Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La sfida della «transizione antropologica». Sul coraggioso stretto sentiero, di Leonardo Becchetti e Guido Cozzi

La sfida della «transizione antropologica». Sul coraggioso stretto sentiero, di Leonardo Becchetti e Guido Cozzi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 20/04/2022 09:56
Le tragedie e gli abissi di cui abbiamo cronaca quotidianamente da una guerra così vicina a noi rafforzano la nostra motivazione nel promuovere quel più di umano che la nostra cultura ha prodotto…

Le tragedie e gli abissi di cui abbiamo cronaca quotidianamente da una guerra così vicina a noi rafforzano la nostra motivazione nel promuovere e raccontare quel più di umano che la nostra cultura e civiltà ha prodotto in questi secoli. Mai come oggi è fondamentale impegnare tutti noi stessi in una vera e propria «transizione antropologica» che è alla radice di tutte le altre transizioni e della possibilità stessa di costruire una società e un sistema economico orientati al bene comune.
Ma in cosa consiste questa 'possibile' differenza da coltivare e promuovere? In un bel libro Daron Acemoglu, forse oggi l’economista più noto e brillante a livello mondiale, ha sviluppato – insieme a James Robinson – la teoria del « narrow corridor », ovvero del sentiero stretto dell’equilibrio tra approccio dall’alto, con l’intervento delle istituzioni, e approccio dal basso, fatto di società civile e partecipazione democratica, che rappresenta l’essenza del modello democratico occidentale e si distingue da sistemi sociali dove l’autoritarismo è molto più forte e dominante. Essere consapevoli di questa ricchezza e differenza è ancora più importante dopo i due grandi choc della pandemia e dell’invasione russa dell’Ucraina.
Il rischio post-Covid è infatti quello di un’espansione dell’autoritarismo, magari strumentalizzato da lobby populistiche o militaristiche. Non dimentichiamo le tensioni sociali e gli autoritarismi che sorsero dopo l’epidemia Spagnola del 1918-20 in combinazione e sequenza con il periodo della Grande Guerra, dove oltre a decine di milioni di persone, morì la democrazia nascente in molti Paesi.
L’Unione Europea, oggi, ha probabilmente colto nel segno la direzione di marcia della sostenibilità, mettendo al centro la transizione ecologica e la coesione sociale.
Ma non basta indovinare la direzione verso cui muovere perché nei processi politici e sociali la questione chiave è quella di coinvolgere attivamente i cittadini e renderli attivi e protagonisti in questo percorso. In alcuni illuminanti lavori sperimentali, Bruno Frei e Alois Stutzer individuano tra i fattori che guidano le preferenze umane la cosiddetta utilità procedurale. I due autori dimostrano empiricamente che, prendendo esattamente la stessa decisione, coloro che sono chiamati a votarla sono favorevoli quando sono coinvolti nel percorso della sua costruzione e contrari quando non lo sono.
Proprio per questo motivo non basta indovinare la direzione e l’orizzonte a cui tendere, ma è fondamentale indovinare il processo e renderlo condiviso partecipato.
In questo non partiamo da zero o non parliamo di astrazioni perché abbiamo la fortuna di aver identificato e sperimentato molte promettenti forme di partecipazione e di cittadinanza attiva. Dal consumo e risparmio responsabile del 'voto col portafoglio' che sta trasformando, soprattutto sotto la spinta della finanza verde, i comportamenti delle imprese, alla responsabilità sociale delle imprese stesse, che nasce anche dal genio e dalla sensibilità di una schiera sempre più folta di imprenditori più ambiziosi che non guardano solo al profitto, ma anche all’«impatto» delle loro aziende. Per arrivare alle nuove forme di gestione dal basso di beni comuni.

Attraverso una co-programmazione e co-progettazione nella quale si riconosce il valore di scelte nelle quali amministrazioni locali, enti di Terzo settore e reti della società civile disegnano insieme percorsi di welfare e bene comune. È da questo bellissimo filone di cittadinanza attiva e di azione dal basso che nascono continuamente nuovi frutti come quelli delle comunità energetiche (la forma del 'voto col portafoglio' e della cittadinanza attiva in materia di energia) e dei corpi civili di pace. Ancor più alla radice di tutto questo, i risultati sperimentali dell’economia comportamentale evidenziano le caratteristiche guida di un’arte delle relazioni che è all’opposto di violenza e conflitto (l’uno contro uno fa zero) e genera superadditività (uno che coopera con uno fa tre) costruendo attraverso scambio di doni (alla base degli studi del Nobel per l’economia George Akerlof), reciprocità e costruzione di relazioni di fiducia che alimentano il capitale sociale, percorsi generativi a livello umano, economico e sociale. 

Se la transizione ecologica pur in tutte le sue contraddizioni sembra in cammino, sospinta anche dalla pedagogia della catastrofe che ci mette con le spalle al muro e ci costringe a non indugiare e a prendere decisioni, oggi più che mai, alla luce di quello che sta accadendo nell’Europa sconvolta dalla guerra, è necessaria una vera e propria transizione antropologica. E mai come oggi siamo chiamati a sottolineare nella comunicazione, nella cultura e nelle realizzazioni pratiche, a chi rischia di rinnamorarsi dell’«uomo forte» e di Leviatani che promettono di proteggerci dal caos, che l’essenza della nostra civiltà è alimentata da questa radice. 

Economisti, Becchetti insegna nell’Università romana di Tor Vergata, Cozzi nell’ateneo svizzero di St.Gallen 

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/sul-coraggioso-stretto-sentiero

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.