Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La strada di Bergoglio: il no alla guerra è l’unica strada, di Alberto Bobbio

La strada di Bergoglio: il no alla guerra è l’unica strada, di Alberto Bobbio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 01/03/2022 09:17
Bergoglio ha chiesto di sottoscrivere un grande patto con le parole della nostra Costituzione, quelle dell’art. 11, per ripudiare la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali...

Con il cuore straziato… Papa Francesco si affaccia su piazza San Pietro con il volto provato. Il ginocchio malato lo fa soffrire. Si appoggia con la mano al bordo della finestra, ma è chiaro che la sua preoccupazione riguarda ben altro. E pronuncia quelle tre parole che lasciano attoniti. C’è il «cuore straziato» di un anziano pontefice ad abbracciare l’umanità che chi fa la guerra dimentica. C’è una Chiesa che lavora di cucito per trovare una strada che almeno fermi il fragore delle armi. Poi si vedrà. Ma intanto ci sono i giorni «sconvolti», che ormai sono quattro, giorni con il cuore straziato. 

Bergoglio ha cercato ogni strada, è stato perfino all’ambasciata russa, gesto clamoroso, un viaggio di poche centinaia di metri fuori dal Vaticano, eppure un grande viaggio di un Papa ostinato a cercare uno spiraglio oltre ogni protocollo. C’è un solo precedente che potrebbe assomigliare al gesto di Bergoglio e cioè quando Giovanni Paolo II nel 1982 in piena guerra tra Regno Unito e Argentina, che aveva invaso il territorio inglese delle Isole Falkland, andò prima a Londra e poi a Buenos Aires, dopo aver inviato lettere ai leader dei due Paesi per scongiurarli di smettere, intavolare trattative, evitare sofferenze alla popolazione. Il generale Gualtieri e Margareth Thatcher non presero in considerazione le parole del Papa, nessuna risposta, nessun ripensamento. C’era un viaggio già programmato da lì a pochi giorni a Londra. Wojtyla decise di andarci ugualmente e annunciò che subito dopo sarebbe volato anche in Argentina. 

È la chiave della diplomazia vaticana che lavora con discrezione, ma che intreccia nel silenzio anche gesti clamorosi. Come appunto ha fatto Francesco percorrendo quei pochi metri per mettere piede nel territorio russo dell’ambasciata di Mosca. In questi giorni di guerra non ha mai taciuto. Ha pubblicato tweet in russo e in ucraino sui suoi account seguiti da milioni di persone. Perché questa è anche la prima guerra in Europa nel segno dei social a differenza della penultima nei Balcani. Ha telefonato al leader assediato di Kiev, ha parlato con l’arcivescovo greco-cattolico ucraino e ha indetto una giornata di preghiera e digiuno il 2 marzo mercoledì delle Ceneri, inizio della Quaresima. Francesco come San Francesco, che ottocento anni fa andò direttamente in Egitto per trattare con il Sultano per la fine dei massacri della quinta Crociata. 

Cosa farà ancora? Ci sono le parole del Segretario di Stato, il cardinale Pietro Parolin, sul tempo che sempre c’è per il negoziato a indicare la soluzione auspicata dalla Santa Sede. È la stessa visione di Karol Wojtyla, quando solo contro tutto il mondo pronto ad infilarsi l’elmetto in testa e muovere guerra a Saddam, scongiurava di evitare il conflitto e mandava il cardinale Etchegaray a Bagdad nella tana del lupo. All’Angelus Bergoglio ha aggiunto un altro capitolo al suo disperato tentativo di far qualcosa «con il cuore straziato», perché tacciano le armi. Ha inchiodato sul pianeta le parole dell’articolo 11 della Costituzione italiana, la migliore del mondo, soprattutto per quello che è scritto nella prima parte sui diritti e sui doveri, principi fondamentali da ieri spalmati per indicazione di un Papa sulla coscienza di un mondo che danza pericolosamente con la necessità della guerra. Non c’è solo l’Ucraina, c’è tutto il resto della Terza guerra mondiale a pezzi Yemen, Siria, Etiopia… Bergoglio ha chiesto di sottoscrivere un grande patto con le parole della nostra Costituzione, quelle dell’art. 11, per ripudiare la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali. 

Non c’è altro di così ben scritto, non c’è altro di così ben chiaro. Per l’Italia, nel giorno in cui il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Firenze pregava per la pace nella Messa di chiusura del summit dei vescovi e sindaci del Mediterraneo, è un grande onore, ma è anche un vincolo, anzi un obbligo da perseguire con diligenza testarda nell’«ora più buia». Per la Santa Sede appropriarsi di quelle parole dimostra la preoccupazione del Papa circa una drammatica destabilizzazione dietro l’angolo della convivenza tra le nazioni. Oltre Kiev, oltre Mosca. 

https://www.ecodibergamo.it/stories/Editoriale/la-strada-di-bergoglio-il-no-alla-guerra-e-lunica-strada_1422252_11/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.