Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La risposta è la cura, di Andrea Monda

La risposta è la cura, di Andrea Monda

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 26/03/2022 09:38
C’è una conversione da fare: il potere con la logica del dominio, convertirlo in potere con la logica del servizio, con la logica della cura…

Hanno molto colpito le parole pronunciate dal Santo Padre all’incontro promosso dal Centro Femminile Italiano e i mass-media del mondo hanno, inevitabilmente, sottolineato quel passaggio sull’aumento degli stanziamenti economici di alcuni Stati per l’acquisto di armi come risposta a quanto sta succedendo in Ucraina. Una «pazzia» ha detto il Papa che ha suscitato in lui un moto di vergogna. Il discorso che ha fatto il Pontefice ovviamente è più ampio e complesso e ha a che fare con la politica e la cultura della cura: «...la buona politica non può venire dalla cultura del potere inteso come dominio e sopraffazione, ma solo da una cultura della cura, cura della persona e della sua dignità e cura della nostra casa comune. Lo prova, purtroppo negativamente, la guerra vergognosa a cui stiamo assistendo».

Dovremmo quindi concentrare le nostre attenzioni sul cuore del discorso di Francesco che non oggi, ma da nove anni, sta parlando dell’urgenza della cura, non a caso fin dai primi tempi del suo pontificato, ha paragonato la Chiesa a un ospedale da campo. Il cuore del pensiero del Papa è quindi la cura. Quella vera, cioè quella che affronta le cause, non i sintomi del male. E le cause si trovano in quella «vecchia logica di potere che ancora domina la cosiddetta geopolitica […] si continua a governare il mondo come uno “scacchiere”, dove i potenti studiano le mosse per estendere il predominio a danno degli altri». 

Il Papa ha proposto la risposta, quella “vera”, cioè la cura efficace che «non sono altre armi, altre sanzioni, altre alleanze politico-militari, ma un’altra impostazione, un modo diverso di governare il mondo ormai globalizzato — non facendo vedere i denti, come adesso —, un modo diverso di impostare le relazioni internazionali. Il modello della cura è già in atto, grazie a Dio, ma purtroppo è ancora sottomesso a quello del potere economico-tecnocratico-militare».

Se l’attenzione di chi osserva le parole e le “mossedel Pontefice, come se fosse un altro soggetto politico che insieme agli altri ha mire e strategie da seguire, si concentra sul dettaglio, rischia di perdere il senso dell’insieme, dello sguardo ampio e spirituale di un uomo che è pastore e non un politico. Un pastore che comprende che il mondo ha bisogno di medici, non di chirurghi. Come ogni organismo vivente ferito, il mondo ha bisogno innanzitutto di cura, non di operazioni chirurgiche che arrivano sempre quando è troppo tardi e producono altre ferite, altro sangue, senza uscire dalla “vecchia logica” del potere. 

Ci vuole un medico, e possibilmente un medico di famiglia, uno che conosce il paziente perché ne conosce anche i genitori, le cause antiche che producono quei sintomi che oggi affliggono il malato e chi gli sta intorno. Un medico che indica la cura che agisca nel profondo, colpendo il male alla radice. Proprio come avviene nel Vangelo quando Gesù ci invita ad andare al cuore dei problemi umani senza perderci nei dettagli legalistici: «Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio, ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore».

Il Papa si è rivolto alle donne, a tutte, non solo a quelle raccolte in udienza, e si è affidato alla loro forza di essere curatrici: «le donne possono cambiare il sistema se riescono, per così dire, a convertire il potere dalla logica del dominio a quella del servizio, a quella della cura. C’è una conversione da fare: il potere con la logica del dominio, convertirlo in potere con la logica del servizio, con la logica della cura», questa è «anche — direi soprattutto — la scuola di innumerevoli donne che hanno coltivato e custodito la vita; di donne che hanno curato le fragilità, che hanno curato le ferite, che hanno curato le piaghe umane e sociali; di donne che hanno dedicato mente e cuore all’educazione delle nuove generazioni».

Queste le parole che rivelano già in controluce il gesto di oggi. Oggi infatti la parola lascerà il campo alla preghiera che, ancora una volta, sarà rivolta a una Donna.

https://www.osservatoreromano.va/it/news/2022-03/quo-069/la-risposta-e-la-cura.html

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.