Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La ministra Bongiorno bocciata in trasparenza, di Federico Anghelé

La ministra Bongiorno bocciata in trasparenza, di Federico Anghelé

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 03/11/2018 08:53
Ha rimosso il registro e l’agenda degli incontri con i lobbisti - voluto da Madia - e non ha più convocato l’Open Government Partnership...

“Non può che destare sorpresa e preoccupazione il fatto che la Ministra per la Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno abbia deciso di rimuovere dal sito web dell’istituzione che guida, non solo l’agenda degli incontri con i portatori di interessi, ma anche il registro a cui era tenuto a iscriversi chi desiderava incontrare il vertice della pubblica amministrazione” dichiara Federico Anghelé, responsabile relazioni istituzionali di Riparte il futuro.
Infatti il registro trasparenza, che risultava online e accessibile almeno fino a quando il Ministero per la Pubblica Amministrazione era guidato da Marianna Madia, risulta oggi impossibile da raggiungere. Stesso mistero per l’agenda degli incontri, anch’essa scomparsa: unico rimando contenuto nella pagina è l’obbligatorietà di registrarsi per avere un incontro con la Bongiorno.
Alla fine del 2016, in assenza di una normativa in Italia che regoli l’attività di lobbying e guidi l’accesso dei portatori d’interessi ai luoghi del potere, Riparte il futuro aveva chiesto pubblicamente alla Ministra Madia di introdurre un registro e un’agenda trasparenti, come avevano già fatto in passato altri membri del governo (Catania all’Agricoltura, Nencini ai Trasporti e pochi mesi prima Calenda allo Sviluppo Economico). Nel corso del 2017 l’impegno era diventato effettivo ed era così diventato semplice per i cittadini e i media sapere con chi il vertice del Ministero era entrato in contatto e quali interessi avevano cercato di influenzare le sue decisioni.
“Evidentemente la ministra Bongiorno non ha ritenuto importante mantenere una buona pratica introdotta da chi l’aveva preceduta utile a rendere più aperte le stanze della funzione pubblica” continua Anghelè.
Una decisione che contrasta con quella presa da altri membri del Governo, come il Ministro Di Maio, che seguendo l’esempio del suo predecessore Calenda allo Sviluppo Economico, ha mantenuto online il registro della trasparenza dei portatori di interessi. Ma allo stesso tempo, rimarca Anghele, “Restiamo in attesa che il Ministro, competente anche sul Lavoro e le Politiche Sociali, metta online l’agenda (bimestrale) degli incontri suoi e dei vertici del dicastero, come faceva Calenda, e che soprattutto estenda il registro anche all’altro ministero da lui diretto come promesso nella sua direttiva dello scorso 24 settembre”.
Il più virtuoso in materia di trasparenza delle agende è per ora un tecnico, il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. L’agenda non riguarda soltanto il ministro ma è estesa a tutti i vertici del dicastero - sottosegretari, uffici di gabinetto e dirigenti apicali - che rendono pubblici ogni settimana gli incontri con aziende, associazioni, enti pubblici o loro rappresentanti. Per ora non sembra disponibile un registro trasparente, scelta discutibile ma forse legata alla volontà di attendere una normativa nazionale che regolamenti in maniera complessiva le interazioni tra organi dello Stato e portatori d’interessi.
Ma la ministra Bongiorno si dimostra ulteriormente inadempiente;  ad oggi non è stato ancora fissato l’incontro preparatorio a varare il 4° piano di azione dell’Open Government Partnership, un protocollo internazionale nato nel 2011 per volontà di Barack Obama a cui anche l’Italia ha aderito e che prevede una fitta collaborazione tra società civile e amministrazioni pubbliche nel definire obiettivi perseguibili e monitorati da un organismo internazionale in materia di trasparenza, open government, open data e anticorruzione. È grazie al 3° action plan dell’Open Government Partnership italiano se esistono alcune agende degli incontri con i portatori di interessi, se Consip ha messo online un cruscotto delle gare, se i dati sull’amministrazione penitenziaria sono stati resi disponibili.
“L’augurio è che l’Italia non faccia la fine di Paesi come Russia, Turchia e Ungheria che hanno deciso di abbandonare OGP, creando un vuoto nelle relazioni tra società civile e pubblica amministrazione in materia di trasparenza”, conclude Anghele.


https://www.riparteilfuturo.it/blog/articoli/la-ministra-bongiorno-bocciata-in-trasparenza

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.