Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La mula di Ambrogio e i non candidati, di Paolo Mieli

La mula di Ambrogio e i non candidati, di Paolo Mieli

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 19/11/2021 09:44
Diversamente da quanto accade altrove, in Italia non ci si propone per i vertici istituzionali. Anzi si nega perfino l’aspirazione a ricoprire i ruoli apicali…

Nel 374, in piena disputa tra ariani e cattolici, morì il vescovo Aussenzio di Milano. Racconta il biografo Paolino che quel giorno Ambrogio — nato a Treviri, governatore dell’Italia annonaria (Emilia e Liguria) per conto dell’imperatore Valentiniano I — entrò in una chiesa stracolma di fedeli. Si era fin lì dimostrato un uomo capace di governare politicamente la crisi tra ortodossia ed eresia. Racconta Paolino che un bimbo gridò: «Ambrogio vescovo!». La folla si unì a quell’invocazione. Lui fece presente di essere un peccatore e di non aver mai ricevuto il battesimo. Ma il popolo insistette. A quel punto Ambrogio si ritrasse e imboccò la via della fuga. All’imbrunire, fece ferrare la mula, Betta, al contrario cosicché gli eventuali inseguitori fossero indotti a prendere una strada sbagliata. Un piano perfetto. Ma la mula si perse e, dopo aver vagato l’intera notte, la mattina successiva si ritrovò nuovamente a Milano, in quel di Porta Romana. Ambrogio venne immediatamente riconosciuto e per la seconda volta acclamato. Fu in questa occasione che avrebbe deciso di arrendersi a quella che gli appariva come una manifestazione della volontà del Signore. Dopodiché fu un grande vescovo, sconfisse l’eresia ariana, piegò l’imperatore Teodosio e in virtù del suo operato, terminati i suoi giorni, fu fatto santo.

A questa vicenda si è per secoli ispirata la Chiesa per alcune modalità della designazione dei papi. E per le stesse particolarità anche l’Italia repubblicana, al momento di scegliere un presidente della Repubblica, imbocca la via di Sant’Ambrogio. Diversamente da quel che accade, quasi ovunque, fuori dai nostri confini, infatti, qui da noi non ci si candida ad essere eletti capo dello Stato. Anzi, ci si sente in dovere di negare persino l’aspirazione al soglio quirinalizio. Qualora si venga indicati, è consuetudine dirottare l’attenzione su qualcun altro. Esponendo quest’altro al dileggio (o peggio) per il fatto di essere stato portato allo scoperto. Di più: pronunciare il nome di un possibile candidato per il sentire comune equivale a «bruciarlo». Tant’è che, se si è in corsa, è tattica ampiamente ammessa quella di indicare o lasciar trapelare il nome di un rivale. Dopodiché accadrà che uno dei personaggi citati sui media, per vie tortuose e imperscrutabili (la voce di un bambino, forse), verrà scelto e giungerà alla meta. A questo punto egli si sentirà in dovere di dar segni di sorpresa e di lieve riluttanza. Darà sempre mostra di rimpiangere la vita precedente. E non gli sarà perdonato l’aver, eventualmente, manifestato l’intenzione di essere rieletto. Se seguirà questi precetti, alla fine, come Ambrogio, sarà fatto santo. Un santo laico, ma pur sempre un santo.

Nell’ultimo decennio queste modalità di comportamento sono state applicate anche ai presidenti del Consiglio e, più in giù, a ministri e sottosegretari. Perfino ai semplici parlamentari. Nessuno si sente più in obbligo di chiedere una qualche forma di «concorso popolare» alla propria designazione. Perfino per essere scelti a guidare una qualche municipalizzata bisogna fingere fino all’ultimo di non aspirare all’incarico. E si deve esibire un qualche trattenimento nel momento in cui quell’incarico lo si assume. Sono rimasti solo i sindaci e i presidenti di Regione ad affrontare una selezione a viso aperto E a poter legittimamente gioire o dolersi nel momento in cui vincono o vengono sconfitti.

Ci sia concessa l’autorizzazione a mettere in dubbio che questo sia il miglior modo di creare e rinvigorire una classe dirigente. Ci sia altresì permesso di osservare che in questa trasfusione di sangue monarchico nelle vene delle istituzioni repubblicane — poco notata nei primi decenni successivi al 1946 — potrebbe nascondersi un virus paralizzante. 

Il mancato coinvolgimento dell’elettorato nella scelta delle cariche della Repubblica potrebbe spiegare poi, almeno in parte, fenomeni come l’astensionismo, il crescente disinteresse per la vita pubblica, la diffidenza nei confronti di norme dettate da un potere che appare irresponsabile. E financo quella che è stata ribattezzata antipolitica. Procedure opache o comunque poco trasparenti sembrano essere fatte apposta per allontanare la gente comune dalle istituzioni.

Le imperscrutabili e tortuose modalità con cui in questi giorni si procede alla scelta del prossimo presidente della Repubblica, l’assenza di chiarezza, le indicazioni che cambiano di giorno in giorno, i sondaggi che esortano il popolo a optare per questo o quel nome — pur nella consapevolezza che gli elettori mai saranno chiamati a prendere quella decisione depositando una scheda nell’urna — tutto ciò temiamo possa avere un effetto negativo sulla percezione di come si sceglie, in Italia, un presidente della Repubblica. Aggravato dal fatto che è ben evidente la tentazione di istituzionalizzare questa prassi poco limpida anche per il vaglio dei futuri presidenti del Consiglio. Dovrebbe farci riflettere la circostanza che in nessun altro Paese del mondo la selezione delle più alte cariche dello Stato è affidata a qualcosa che assomigli al bimbo di Paolino o a Betta, la mula di Sant’Ambrogio.

 

https://www.corriere.it/editoriali/21_novembre_18/mula-ambrogioe-non-candidati-a874271a-48a2-11ec-82b3-70ad85ef04dd.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.