Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La resistenza di Patrick Zaki, di Ferdinando Camon

La resistenza di Patrick Zaki, di Ferdinando Camon

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 10/12/2021 09:52
Se puoi scrivere una riga di nascosto, quella è la tua reazione, è la tua vittoria. La scrittura è un’arma. Se puoi scrivere, sei libero. Per questo tutti quelli che passano per le celle scrivono sui muri. La prima cosa che scrivono è il proprio nome…

Definiscono «terribile» il carcere egiziano di Tora, dov’era detenuto Patrick Zaki. Però Patrick ne è uscito abbastanza vivo e vitale: saluta tutti, abbraccia tutti, parla con gioia. Che cosa lo ha protetto e salvato in tutti questi giorni in cui era dentro? Lui risponde con prontezza: «I libri, la scrittura». Poter leggere e poter scrivere. Lo ha salvato la scrittura, degli altri e la sua. 

La più grande rabbia, nel vedersi imprigionato ingiustamente, era, lo dice adesso, non poter sfogare la rabbia. Non poter protestare, rimproverare, accusare. Il dover subire e basta. Ma se era così nei rapporti palesi, da detenuto con le guardie, non era più così nei rapporti segreti, quand’era solo, quando poteva scrivere non-visto, una parola, una riga, quella parola e quella riga che contenevano un concetto-chiave, che non voleva più dimenticare, e che solo in prigione, in una detenzione violenta e iniqua, vengono in mente.

Se ci sono dei libri che ti fanno capire una situazione nuova, la prigionia politica, vuol dire che quelli sono libri politici. Ma i libri politici non sono proibiti nelle carceri ai detenuti politici? Certo, sono proibiti. E allora che libri aveva a disposizione Patrick, che libri gli permettevano di leggere? Lui fa i nomi di alcuni autori: Camus, Kafka, Arthur Miller. Sembrano autori esistenzialisti, rispetto alla prigionia partitico-politica parlano d’altro. Non sembrano autori strettamente politici. E invece 'sono' politici. Tutti gli autori, letti in prigione, sono autori politici. Tutti i libri. Sono spiegazioni, denunce, condanne. 

E infatti la direzione del carcere vieta al detenuto l’accesso alla biblioteca. Non occorre che sia stato condannato, basta soltanto che sia in attesa di giudizio. Chi è stato condannato è un nemico dello Stato, chi è in attesa di giudizio è un sospetto nemico dello Stato, e lo Stato gli taglia la strada che potrebbe portarlo a rifornirsi di idee, concetti, pensieri che rafforzerebbero la sua inimicizia. La proibizione di leggere fa parte della condanna al carcere politico. E infatti a Patrick i libri li portavano i famigliari da casa. Come i viveri, i dolci. I cibi affettuosi. Anche gli insulti tra carcerati, se sono affettuosi, sono gradevoli, e per questo c’era un compagno di prigionia che gli amici chiamavano, ridendo, 'mafioso'.

Patrick non dice molto, adesso che può parlarci, sugli appunti che s’annotava in carcere, ma comprendiamo tutti che poter scrivere in segreto in prigione è la salvezza. I carcerieri ti fanno un torto, un sopruso, e te lo fanno per provare due soddisfazioni, la prima: la prevalenza su di te, loro ti hanno in dominio, la seconda: non puoi reagire, né ora né mai. Ma se puoi scrivere...

Se puoi scrivere una riga di nascosto, quella è la tua reazione, è la tua vittoria. La scrittura è un’arma. Se puoi scrivere, sei libero. Per questo tutti quelli che passano per le celle scrivono sui muri. La prima cosa che scrivono è il proprio nome. Sanno che il loro nome verrà letto dal fratello carcerato che verrà dopo di loro, e verrà ricordato. Tutti quelli che scrivono hanno la sensazione di servirsi di una comunicazione che dura più della parola parlata. 

Se hai dei manoscritti in casa, i ladri potranno rubarti tutto, ma non devono poterti rubare i manoscritti. Avevo un’amica scrittrice a Roma che viveva da sola, e aveva la paura ossessiva che i ladri entrassero a rubarle i manoscritti, perciò s’era inventata un trucco: quando usciva, riempiva la vasca da bagno di acqua, la intorbidava e ci calava al fondo una scatola di piombo ermetica. Dentro la scatola c’erano i suoi manoscritti. La sua vita. Se un ladro veniva a rubare, mica tuffava le mani nell’acqua sporca del bagno. Perciò lì lei nascondeva il suo bene più prezioso. Il resto non le importava.

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/la-resistenza-di-patrick

Azioni sul documento
  • Stampa
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.