Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La terra abitata e salvata, secondo Leonardo Boff, di Rocco D’Ambrosio

La terra abitata e salvata, secondo Leonardo Boff, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 05/10/2021 09:34
Non esiste solo il bla-bla bla sulla questione ecologica; esiste anche un moltiplicarsi di pensiero e impegno: da Greta Thunberg a papa Francesco, dai movimenti civici ai politici seri e fattivi...

Non esiste solo il bla-bla bla sulla questione ecologica; esiste anche un moltiplicarsi di pensiero e impegno: da Greta Thunberg a papa Francesco, dai movimenti civici ai politici seri e fattivi. Un piccolo libro di Leonard BoffAbitare la terra. Quale via per la fraternità universale? (Castelvecchi, con una puntuale e ricca prefazione di Pierluigi Mele) si inserisce in questa scia di pensiero e azione.

L’autore tenta, prima di tutto, tracciare una linea comune tra la Carta della Terra (2003), nata da un’ampia consultazione e approvata dall’Unesco e le encicliche di papa Francesco Laudato sì. Enciclica sulla cura della Casa Comune (2015) e Fratelli tutti (2020). La casa è comune, quindi anche l’impegno per la salvaguardarla è comune: chiede a uomini e donne di ogni cultura, religione e territorio di creare sinergie continue perché questo mondo perisca tra disastri ambientali e uso scellerato. Tuttavia gli appelli continui, se si osserva bene, rimandano a ciò che Boff dice chiaramente: “Sfortunatamente, c’è un deficit di cultura ecologica e di coscienza della gravità della situazione globale sia tra coloro che prendono decisioni, sia a livello collettivo” (p. 25). Il deficit di cultura ecologica è una costante determinante; non si può ridurre il tutto all’invito a rispettare gli ambienti e praticare la raccolta differenziata.

Il deficit culturale, inoltre, ci impegna a tentare una lettura del problema ecologico più radicale. L’Autore la individua nella “volontà di potenza come dominio su tutte le cose. La Terra e la natura non hanno valore in sé, ma solo nella misura in cui si plasmano agli esseri umani. Al servizio del dominio è stato eretto il potente strumento della tecnoscienza, che ci ha portato immensi vantaggi ma allo stesso tempo i rischi di cui sopra” (p. 36). Qui ci sarebbe non solo da approfondire, ma anche da individuare la responsabilità di tutte le agenzie educative nel promuovere un modello di persona che non domini gli altri e l’ambiente ma sia a servizio (non retorico) di essi. Boff dice sinteticamente che la sfida è passare dal dominus al frater (p. 27).

“Finché – continua Boff – prevarrà l’archetipo del potere-dominio come asse strutturante di tutto, non ci sarà mai fraternità tra gli uomini e il creato. La sua natura umana fa sì che quest’archetipo sia latente dentro ciascuno di noi. In noi si nascondono un Hitler, uno Stalin, un Pinochet e un Bolsonaro” (p. 50). Raramente, se non nei gruppi più formati in tema ambientale, si porta l’analisi a questa profondità: molte cose non vanno per questa idolatra volontà di potenza su tutto e tutti. “Dobbiamo mettere sotto un severo controllo – scrive l’Autore – questa figura funesta che vive in noi, se vogliamo mantenere la nostra umanità. Se ci consegniamo alla seduzione del potere-dominio rompiamo tutti i legami, e l’indifferenza, l’odio e la barbarie possono occupare l’intero spazio della coscienza, come sta accadendo in diversi Paesi del mondo” (p. 50). E qui si disegna molto bene il cammino di recupero della fratellanza, non come invito retorico, ma come possibilità unica di salvarci tutti insieme e insieme all’ambiente naturale e a quello trasformato dal lavoro umano. Papa Francesco docet.

Un’ultima considerazione. Ho apprezzato molto l’invito di Leonardo Boff a praticare una virtù, in genere, relegata all’ambiente religioso: l’umiltà. Mi ha ricordato le pagine di Norberto Bobbio (Elogio della mitezza, 1994), che compie lo stesso tentativo di richiamare alla necessità di essere miti e umili con tutti, diremmo oggi anche con l’ambiente. “L’umiltà radicale – nelle parole di Boff – implica porsi a livello dell’humus, della terra, dal quale tutti proveniamo e in cui tutti ci riconosciamo come fratelli e sorelle. Perché ciò avvenga occorre intraprendere un cammino che ci faccia scendere dal piedistallo – dove ci collochiamo come signori e padroni della natura – e operare una radicale rinuncia a qualsiasi titolo di superiorità” (p. 52)

https://formiche.net/2021/10/terra-abitata-salvata-leonardo-boff/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.