Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Quei 60mila morti in Siria e l'indifferenza dell'Occidente, di Monica Ricci Sargentini

Quei 60mila morti in Siria e l'indifferenza dell'Occidente, di Monica Ricci Sargentini

creato da Denj — ultima modifica 21/07/2016 17:21
Possiamo veramente continuare ad ignorare la tragedia del popolo siriano? Non è forse giunto il momento di cambiare strategia? Voi cosa ne pensate?
Quei 60mila morti in Siria e l'indifferenza dell'Occidente, di Monica Ricci Sargentini

Aleppo, Siria

Ieri l’Alto Commissariato dell’Onu per i diritti umani ha fornito dei dati agghiaccianti sul conflitto siriano: 60mila morti dal 15 marzo 2011 ad oggi.  ”Una cifra ben più alta di quanto ci aspettassimo” ha spiegato l’Alto Commissario Navi Pillay.  Da luglio del 2012 ci sono state 5mila vittime al mese, più di 160 al giorno. Sotto le bombe muoiono uomini, donne e bambini senza alcuna distinzione. Anzi: le vittime sono soprattutto civili. Soltanto pochi giorni fa i jet lealisti hanno colpito senza pietà la folla in coda per il pane uccidendo 90 persone. Eppure queste notizie non ci sconvolgono più, siamo come assuefatti all’orrore.  Prova ne è il fatto che le cifre fornite dall’Onu non sono rimbalzate sui social network con la stessa foga che si registra per altri conflitti, in primis quello israelo-palestinese, né ci sono state reazioni indignate da parte dei vertici europei o americani.

Un’indifferenza che si perde nel vuoto delle belle parole. La scorsa estate a Londra avevo chiesto al ministro degli Esteri britannico William Hague cosa l’Europa intendesse fare per fermare quella che ormai era una vera e propria carneficina in Siria.  Il piano Annan era appena fallito e le carte della diplomazia sembravano ormai finite. Eppure Hague continuò a dire di avere fiducia in una trattativa chiaramente inesistente.  La comunità internazionale, insomma, ha scelto chiaramente di stare a guardare.  E questo nonostante le cifre dell’Onu siano ancora più drammatiche di quelle  fornite finora dall’Organizzazione nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), una piattaforma anti-regime basata a Londra, che calcolava circa 45mila vittime. Lo studio dell’Alto Commissariato ha incrociato informazioni provenienti da sette fonti diverse, permettendo di fissare a 59.648 il numero delle persone uccise nel periodo compreso tra il 15 marzo 2011 e il 30 novembre 2012. “Considerato che non c’è stata alcuna tregua dopo il 30 novembre, possiamo concludere che fino ad oggi sono rimaste uccise più di 60mila persone” conclude l’indagine.  I dati provano anche l’escalation: “nell’estate 2011 ci sono stati circa mille morti al mese, mentre da luglio del 2012 le vittime sono state circa 5mila al mese”.

Possiamo veramente continuare ad ignorare la tragedia del popolo siriano? Oltre alle bombe ci sono altri nemici:  il freddo e soprattutto la fame. Manca tutto: cibo, elettricità, acqua potabile, linee telefoniche, benzina, gasolio, gas da cucina. Le scuole funzionano a singhiozzo solo nella capitale. Per il resto arrivano sempre più testimonianze di edifici scolastici, municipalità e uffici statali presi d’assalto dalle masse di nuovi poveri. Infissi, banchi e tavoli sono utilizzati come legna da ardere. La popolazione delle città si riversa nei parchi pubblici per tagliare gli alberi. I senza casa sfiorerebbero i 4 milioni.
Come ci ha raccontato nei suoi articoli l’inviato del Corriere Lorenzo Cremonesi. Questo è un inverno particolarmente freddo e piovoso nella regione. Gli abitanti delle zone urbane non sono equipaggiati per affrontarlo. Come sempre in tempi di crisi, le città soffrono più delle campagne. Le organizzazioni umanitarie internazionali e l’Onu denunciano una situazione insostenibile. Ad Aleppo e persino a Damasco gli ospedali cominciano a terminare anche i medicinali di prima necessità. L’immondizia non raccolta da mesi marcisce nelle strade e rischia di favorire le epidemie. È registrato massiccio il ritorno della leishmaniosi, una malattia parassitaria che può dimostrarsi letale sia per gli animali che per gli umani. L’infezione è causata dagli insetti che si nascondono nella sabbia. Prima della rivoluzione era tenuta a bada dalle disinfezioni governative. Ora non più. Si calcola che i prezzi degli alimentari da luglio siano almeno dodici volte più alti. Una bombola di gas da cucina è lievitata da circa tre euro a oltre 50. Un filone di pane — quando c’è — può costare sino a 50 volte di più.

Non è forse è giunto il momento di cambiare strategia? Voi cosa ne pensate? Se non ora quando?

 

fonte: lepersoneeladignita.corriere.it, 03.01.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE - su come stiamo vivendo il periodo di crisi sanitaria - è stato già inviato.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? - Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? - è in preparazione.

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 gennaio 2021.

 listing Il n. 124 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 30 aprile 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.