Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La spesa militare in Italia, di Anna Franchin

La spesa militare in Italia, di Anna Franchin

creato da Denj — ultima modifica 14/09/2015 17:35
Il 2 giugno è la festa della Repubblica Italiana e come ogni anno ci sarà la parata militare lungo la via dei Fori imperiali, a Roma. Ma quanto spende l’Italia per il suo apparato militare? E quanto spendono gli altri paesi?
La spesa militare in Italia, di Anna Franchin

Un militare dell’esercito afghano e uno dell’esercito statunitense nella provincia di Kandahar, in Afghanistan. 31 gennaio 2013. (Andrew Burton, Reuters/Contrasto)

Il 2 giugno è la festa della Repubblica Italiana e come ogni anno ci sarà la parata militare lungo la via dei Fori imperiali, a Roma. Ma quanto spende l’Italia per il suo apparato militare? E quanto spendono gli altri paesi?

Si stima che nel 2012 l’Italia abbia speso per la difesa circa 26,46 miliardi di euro, cioè l’1,7 per cento del suo prodotto interno lordo. Questa spesa si è ridotta di circa il 6 per cento rispetto al 2008 e del 19 per cento rispetto dieci anni fa.

La stima è stata fatta dallo Stockholm international peace reasearch institute (Sipri), un centro studi internazionale indipendente, secondo cui il nostro paese occupa il decimo posto nella classifica mondiale delle spese militari.

La difesa ha quattro voci di spesa principali: personale, esercizio (per esempio, l’addestramento), missioni (con le Nazioni Unite, la Nato o l’Unione europea) e investimenti (come la costruzione dei caccia bombardieri F-35, dei sottomarini o delle fregate). Il personale – compresi i carabinieri e i militari in pensione – assorbe tra il 65 e il 75 per cento del bilancio totale.

La spesa militare mondiale corrisponde a 1.753 miliardi di dollari, cioè al 2,5 per cento del prodotto interno lordo mondiale. Tra il 2011 e il 2012 è scesa dello 0,5 per cento ed è la prima volta che diminuisce negli ultimi 15 anni.

Gli Stati Uniti sono il paese che spende di più per la difesa (il 4 per cento del pil), e da soli rappresentano quasi il 40 per cento dell’intera spesa militare mondiale. Ma anche loro hanno ridotto del 6 per cento la spesa rispetto all’anno scorso.

La Cina è al secondo posto, con una spesa stimata di 166 miliardi di dollari, pari al 9,5 per cento di quella mondiale. La spesa cinese per la difesa cresce a un ritmo più elevato di quello degli altri paesi: 175 per cento tra il 2003 e il 2012. Cresce velocemente anche la spesa della Russia, che con 90 miliardi di dollari occupa il terzo posto della classifica.

In Medio Oriente, l’Oman ha dedicato alla difesa il 51 per cento di risorse in più rispetto all’anno scorso e l’Arabia saudita il 12 per cento in più.

Invece, come ricorda un altro rapporto internazionale del 2012, il Military balance dell’International insitute for strategic studies di Londra, l’Europa costituisce il 17,6 per cento della spesa militare globale (spende quindi meno dell’Asia-Oceania, che raggiunge il 19,9 per cento).

Armi e pil
La spesa militare italiana in rapporto al pil è più o meno in linea con quella di altri paesi europei, leggermente superiore rispetto a quella della Germania (che è l’1,4 per cento del pil) e inferiore a quella della Francia (2,3 per cento del pil).

Ma nel nostro paese la spesa militare è pari a quella per politiche del lavoro e solo di poco più bassa di quella per politiche sociali. Gli altri paesi europei invece spendono di più per la protezione sociale: il Portogallo spende un punto percentuale di pil in più, la Spagna 4,5 punti in più.

Le esportazioni militari italiane sono in crescita: nel 2011 le autorizzazioni all’esportazione hanno superato i tre miliardi di euro (il 67 per cento è diretto a paesi esterni all’Unione europea e alla Nato), anche se, secondo la Rete disarmo, i dati sono incompleti e si aspetta che il governo renda nota la relazione per quest’anno.

L’Italia spenderà fino al 2026 13 miliardi di euro per 90 cacciabombardieri F-35. Ma essendo tra i paesi che li producono, parteciperà a un progetto del valore di 300 miliardi di dollari per la produzione di circa tremila aerei.

 

fonte: www.internazionale.it, 31.05.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.