Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La Regina rossa di Acemoglu: quella rincorsa infinita tra Stato e società, di Giancarlo Bosetti

La Regina rossa di Acemoglu: quella rincorsa infinita tra Stato e società, di Giancarlo Bosetti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 24/11/2020 16:39
Tra Stato e società la divisione dei ruoli non è univoca, cattivo lo stato, buona la società. No, entrambi i concorrenti sono pericolosi se l’uno surclassa l’altro. Degli eccessi di entrambi si può morire…

La formidabile metafora del Leviatano di Hobbes regna «sovrana» dal 1651 quando uscì a Londra l’opera omonima con il mostro biblico sulla copertina, somma pittorica di tanti esseri umani, a rappresentare il potere assoluto conferito dagli individui al Commonwealth, al sovrano perché ponga fine a violenza, anarchia e terrore della condizione naturale, la “warre”, nell’inglese di Hobbes, la guerra di tutti contro tutti. È un potere creato da noi, ma, per contratto, assoluto.

È ancora utile per noi, XXI secolo, la metafora del dispotismo? Sembra di sì, ma a condizione di integrarla e correggerla, immaginando un Leviatano «incatenato», ugualmente potente, ma costretto in vincoli e reso più mite. Questa correzione della metafora è l’impresa a cui si è accinto Daron Acemoglu, celebre economista turco-armeno-americano, insieme al collega inglese James Robinson. Una grande impresa che produce uno sguardo nuovo sulla storia comparata del mondo con un libro importante, nonostante il titolo enigmatico: La strettoia. Meglio il sottotitolo: Come le nazioni possono essere libere.

Quante diverse vicende ha avuto nel mondo quel contratto originario? E come si spiega la prevalenza della libertà nella storia europea o l’incapacità millenaria della Cina di uscire dal dispotismo nonostante la crescita?

La congiuntura che ha favorito l’Europa è dovuta alla combinazione tra l’eredità delle tribù germaniche, franche, longobarde, che usavano governarsi attraverso sistemi assembleari, e l’eredità istituzionale, giuridica, amministrativa dell’Impero Romano e della Chiesa cristiana. In molti altri casi o i popoli pur dotati di tribali metodi di gestione assembleare riuscivano a vivere in pace senza bisogno del Leviatano oppure la società era troppo debole e disorganizzata per arginarlo. Perché viva un regime di libertà occorre che il mostro si imponga, ma al tempo stesso che la società si organizzi, si mobiliti e lo tenga sotto controllo.

Tutto dipende dalla Regina rossa, un’altra metafora: è una invenzione di Lewis Carroll in Attraverso lo specchio. La Regina e Alice corrono e corrono, ma alla fine sono sempre lì. Ma è così che funziona: «Qui per restare nello stesso posto – spiega la Regina – devi correre più che puoi». L’effetto Regina rossa (immagine già usata in biologia evolutiva per specie che mutano insieme) si verifica quando Stato e società corrono a perdifiato per conservare l’equilibrio tra loro. Se la società rallenta, il Leviatano diventa dispotico, ma anche lo Stato deve correre, crescere, mantenere la sua autonomia, risolvere controversie, applicare leggi in modo imparziale e fare un’altra cosa molto importante: abbattere quella che Acemoglu chiama «la gabbia di norme» e cioè pratiche sociali ingiuste, oppressive come la schiavitù, l’asservimento delle donne, gli arbìtri che alla società piacerebbe spesso mantenere in vita.

Tra Stato e società la divisione dei ruoli non è univoca, cattivo lo stato, buona la società. No, entrambi i concorrenti sono pericolosi se l’uno surclassa l’altro. Degli eccessi di entrambi si può morire. In Libano la società divisa in comunità ha impedito la nascita di uno stato forte per timore, ciascuna, di subire il dominio di altre comunità. È un Leviatano assente. In India, nonostante le pratiche democratiche ed elezioni libere, lo Stato non ha conquistato forza sufficiente ad abbattere la «gabbia di norme», a creare condizioni di benessere, infrastrutture e servizi civili, a causa dell’elemento paralizzante e disgregante del sistema castale. La Repubblica di Weimar degli anni Venti o il Cile degli anni Settanta, invece, furono casi di Regina rossa fuori controllo, che impedì al Leviatano di reggersi in piedi: finì con Hitler e Pinochet.

La corsa parallela della Regina rossa crea un corridoio dentro il quale il Leviatano incatenato cresce e fornisce i benefici che l’Europa ha conosciuto al suo meglio nella seconda metà del secolo scorso (Grazie, Beveridge). Fuori dal corridoio la Russia, dove tutte le risorse hanno concorso a rinforzare il potere del capo senza che una sufficiente partecipazione popolare sviluppasse forme di controllo. E fuori dal corridoio la Turchia, che in verità non ci è mai entrata, anche se è sembrata avvicinarvisi in occasione della candidatura all’Unione Europea. Quanto ai paesi arabi e musulmani pagano un Leviatano nato per chiamata dall’esterno, inaugurato da Maometto, per mettere fine ai disordini tribali: un timbro di origine che ha iniziato una storia di stato forte e dispotico, militarmente orientato a sottomettere. Situazione ben sintetizzata mille anni fa da Al Ghazali, precursore di Hobbes: «Cent’anni di tirannide di un sultano fanno meno danni di un anno di tirannide dei sudditi gli uni contro gli altri». Il dispotismo saudita, non rincorso da nessuna Regina rossa, non ha toccato la gabbia di norme, al contrario l’ha cristallizzata nella forma più arcaica: donne in condizioni di casta asservita.

Il caso americano è una sfida per questa «teoria del corridoio»: geniale esempio di progettazione istituzionale, gli Usa sono un caso di successo, ma le lacune sono evidenti. Il Leviatano federale resta incapace di affrontare problemi primari come l’assistenza sanitaria, le infrastrutture, la stessa guerra, l’area per eccellenza propria del sovrano (il monopolio hobbesiano della violenza) viene gestita in partnership pubblico-privato. I padri fondatori accettarono un compromesso costituzionale che manteneva debole il sovrano federale sia per timore del dispotismo sia per rassicurare gli schiavisti del Sud. Il Bill of Rights arrivò dopo, ma non tutelava gli schiavi e proteggeva solo dagli abusi federali, non da quelli dei singoli stati. Il XIV emendamento, che arrivò nel 1868, dopo la guerra di secessione e l’abolizione della schiavitù, garantiva immunità e diritti dei cittadini, ma non toccava il potere di polizia locale, con conseguenze che arrivano fino a Ferguson 2014 e a George Floyd.

Circa gli esiti di questa corsa molto è già scritto nella storia di come nascono gli Stati, molto ma non tutto: la mobilitazione della società per i diritti e maggiore equità può allargare il corridoio e produrre successi per la libertà. Potrebbe accadere anche in Cina. Dall’altra parte l’effetto Regina rossa è usato in biologia evolutiva per spiegare anche casi di specie estinte, destino che non si può escludere a priori per regimi liberi e democratici.

 https://www.reset.it/libri/la-regina-rossa-di-acemoglu-quella-rincorsa-infinita-tra-stato-e-societa

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.