Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La scienza politica, di Alessandro Frandi

La scienza politica, di Alessandro Frandi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 15/12/2020 17:31
La politica è azione. Il problema relativo all'attività politica concreta e all'agire politico risiede nell'eterno perseguimento del soddisfacimento degli interessi personali da parte degli esseri umani…

Di che cosa si occupa la scienza politica? La domanda non ha una risposta semplice. “La dimensione della scientificità della politica si qualifica come un problema ricorrente sin dalle origini di questa disciplina. Max Weber rivendicava la sfera di autonomia della politica rispetto ad altri ambiti del sociale”, sostiene Maria Cristina Antonucci, ricercatrice dell'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Consiglio Nazionale delle Ricerche. “Il progressivo distacco dall'analisi del potere e della centralità dello Stato, insieme con l'affermarsi del comportamentismo, sono valsi, nel contesto statunitense degli anni Cinquanta, la rivendicazione di una nuova autonomia della scienza politica rispetto alle discipline storiche, la ricerca di uno statuto metodologico ed epistemologico separato e originale, la base per la rifondazione di questa disciplina sulla scorta di un carattere anti-ideologico e improntato a una ricerca volta all'osservazione dei fenomeni politici”.

Il Canto VI del Purgatorio si apre con una cornice di sangue: Dante espone il collasso politico e sociale dell'Italia. La Toscana è tacciata come luogo di violenza, nelle cui corti si annidano semi di odio e di invidia. Il Sommo Poeta rivolgendosi alla sua città natia Firenze, sviscera i mali che la attanagliano, come la mancanza di giustizia sociale. Successivamente paragona l'Italia a una schiava nei celeberrimi versi 76-78: “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta, non donna di provincie, ma bordello...”. 

Una serie di critiche pungenti, innanzitutto nei confronti della popolazione italiana, spinta a farsi la guerra e quindi causa della mancata stabilità all'interno della penisola, in secondo luogo verso la Chiesa, volta a ottenere il potere temporale senza avere i mezzi per esercitarlo. Infine, la critica rivolta ad Alberto I d'Asburgo, reo di aver lasciato l'Italia priva di un imperatore “auriga” che indirizzi la nazione.

La politica è azione. Il problema relativo all'attività politica concreta e all'agire politico risiede nell'eterno perseguimento del soddisfacimento degli interessi personali da parte degli esseri umani. Non tutti possiedono l'abitudine a definire scientificamente gli strumenti necessari a raggiungere in modo coerente obiettivi definibili. 

Conferma Antonucci: “L'analisi scientifica dei fenomeni politici si basa sulla raccolta di dati empirici, in particolare relativi ai comportamenti elettorali, o sulla produzione di modelli, come nell'analisi delle politiche pubbliche, in particolare nell'analisi di impatto e nella valutazione ex-post di provvedimenti di policy, realizzati e valutati sulla scorta della capacità di porre rimedio di natura politica a specifici fenomeni; infatti lo statuto epistemologico della disciplina si fonda, a partire dagli anni 1950-'60 sui seguenti assunti di fondo: la definizione di un proprio oggetto di analisi, la politicità delle relazioni poste in essere all'interno di un sistema, che esula dalla storia politica; la costruzione di un sapere utile, in grado di produrre impatto sul sistema decisionale pubblico”.

Su quali assunti poggia la disciplina della scienza politica? Come si è evoluto il suo “statuto epistemologico”? “L'introduzione di una metodologia scientifica improntata all'empirismo, per cui ogni analisi deve essere suffragata da dati, indicatori, strumenti e metodi adeguati, coerenti, condivisi dalla comunità scientifica e replicabili per l'analisi di fenomeni specifici della disciplina, è stata fondamentale”, spiega Antonucci, che conclude: “La qualità di ricerca su base osservativa della scienza politica appare affiancata, a partire dagli anni 2000, da una dimensione improntata alla ricerca sperimentale”.

Ovviamente, la natura della sperimentazione nella scienza politica si confronta con la sua specificità metodologica. “È davvero difficile realizzare esperimenti unbiased (non condizionati, imparziali) su un universo di riferimento in cui l'atto stesso dell'osservazione del ricercatore produce conseguenze e su cui variabili molteplici derivanti dal sistema delle istituzioni e della politica possono intervenire sulla sperimentazione senza che vi sia il controllo di chi compie la ricerca”.

Fonte: Maria Cristina Antonucci, Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali, Roma, email mariacristina.antonucci@cnr.it -

http://www.almanacco.cnr.it/reader/cw_usr_view_articolo.html?id_articolo=10713&giornale=10662

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE - su come stiamo vivendo il periodo di crisi sanitaria - è stato già inviato.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? - Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? - è in preparazione.

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 gennaio 2021.

 listing Il n. 124 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 30 aprile 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.