto è sublime, nobilita il genere umano conducendolo verso il compimento. Amore puro che sconvolge, commuove il cuore, spaesa l’anima. Possiamo solo stare nella contemplazione di un mistero troppo grande per essere compreso e che può solo essere incarnato a piccoli frammenti ogni volta in cui, anche noi, con tutti i nostri limiti, con le nostre miserie, ci troviamo costretti a misurarci con la nostra paura.

Fermarsi, accudire il colpo, far posto nel profondo alla verità, entrare in contatto con la nostra paura, con quella di coloro che ci stanno vicini e gridare come Pietro quando sta per affogare: «Signore salvami!» (Matteo, 14, 30). Il Signore con la sua presenza di infinita misericordia è sempre lì, in quell’ultima cena che si rinnova quotidianamente sulla faccia della terra ovunque ci siano eventi drammatici e dolorosi. È lì che ci offre la mano per attrarci dentro la corrente del suo amore. Spalanca la nostra mente verso altri orizzonti, ci fa ricordare che la grazia sempre fluisce, che attraversa con i suoi semi di luce ogni oscurità, che risolleva vivificando i cuori.

Gesù sposta la prospettiva dal tempo all’eterno ricordandoci che il tempo è dentro l’eterno e che quindi ci possiamo sempre rientrare attraverso la coscienza. Siamo nel tempo storico, ma contemporaneamente siamo nell’eterno, così come siamo su questo pianeta, ma navighiamo nelle galassie, dentro l’universo.

Questi spostamenti di coscienza dilatano, colmano, perché la manifestazione creata è governata dall’amore e allora, dentro l’abbraccio di un amore così avvolgente, la paura si dissolve come un granello di sale nel mare. È un fatto di prospettive, di proporzioni. E tutto parte dal qui e ora perché il qui del tempo è in se stesso un attimo eterno. L’ora di Gesù è nel tempo, ma insieme è nel movimento infinito dell’amore. Il Verbo incarnato è una porta spalancata nella coscienza che permette questi passaggi di prospettiva.

Il segno eucaristico è dunque come faro di luce che mantiene sveglia la memoria, attrae la nostra umanità in una costante ascensione di grazia, invita all’abbandono, alla fede autentica: Grazie Signore di esserci sempre, tu che nobiliti la nostra vita.

Questo tempo di grande prova e smarrimento che chiede di fermarci, di restare più a casa, che interrompe i nostri frenetici ritmi, potrebbe essere letto come urgenza di sopravvivenza che si impone su un meccanismo disumanizzante, perverso e irrefrenabile. Tutti siamo provati, addolorati, sgomenti, ma dopo un primo naturale spaesamento, è possibile che questo dramma operi profondamente nelle coscienze al fine di promuovere un cambiamento di rotta a livello globale.

Certo il prezzo è molto alto. Chi è colpito, chi non ce la fa. Chi cura, soccorre, assiste, al ritmo di una generosità commovente. Chi cerca di governare con grande difficoltà una situazione che travalica da ogni punto di vista. Tutto questo fa traballare tante false certezze che dominano il nostro mondo. Ci sono valori non negoziabili che tornano alla ribalta, primo fra tutti la sacralità della persona umana in tutte le tappe della vita, compreso il momento estremo dell’accompagnamento verso l’ultimo passaggio. 

Quello che strazia in questi giorni sono proprio gli immensi disagi e le anomale modalità che riguardano questo congedo fra chi lascia e coloro che restano. Lacerazioni che non possono finire nel nulla, che interrogano profondamente sul senso della morte e della vita. Questa emergenza così dolorosa, sta anche risvegliando solidarietà fra le persone, mette di fronte al senso di fragilità, sta facendo crollare ogni falsa illusione di autosufficienza. È dunque un grande invito a rientrare in noi stessi, a misurarci con la verità, a metterci in ascolto delle nostre anime assetate di eterno e di infinito.

 

http://www.osservatoreromano.va/it/news/la-virata-necessaria

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.