Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La mascherina…oltre, di Rosa Pinto

La mascherina…oltre, di Rosa Pinto

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/09/2020 09:58
Curare le relazioni sociali…

La pandemia si sta accompagnando alla modifica ed alla coartazione dello spazio e del tempo nelle comunicazioni sociali, vicariata dall'utilizzo di internet e dei nuovi media. Tali soluzioni compensative hanno invaso l’esperienza psichica soggettiva, ristrutturando le transazioni inconsce tra gli esseri umani. Cercare di indagare con accortezza ed elasticità i fenomeni attuali senza applicare le categorie mentali delle crisi passate, ma con ingenuità indagatrice (Bion), potrebbe aiutarci a desumere novità creative. 

Attualmente tutti vivono un certo spaesamento e fluttuano tra il bisogno di stabilità ed instabilità, costretti ad abitare l'incertezza e la provvisorietà dei progetti di vita. Vi sono vettori e segnali sociali, che indicano cambiamenti transitori degli stili di vita, tanto intensi quanto caotici e contraddittori. Si naviga a vista, confidando nella reazione creativa del proprio inconscio.

Si è costretti con la mascherina a dover adattarsi a nuovi segnali sociali. La osservazione della mimica del volto, per il riconoscimento delle emozioni e valutarne il rischio e/o facilitarne le interazioni interpersonali, si riduce alla capacità di cogliere i segnali mimici provenienti solo dagli occhi e dalla voce. Eppure lo sguardo viene considerato “lo specchio dell'anima” e la voce con il suo timbro e tono il veicolo dello stato d'animo dell'interlocutore. Purtroppo, modificandosi il cliché interpretativo della comunicazione extra verbale solita, si rettifica il riduzionismo valutativo e giudicante dell'altro. Le griglie precedenti assicuravano il rapido incasellamento ed etichettamento dell' interlocutore, conosciuto o sconosciuto che fosse, con il convincimento di essere nel giusto. 

Lo sperimentare invece la inadeguatezza valutativa rende le persone involontariamente più  caute e circospette, oppure, in alcuni casi, induce agiti violenti.

 

Con il distanziamento e l'uso delle mascherine ci si chiede se vi possa essere una ricaduta nelle interazioni dei gruppi sociali. Ci si compatta, facendo leva sull'altruismo e sull’aiuto globale, cercando di difendersi dal nemico comune Corona virus, oppure ci si distanzia dagli altri come meccanismo di difesa contro i possibili “untori”? Questa ultima reazione “sarebbe quasi un atto contro natura, se si considera l’indole naturalmente sociale dell’uomo”.(Viktor Frankl) 

Non possiamo negare che la società è stata costretta a vivere un forte stress post-traumatico. La paura ha invaso la psiche di tutti, favorendo anche l'emergere di psicopatologie ossessivo-compulsive, per di più, si è stati accompagnati da eventi luttuosi, legati alla perdita di persone care. In tal modo si è disvelato il valore della vita come dono fuggevole da vivere 

profondamente amando i familiari, i vicini, gli amici ed il prossimo. Ci si è resi consapevoli di non essere forti, per cui un atteggiamento più umile di fronte all'imprevedibilità degli accadimenti potrebbe ridurre la supponenza di molti. 

Ma l'ammissione di debolezza in molti è esorcizzata attraverso uno stile spavaldo, incurante del pericoloL’idea è che la virilità è uno status che devi costantemente dimostrare”, ha detto Peter Glick a Vox. Trattasi del fenomeno della cosiddetta “virilità precaria”, espressione coniata da Joseph A. Vandello. 

Questa crisi rimarca la fragilità comune e mondiale di fronte ad un microrganismo pervasivo e dischiude un ventaglio di opportunità per tutti. In questo modo si potrebbero eliminare le differenze etniche, sociali, culturali e finanziarie del neoliberismo postmoderno. Quindi, si potrebbe ipotizzare 

una umanità più unita, che valorizzi la persona a prescindere dalle razze, dal ceto sociale ed economico, dalle culture, dalle religioni, dall'età anagrafica... Con il confinamento si è ridotto l'inquinamento ambientale, conseguentemente non si può negare più di essere chiamati in causa per diventare coprotagonisti di un innovazione epocale: custodire la “casa comune”! 

 

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.