Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La povertà colpisce 10 milioni di italiani

La povertà colpisce 10 milioni di italiani

creato da gianfrancoparadiso@alice.it — ultima modifica 25/09/2015 11:39
Di loro, quasi 5 milioni, risultano poveri assoluti. Non sono in grado di garantirsi beni e servizi essenziali. Non hanno una vita dignitosa...

La povertà in Italia sta dilagando. Nel 2012 risultavano poveri circa nove milioni e 600 mila.

Di loro, quasi 5 milioni, risultano poveri assoluti. Non sono in grado di garantirsi beni e servizi essenziali. Non hanno una vita dignitosa. I dati sono stati diffusi dall’Istat. E’ il livello più alto registrato dal 2005. La congiuntura economica che ha colpito il Paese ha fortemente inciso sul peggioramento del risultato.

Metà dei poveri assoluti, risiede nel Mezzogiorno. Nel 2011 erano quasi due milioni. Oltre un milione risultano i minori in condizioni di povertà assoluta. In Sicilia, Puglia e Calabria si registra la povertà relativa più diffusa. L’Istat, esaminando il fenomeno sul territorio, evidenzia che la provincia di Trento (4,4%), l’Emilia Romagna (5,1%) e il Veneto (5,8%) presentano i valori più bassi dell’incidenza di povertà. Si collocano su valori dell’incidenza di povertà pari al 6% la Lombardia e Il Trentino Alto Adige. Fatta eccezione per l’Abruzzo (16,5%), dove il valore dell’incidenza di povertà è sulla media nazionale, in tutte le altre regioni del Mezzogiorno la povertà è più diffusa rispetto al resto del Paese. Le situazioni più gravi si osservano tra le famiglie residenti in Campania, Calabria, Puglia e Sicilia dove oltre un quarto delle famiglie sono povere.

Per quanto attiene le famiglie, quelle in povertà assoluta sono circa 1 milione e 800mila.

La soglia di povertà relativa, per una famiglia di due componenti, è pari a 990,88 euro, circa 20 euro in meno del dato del 2011.

Dal 2011 al 2012 l’incidenza aumenta tra le famiglie con tre e più componenti. Infatti, tra le famiglie composte da coppie con tre e più figli, quelle in povertà assoluta passano dal 10,4% al 16,2%. Aumenti della povertà assoluta si registrano anche nelle famiglie di monogenitori.

Nel 2012 la povertà assoluta aumenta non solo tra le famiglie di operai e di lavoratori in proprio, ma anche tra i quadri ( impiegati e i dirigenti).

La crescita dell'incidenza di povertà assoluta è tuttavia più marcata per le famiglie con a capo una persona non occupata: dall'8,4% è salita all'11,3% se in condizione non professionale, dal 15,5% al 23,6% se in cerca di occupazione.

Le dinamiche della povertà relativa, osserva l'istat, confermano molti dei peggioramenti osservati per la povertà assoluta: cresce nelle famiglie con uno o due figli, soprattutto se minori.

Per quanto riguarda la povertà relativa, l’unico segnale di miglioramento si osserva per le persone anziane sole (l’incidenza passa dal 10,1% all’8,6%), probabilmente anche perché hanno un reddito da pensione, per gli importi più bassi adeguato all’inflazione. La povertà relativa per gli anziani soli rimane invece stabile.

Un quadro scoraggiante, imputabile alla congiuntura che affligge l’economia italiana ormai da qualche anno ma, non solo. Le scelte politiche a sostegno della ripresa tardano a venire. Il coinvolgimento di pezzi dello Stato in controverse faccende internazionali hanno deteriorato ancor più l’immagine del Paese. La crisi occupazionale dei giovani e di quanti hanno perso il lavoro, sono temi scottanti che attendono risposte urgenti. E in un clima arroventato che mina la stabilità di governo a pagare il prezzo più alto sono proprio le fasce più deboli. Lo spauracchio di una crisi e la minaccia di ritornare alle urne rendono alimentano lo sconforto.

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.