Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La politica attuale non ha bisogno del Terzo settore, per questo va ripensata, di Giovanni Moro

La politica attuale non ha bisogno del Terzo settore, per questo va ripensata, di Giovanni Moro

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 10/06/2021 14:57
L'appello di Giuliano Amato sul ruolo politico del Terzo settore sta suscitando reazioni e interventi. Quella del sociologo Giovanni Moro si concentra sulla questione di fondo: che cosa intendiamo per "politica" e quali le sue interconnessioni con il sociale e il civico…

L’intervento di Giuliano Amato ha una grande importanza. Amato si chiede: «Perché il Terzo Settore non considera tra le proprie prospettive, e tra le proprie responsabilità, anche quella di concorrere alla provvista del personale politico in una democrazia che, per essere davvero tale, ha l’ineludibile ma ormai inappagato bisogno che quel personale sia munito dell’addestramento di cui esso oggi possiede il monopolio o quasi?». Così facendo, solleva un tema fondamentale, ma inevitabilmente scoperchia anche il calderone dei problemi.

  1. Primo problema: la politica non vuole il Terzo settore.
  2. Secondo problema: il Terzo settore non vuole avere a che fare con la politica.
  3. Terzo problema: se la politica è definita nel modo tradizionale non c’è alcuna possibilità di sviluppo di questa idea.

Perché la politica non vuole avere a che fare con il Terzo settore

Partiamo dal primo problema. Perché i partiti non vogliono persone che nascono, crescono, si formano e operano nella sfera dell’attivismo civico e della cittadinanza attiva. Il populismo, in questo, c’entra ben poco: è un tema di lungo periodo. Che cosa ce lo fa vedere? Il fatto che, finora, in modi con cui la politica si è relazionata con questo “grande ambiente” sono sostanzialmente tre. Il primo modo è la cooptazione. Cooptazione significa far diventare il singolo parte di un gruppo politico, ma il gruppo politico non cambia, né cresce, semplicemente “ingloba” quel singolo.

Un altro modo è quello delle relazioni tra gruppi sociali e vecchi partiti. Non voglio usare la parola “clientelismo”, ma la evoco per far capire la dinamica di certe relazioni: un meccanismo di compensazione e ricompensa, per mera affiliazione, ma senza riconoscimento di spessore politico al gruppo sociale. Un terzo modo è l’abbandono all’amministrazione: «non ci interessate, siete un settore che interessa tutt’al più l’amministrazione». Amministrazione che, ovviamente, le riduce alla sua misura: le organizzazioni esistono nella misura e nelle forme in cui servono all’amministrazione stessa.

Perché il Terzo settore non vuole avere a che fare con la politica

Secondo problema. Il Terzo settore si tiene lontano dalla politica. Qui c’è una particolarità italiana, che mostra quanto sia inadeguato il paragone con gli Stati Uniti (pensiamo a Obama, che era un community organizer prima di diventare chi sappiamo). Molte forme di attivismo civico, in Italia, sono nate non al fianco, ma in opposizione alla crescente incapacità dei partiti di essere in relazione positiva con una società in mutamento. Si tratta di forme che nascono negli anni Settanta del Novecento, e differenziano molto il nostro sistema da quello americano. Le nostre forme di attivismo civico si definiscono anche per differenza rispetto al sistema dei partiti. Non è necessariamente un bene, perché comporta tipici problemi da parte di queste organizzazioni: il complesso di inferiorità politica e il complesso di superiorità morale. Purtroppo, quando questi due complessi si sovrappongono provocano molti danni.

Quale politica, per quale società civile?

Il terzo problema è di cornice: se la politica è pensata come la descrive nel modo "tradizionalmente corretto" davvero c’è poco spazio. Diciamolo con una battuta: sulla questione della disabilità non si vincono e non si perdono le elezioni, ma come possiamo negare che la questione della disabilità sia una questione politica?

Pensare “politicamente” la questione della disabilità - è un esempio, ne potremmo fare molti altri - comporterebbe un ripensamento completo del modo di organizzare la società, la vita quotidiana, l’economia, le priorità del Paese, i criteri di valutazione dello sviluppo. Problemi politici di questo tipo finiscono nell’imbuto elettorale, dove si pesa ogni voto. Ma questo “imbuto” è solo il sintomo di un modo di pensare la politica. Se, alla fine, quello che conta è quello che avviene in Parlamento o al Governo, come se tutto ciò che accade prima, dopo o malgrado o in assenza delle famose decisioni del potere politico… non fosse politica.

Se è così, la strada che si può percorrere è poca. Anche perché, in questa visione tradizionale, è contenuta l'idea di una certa "minorità" dei cittadini. D’altronde, tra i padri della Rivoluzione Francese e americana era chiaro il tema: il sistema rappresentativo viene visto come alternativa a cittadini… troppo attivi.

C’è un pregiudizio di fondo che vede i cittadini incapaci di occuparsi dell’interesse generale. Ne consegue l’idea che il Terzo settore porti alla politica l’umanità, le relazioni: una sorta di proiezione degli stigmi della femminilità. Dalla parte della politica si fa sedere la competenza, la virtù, la forza. Dalla parte del Terzo settore: l’umanità. C’è qualcosa che non va in tutto questo. Non va il modo in cui pensiamo "la politica" e il rapporto tra i cittadini e la politica.

Il populismo, come conseguenza di questa tematica di lungo periodo, ci dice che c’è un problema nel rapporto tra le élites politiche e i cittadini comuni. Un problema che non è stato risolto e che non risolveremo mai se penseremo la politica in questi termini.

Dobbiamo ridefinire i termini stessi della politica. Pensiamo alla politica come un’unica arena, quella elettorale, ma ce ne sono almeno altre due. L’arena del dibattito pubblico, in cui si definiscono le priorità e i valori, e in cui cambiano gli atteggiamenti e i comportamenti concreti delle persone. C’è, poi, l’arena delle politiche pubbliche: lo spazio dove le cose devono accadere, per lo meno le cose che mostrano il volto quotidiano della democrazia.

Il misconoscimento che l’ambito delle politiche pubbliche e del dibattito pubblico sia una dimensione politica porta a marginalizzare e sottovalutare ciò che possono fare i cittadini attivi che si formano nelle esperienze di Terzo settore.

Giuliano Amato pone dunque un plesso di problemi urgenti e seri. Temo, però, sia una questione ancora più seria - e di conseguenza ancora più urgente - di come lui la pone.

http://www.vita.it/it/article/2021/06/09/la-politica-attuale-non-ha-bisogno-del-terzo-settore-per-questo-va-rip/159613/?

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.