Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La vera emergenza migranti è il civile governo dei flussi, di Maurizio Ambrosini

La vera emergenza migranti è il civile governo dei flussi, di Maurizio Ambrosini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 07/01/2022 09:59
I dati da contestualizzare…

È davvero ripresa l’emergenza sbarchi, o peggio – come qualcuno grida – l’'invasione'? Stiamo ragionando (e sragionando) sui dati relativi agli arrivi dal mare sulle coste italiane nel 2021: 67.040, quasi il doppio rispetto al 2020 (34.154). Aumentati anche gli ingressi di minori non accompagnati: 9.478, a fronte dei 4.687 dell’anno precedente. Tanto basta ad alcuni attori politici e ai media consonanti per levare alte grida d’allarme, con annesse avventate e propagandistiche richieste di dimissioni della ministra Lamorgese. 

Questi dati vanno, infatti, contestualizzati. Il 2020 è stato un anno peculiare, e speriamo irripetibile: la prima fase della pandemia ha provocato un brusco arresto della mobilità trasnfrontaliera, in tutte le sue forme, dal turismo, ai viaggi d’affari, ai movimenti dei migranti e delle persone in cerca di asilo. Se riandassimo invece agli anni precedenti, ci accorgeremmo che gli sbarchi del 2021 sono rimasti ben al di sotto dei numeri raggiunti negli anni centrali dello scorso decennio: 181.000 nel 2016, 119.000 nel 2017. Gli accordi con la Libia continuano a funzionare, oliati dai finanziamenti italiani ed europei e indifferenti alle proteste delle organizzazioni internazionali. E non è una buona notizia. 

I nuovi migranti sulle pericolose rotte del mare, inoltre, sono molto diversi da quelli di allora. Non arrivano prevalentemente dai Paesi martoriati e instabili dell’Africa subsahariana, ma da una varietà di luoghi di provenienza. In primo piano è salito il Nord-Africa, in cui le speranze suscitate dalle primavere arabe sono andate in frantumi, i regimi s’induriscono, le economie languono: al primo posto troviamo la Tunisia (23%), seguita dall’Egitto (12%). Bangladesh (12%) e Iran (6%) occupano le posizioni successive, indicando altri punti di crisi geopolitica verso Oriente. Le rotte si sono diversificate: sono emersi nuovi porti d’imbarco per alcuni e si sono disegnate rotte più complesse e tortuose per altri. I nefandi presìdi libico e turco tengono, ma sono sempre più inadeguati, moralmente e anche ai soli fini del contenimento dei flussi. 

Le drammatiche notizie dal confine croato e da quello polacco ci ricordano inoltre che le persone in fuga verso l’Unione Europea cercano affannosamente percorsi alternativi, malgrado la violenza dispiegata per fermarle. Si ha invece meno contezza del fatto che i richiedenti asilo arrivano in Europa in molti modi, ma vedono l’Italia in una posizione defilata. In attesa dei dati 2021, nel 2020 le richieste d’asilo sono state 122.000 in Germania, 93.000 in Francia, 89.000 in Spagna, contro 27.000 nel nostro Paese. La Spagna per esempio è interessata da flussi di richiedenti asilo sud-americani, soprattutto venezuelani, di cui neppure ci rendiamo conto. 

Nel frattempo, si lamenta la carenza di manodopera per alimentare la ripresa economica. Nel nostro Paese il nuovo decreto flussi, annunciato pochi giorni fa e ancora in fase di perfezionamento, per la prima volta dopo anni ha ritoccato le quote al rialzo: 69.700 nuovi ingressi (contro meno di 31.000 negli anni scorsi), di cui però 42.000 dedicati al lavoro stagionale in agricoltura e nel settore alberghiero, e solo 27.700 a forme di lavoro diverse, in cui rientra un po’ di tutto, dagli artisti alle conversioni dei permessi per studio. Eppure lì sta una delle chiavi per ridurre gli arrivi dal mare e le richieste di asilo improprie: offrire un canale alternativo per ingressi sicuri, legali, ordinati, orientati da subito all’inserimento lavorativo. Magari ripristinando l’istituto della sponsorizzazione, che responsabilizzerebbe datori di lavoro e partenti e potrebbe coinvolgere le comunità locali. Per l’asilo, si dovrebbe invece insistere sull’ampliamento dei corridoi umanitari, che stanno facendo scuola in Europa, e di altre forme di partenariato, come quelle che coinvolgono le università. 

In Canada già oggi oltre la metà dei richiedenti asilo sono sponsorizzati da soggetti della società civile o in forme miste pubblico-private, che vedono anche la partecipazione dei governi locali. Ciò che invece non funziona sono i rimpatri forzati: pochi (3.351 nel 2020), costosi (64 milioni tra il 2015 e il 2020), ingiusti (il 55% ha riguardato i soli cittadini tunisini, per i quali è più facile procedere) (Fonte: 'Nigrizia', novembre 2021). Ma anche inutili: chi è rimpatriato il più delle volte ritenta. Se riteniamo che gli arrivi via mare siano un problema, e lo sono soprattutto per il cinico traffico che li organizza e per il prezzo in vite umane, serve coraggio e inventiva per trovare soluzioni alternative, più umane e compatibili. Potrebbe essere un buon e realistico programma per questo 2022. 

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/la-vera-emergenza-migranti-il-civile-governo-dei-flussi

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.