Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La pandemia non sana l’economia, di Rocco D’Ambrosio

La pandemia non sana l’economia, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 03/03/2021 09:21
Rivedere e riformare le scelte politiche nella produzione e distribuzione dei vaccini, ipotizzare una produzione nazionale con un preciso controllo dello Stato (e fatti salvi i diritti dei brevetti) non è un ritorno al comunismo. Ciò che eticamente urgente e inderogabile è il rafforzamento della politica, che non può, soprattutto ora, soccombere…

Sono parole taglienti, verità amare quelle proferite, sulla questione vaccini, da Manon Aubry, 31 anni, francese, parlamentare europea e copresidente del gruppo della Sinistra Unitaria Europea/Sinistra Verde Nordica. Circola da poche ore il video sul web e si riferisce alla seduta del 10.2. 2021. Si possono seguire su YouTube: più chiare di così non possono essere le sue parole. Ma non solo le sue.

Nel resoconto ufficiale della discussione all’europarlamento si legge: “I deputati hanno riconosciuto che l’Ue ha sottovalutato le sfide relative alla produzione di massa dei vaccini e che è necessario prendere con la massima priorità delle misure concrete per aumentare la produzione. Molti deputati hanno esortato la Commissione a far rispettare i contratti esistenti e, allo stesso tempo, a sostenere gli Stati membri nelle loro strategie di vaccinazione. Secondo alcuni deputati, per costruire la fiducia dei cittadini negli sforzi di vaccinazione ed evitare la disinformazione, l’Ue deve ‘dire la verità’. A tale proposito, molti deputati hanno ricordato la necessità di trasparenza sui contratti, oltre a dati completi e chiari sulla distribuzione a livello nazionale dei vaccini. Tenendo conto delle grandi quantità di denaro pubblico investito, diversi deputati hanno chiesto un maggiore controllo parlamentare sull’attuazione della strategia dei vaccini”.

Come in ogni scelta economica e politica, quella della produzione e distribuzione dei vaccini, ha cause prossime e cause remote, per lo più culturali e politiche. A partire dagli anni Ottanta, abbiamo assistito ad una diffusione della cultura capitalista, non sempre regolata da principi etici e giuridici e, di pari passo, grazie alle nuove tecnologie e a particolari situazioni socio-politiche, ad un movimento in cui le imprese hanno “globalizzato” produzione, commercio, consumi, attività in borsa e persino modelli socio-culturali occidentali. Con ritmi vertiginosi, le grandi aziende, non solo farmaceutiche, occupano luoghi di produzione, si delocalizzano, spesso senza rispettare persone e leggi. Gli Stati, purtroppo, assistono impotenti, subendo la logica del sistema, perché la maggioranza delle decisioni vitali per l’assetto economico-politico non sono prese dalle istituzioni politiche.

Si tratta di un vero e proprio “dogma capitalistico” che la pandemia ha svelato maggiormente in un settore delicatissimo come quello della salute (dai farmaci agli ospedali, dalle mascherine ai finanziamenti per nuove opere). Nella tradizione cristiana si richiama il necessario passaggio dall’economia alla politica e lo si fa in funzione di un recupero della politica, come luogo e strumento, con cui si armonizza e realizza il bene dei singoli come dei gruppi. Solo il ritorno alla politica che governa i processi economici può garantire le condizioni che permettono a tutti di crescere pienamente come persone e come gruppi. Si pensi a ciò che ha causato l’eccessiva e scriteriata privatizzazione italiana in campo sanitario e le sue conseguenze nel combattere la pandemia.

Ci aiuterà la pandemia a comprendere che il potere è sempre in funzione del bene comune e mai in vista dell’accrescimento dell’utilità? Del resto anche dove il profitto è legittimo, cioè nella corretta attività finanziaria, produttiva e commerciale, non può mai essere guadagno ad ogni costo (sulla pelle dei cittadini, come in questo caso), ma deve rispettare una gerarchia precisa: 1. lavoratore 2. lavoro 3. profitto. L’approccio moderno è, invece, molto spesso basato su un diverso ordine: 1. profitto 2. lavoro 3. lavoratore. In esso l’attività economica ha un unico motore, la “massimizzazione dell’utilità” per cui la struttura dei bisogni viene appiattita su un unico bisogno, quello di utilità. Il sistema economico non è più concepito per il soddisfacimento dei vari bisogni umani, ma fondamentalmente per arricchirsi e questa mentalità pervade, corrompe e snatura diversi settori della comunità politica. Si pensi a quello che è successo in larghi settori della sinistra europea, spesso appiattita sul dogma del profit, sempre e comunque.

Rivedere e riformare le scelte politiche nella produzione e distribuzione dei vaccini, ipotizzare una produzione nazionale con un preciso controllo dello Stato (e fatti salvi i diritti dei brevetti) non è un ritorno al comunismo. Chi molte volte agita lo spauracchio del comunismo, in diversi casi, sta solo difendendo gli interessi occulti delle multinazionali. Ciò che eticamente urgente e inderogabile è il rafforzamento della politica, che tra teatrini (italiani) e grandi interessi globali, non può, soprattutto ora, soccombere.

Del resto l’impegno di non assoggettamento acritico o interessato alla mentalità utilitaristica, è sancito negli artt. 2 e 3 della nostra Costituzione: la Repubblica assume “i doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale e si impegna a rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Non ci vuole fede religiosa per sottoscrivere l’appello di papa Francesco, ma solo interesse autentico per il bene di tutti, a destra come a sinistra, come al centro: “Non posso mettere me stesso prima degli altri, mettendo le leggi del mercato e dei brevetti di invenzione sopra le leggi dell’amore e della salute dell’umanità. Chiedo a tutti: ai responsabili degli Stati, alle imprese, agli organismi internazionali, di promuovere la cooperazione e non la concorrenza, e di cercare una soluzione per tutti: vaccini per tutti, specialmente per i più vulnerabili e bisognosi di tutte le regioni del Pianeta. Al primo posto, i più vulnerabili e bisognosi!” (25.12.20).

https://formiche.net/2021/03/vaccini-papa-francesco-europa-ue/

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.