Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La nuova democrazia di Papa Francesco, di Benedetto Ippolito

La nuova democrazia di Papa Francesco, di Benedetto Ippolito

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 14/09/2015 17:52
Il Papa invita a ripensare il bene comune come applicazione caritatevole di una logica cristiana d’inclusione sociale...

 


L’anno appena trascorso è stato ricco di avvenimenti importanti. La novità di maggior peso è stata l’inatteso pontificato di Jorge Mario Bergoglio. In questi nove mesi tutto il mondo ha accolto con favore la missione evangelizzatrice di Papa Francesco. Ovunque è apprezzato lo stile sobrio, la concretezza pastorale e soprattutto l’eccezionale umanità che traspare da ogni suo atto. Riscoprire un volto così genuinamente evangelico di Gesù ha meravigliato e, in molti casi, entusiasmato. Non a caso anche le ragioni con cui ilTimes ha definito Francesco “uomo dell’anno” ricordano puntualmente l’efficacia con la quale in poco tempo il Papa “ha elevato la missione di una Chiesa che reca conforto alle persone bisognose in un mondo sempre più duro sopra la tutela della dottrina cara ai suoi predecessori”.

Il discorso, tuttavia, non deve fermarsi alle apparenze. La lettura attenta della sua prima Enciclica, Lumen fidei, e ancor più della recente Esortazione Apostolica Evangelii Gaudium, rivela una straordinaria e profonda attenzione del Papa alla realtà, una sensibilità in grado concretamente di leggere gli avvenimenti e le gravi difficoltà umane presenti in un’ottica autenticamente cristiana. D’altra parte, la verità permanente del Cristianesimo guarda al futuro, ma ha sempre bisogno di essere ripresa, amplificata e identificata con coerenza allo spirito originario del Vangelo.

Mentre l’Enciclica, in effetti, esorta i cristiani al recupero della forza luminosa della fede, una spiritualità personale in grado di rischiarare l’oscurità delle coscienze e spingere ogni credente alla solidale condivisione del comune destino umano, l’Esortazione affronta invece la dimensione sociale dell’evangelizzazione, in linea con la Caritas in Veritate di Benedetto XVI. Le società economiche avanzate devono sempre restare fedeli al valore supremo della persona umana, anche se oggi l’attenzione non può più trascurare quella parte prevalente del mondo che vive in condizioni di grave e preoccupante indigenza. Soltanto in Italia in poco tempo il numero dei poveri si è raddoppiato, e le famiglie che soffrono spiritualmente e materialmente una condizione di estraniazione davvero preoccupante sono quintuplicate.

Il Papa, a tal fine, non soltanto invita a ripensare il bene comune come applicazione caritatevole di una logica cristiana d’inclusione sociale, ma stimola la politica a interrogarsi sul valore stesso della democrazia. I poveri non sono un problema da evitare, da rimuovere e confinare ai margini della società, perché costituiscono l’architrave stesso su cui si regge una convivenza orientata all’eguaglianza e alla dignità di tutti.

D’altronde, tale è sempre stato il modo tipicamente cristiano di concepire l’impegno politico dei governanti, ispirato a un sistema di valori in cui la solidarietà e la partecipazione siano indissociabili dai meccanismi di consenso che legittimano l’esercizio dell’autorità. Giorgio La Pira definiva questa sensibilità cristiana animata “da una storiografia del profondo, attenta alle grandi e misteriose correnti sotterranee che trascinano la storia”.

Il Papa ha ricordato ai giovani dell’Azione Cattolica, proprio alla fine dell’anno, che Gesù si presenta sempre come un “amico” che dà gioia e partecipa alle sofferenze e difficoltà degli altri. Un invito chiaro, dunque, a modificare la mentalità scarsamente democratica diffusa nel nostro Paese, eliminando l’indifferenza e il cinismo che allontana i potenti dalla gente comune. Una democrazia, infatti, è veramente tale soltanto quando è tangibile la condivisione personale e comunitaria delle difficoltà, delle aspirazioni e dei bisogni che giacciono nel profondo della società. (www.formiche.net)


 


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.