Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La via vaticana al multipolarismo, di Emanuel Pietrobon

La via vaticana al multipolarismo, di Emanuel Pietrobon

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 26/12/2019 12:44
Ogni pontefice è stato storicamente guidato da una doppia visione: una per il presente ed una per il futuro...

Il Global Times, il quotidiano-megafono del Partito Comunista Cinese, ha recentemente annunciato che le diplomazie cinese e vaticana stanno lavorando per il pieno recupero dei rapporti bilaterali, per il perfezionamento dell’accordo sulla nomina dei vescovi e, soprattutto, per realizzare un evento senza precedenti: la visita del Papa a Pechino.

La notizia non coglie inaspettato chi, sin dall’inizio del pontificato, segue con attenzione le mosse del duo Bergoglio-Parolin, il cui obiettivo principale è preparare il terreno per la trasmigrazione del cattolicesimo dall’Europa post-cristiana alle “periferie del mondo”, ossia tutti quei paesi del cosiddetto Sud globale in cui la fede ha ancora spazio nella vita pubblica, dove il clero vive intensamente la chiamata divina e non è continuamente protagonista di scandali finanziari o sessuali, e dove, perciò, il Vangelo ha concrete possibilità di espandersi e prosperare.

Il Papa sta dedicando sempre meno attenzione all’Occidente, nella consapevolezza che il “piano per la nuova evangelizzazione” approntato nel dopo-guerra fredda da Giovanni Paolo II e Benedetto XVI è fallito e che il destino della fu culla della cristianità è inevitabilmente diretto verso un’altra direzione, contraria e ostile a quella perseguita dall’istituzione più antica del mondo ancora esistente.

L’occidentalo-centrismo delle relazioni internazionali è, anch’esso, destinato a scomparire, sebbene gli Stati Uniti stiano tentando attraverso un rinvigorito bellicismo di fermare la transizione verso il multipolarismo. Ed è proprio qui che entra il gioco il Vaticano che, su spinta del Papa, ha fatto una scelta di campo rischiosa e inaspettata: parteggiare per gli “antagonisti” dell’ordine liberale occidentalo-centrico che, poi, non sono neanche espressioni della civiltà cattolica.

La Russia, con la quale il pontefice va’ particolarmente d’accordo e sta collaborando attivamente in numerosi campi, fra cui la protezione dei cristiani perseguitati in Medio oriente, è a trazione ortodossa.

L’Iran, per il quale il pontefice ha fatto intenso lobbismo negli anni dell’era Obama per convincere la Casa Bianca a raggiungere un compromesso, poi formalizzatosi nell’accordo sul nucleare successivamente stracciato dall’amministrazione Trump, è una repubblica teocratica islamica.

La Cina, che è il punto focale dell’intera agenda papale, è una dittatura comunista in cui la libertà religiosa è fortemente limitata.

Eppure, le azioni e le parole del Vescovo di Roma e dei suoi portavoce delineano un quadro chiarissimo: il Vaticano ha scelto di appoggiare la lotta di questi paesi per un mondo multipolare. Il motivo è anche abbastanza comprensibile: il momento unipolare che ha visto Washington trasformarsi nel “poliziotto del mondo” è stato contornato da rivoluzioni colorate, guerre civili pilotate, guerre infinite, cambi di regime violenti, quasi sempre nel nome del profitto.

Un nuovo ordine internazionale, magari incardinato sul partenariato russo-cinese, potrebbe risultare più benefico, non perché non violento, ma perché meno violento. Per capire le ragioni di una tale convinzione si guardi, molto semplicemente, il modus faciendi di Francia e Cina in riferimento alla proiezione e alla protezione dei loro interessi all’estero.

La Françafrique di Parigi è rigidamente tenuta in piedi da operazioni militari, colpi di stato, guerre civili, terrorismi, cambi di regime, ricatti economici (es. il Franco CFA).

La Nuova Via della Seta di Pechino, per quanto funzionale alla realizzazione di un disegno egemonico, è comunque capace e volente di assicurare ritorni economici, sociali e politici ai paesi interessati, e potrebbe essere per l’Asia e l’Africa orientale ciò che il piano Marshall è stato per l’Europa occidentale.

Ogni pontefice è stato storicamente guidato da una doppia visione: una per il presente ed una per il futuro. In questo modo la chiesa cattolica ha potuto sopravvivere nei secoli alle persecuzioni e reinventarsi dopo periodi bui. Nel caso di Papa Francesco, l’apertura ad Oriente di oggi è strumentale per la fioritura della chiesa del domani. 

https://www.vision-gt.eu/news/la-via-vaticana-al-multipolarismo/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.