Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La sicurezza russa non vale più di quella ucraina, di Sergio Fabbrini

La sicurezza russa non vale più di quella ucraina, di Sergio Fabbrini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 22/03/2022 09:41
Secondo la teoria realista, il dilemma della sicurezza collettiva si risolve attraverso accordi tra Paesi…

L’aggressione russa dell'Ucraina è sostenuta non solamente dai carri armati, ma anche dalle idee. In particolare, dall’idea che la Russia sia dovuta intervenire in Ucraina per garantire la propria sicurezza. Un’idea che si cerca di giustificare attraverso il ricorso ad una specifica teoria delle Relazioni internazionali, il realismo. Non c’è talk show o social media in cui non vi sia qualcuno che usa quest’ultimo per difendere le ragioni della Russia. Di cosa si tratta?

Per la teoria realista (che ha le sue radici nelle opere di Tucidide), gli stati, in quanto unici ed esclusivi attori della politica internazionale, sono obbligati ad agire in una condizione di permanente incertezza. Ciò spinge ogni stato a preoccuparsi principalmente della propria sicurezza. Ecco perché, per i nostri realisti, l’aggressione russa dell’Ucraina è dovuta all’insicurezza prodotta dall'adesione dei Paesi dell'Europa orientale alla NATO.

Tuttavia, per quei realisti, la decisione dei Paesi dell’Europa orientale di entrare nella NATO non è giustificabile dalla stessa motivazione (garantire la loro sicurezza) usata per giustificare la sicurezza della Russia. Eppure, quest’ultima rappresentava un’evidente minaccia per quei Paesi, anche perché li aveva a lungo dominati. Neorealisti come John Mearsheimer e Stephen M. Walt potrebbero replicare che le grandi potenze dispongono di una pretesa speciale alla sicurezza, proprio perché dispongono dei mezzi (come l'arsenale nucleare) per imporla a chiunque (ritengono) possa minacciarla. 

Ma ciò giustificherebbe ancor di più la decisione dei Paesi dell’Europa orientale di entrare nella NATO. Quell’entrata, lungi dall’essere una provocazione, è piuttosto l’espressione di una strategia realista, da parte di Paesi piccoli e medi, per garantire la propria sicurezza. Solo entrando in un’organizzazione più grande (e con deterrente nucleare), quei piccoli-medi Paesi potevano soddisfarla. Dal punto di vista della teoria realista, dunque, l’esigenza di sicurezza della Russia e dei Paesi dell’Europa orientale sono altrettanto legittime. Una doppia esigenza che è invece disconosciuta da nostri “realisti a metà”, per i quali conta solamente l’esigenza di sicurezza della Russia. 

Perché ciò che vale per la Russia non deve valere anche per gli altri? Poiché non esiste un’esigenza di sicurezza superiore ad un’altra, la teoria realista suggerisce di risolvere il dilemma della sicurezza collettiva attraverso accordi (si pensi agli studi di Kenneth Waltz o Robert Gilpin). E così si era fatto con gli accordi di Budapest del 1994, con i quali l’Ucraina aveva accettato la propria de-nuclearizzazione (trasferendo alla Russia le armi nucleari “sovietiche” che erano sul suo territorio), la NATO aveva escluso la partecipazione dell’Ucraina al suo sistema di difesa, la Russia si era impegnata a riconoscere la sovranità di quest’ultima. Da allora, non c'è un singolo atto formale, del governo ucraino, finalizzato a mettere in discussione quegli accordi. Il governo ucraino non ha mai presentato una domanda formale per entrare nella NATO, né l’accordo di associazione siglato con l’Unione europea nel 2017 prevedeva qualcosa di diverso dalla cooperazione commerciale. Perché gli accordi di Budapest sono stati invece disonorati dalla Russia, prima nel 2014 (con l’annessione della Crimea) e quindi nel 2022 (con l'invasione militare del Paese)?

Per i nostri realisti a metà, non solo conta esclusivamente la sicurezza della Russia, ma non c’è nessuna differenza tra quest’ultima e una democrazia come quella americana. È vero che per la teoria realista è secondario, ai fini del suo comportamento internazionale, che uno stato abbia un regime interno di tipo democratico o autoritario. L’esigenza della sicurezza è indipendente dalla “formula politica” (Reinhold Niebuhr) adottata da uno stato per organizzare la sua azione politica a livello internazionale. Tuttavia, se è evidente che la Russia autocratica e l’America democratica debbono entrambe garantire la rispettiva sicurezza, è altrettanto evidente che quest'ultima è garantita in modo diverso nell’una e nell’altra. 

Tale differenza sfugge ai nostri realisti a metà, per i quali l’invasione americana dell’Iraq nel 2003 e l’attuale aggressione russa dell’Ucraina “pari sono”. Così non è, però, in quanto quelle decisioni sono emerse in modo diverso (nella segretezza a Mosca, in un infuocato dibattito pubblico a Washington D.C.) e diversa è la reazione ai loro effetti. L'invasione americana dell’Iraq fu sconfitta prima a casa che sul campo, portando alla Casa Bianca nel 2008 il primo leader afroamericano della storia del Paese (strenuo oppositore di quell’invasione), mentre la critica all’aggressione russa dell’Ucraina può portare alla galera per ben 15 anni. 

Non capendo cos’è la democrazia, i realisti a metà ritengono che l’entrata nella NATO dei Paesi dell’Europa orientale sia stata imposta dal presidente americano, non già decisa autonomamente dai cittadini di quei Paesi, appena hanno potuto liberarsi dal cappio sovietico. Una scelta obbligata per proteggere la loro giovane (e imperfetta) democrazia. Dopo tutto, cosa avrebbero dovuto fare, quei cittadini, per evitare di rivivere l’esperienza dei carri armati russi entrati a Budapest nel 1956 o a Praga nel 1968 o della legge marziale introdotta a Varsavia nel 1980? Insomma, mentre l’Ucraina è aggredita dalla Russia, c'è chi cerca di trasferire all’occidente la responsabilità indiretta di quell’aggressione. Perché? Per pro-putinismo, per antiamericanismo o semplicemente perché stultorum mater sempiter gravida?

 https://www.ilsole24ore.com/art/la-sicurezza-russa-non-vale-piu-quella-ucraina-AEpF1PLB

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.