Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La lettura è una forma di resistenza, di Marino Sinibaldi

La lettura è una forma di resistenza, di Marino Sinibaldi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 23/04/2021 17:43
Nella enorme transizione digitale che stiamo attraversando è questo il piano più significativo: che spazio avranno il libro e la lettura?…

Nel generale e radicale rimescolamento di comportamenti, abitudini, consumi culturali che sta accompagnando la pandemia, cosa accade al libro e alla lettura? Circolano dati molto rassicuranti che forse hanno il limite di paragonare le vendite delle ultime settimane a quelle di un anno fa, quando le librerie erano chiuse.

Ma anche a sfogliare il Libro bianco pubblicato dal Centro per il libro e la lettura si scoprono reazioni non proprio ovvie: sintetizzando una ricerca molto ampia e piena di sfumature, si può dire che la propensione alla lettura ha resistito alla seduzione di altre forme di narrazione che hanno invaso le nostre vite nell’anno pandemico. A essere un po’ più rigorosi, mentre a maggio 2020 i ricercatori incontravano italiani “con poco tempo da dedicare alla lettura di libri in giornate passate a seguire le mille notizie che ossessivamente tv, siti internet di informazione e social network riversavano su cittadini comprensibilmente attoniti”, a ottobre i dati sembrano diversi e “tutte le dimensioni della lettura crescono”.

La lettura è un potente sismografo individuale e collettivo. Si legge perché si cerca qualcosa (un’informazione, un’esperienza, un’emozione) ma si legge se si è in condizioni di farlo, dal punto di vista delle possibilità, delle competenze e di qualcosa di più inafferrabile e decisivo: uno stato d’animo, una particolare e delicata costellazione di desideri. La resistenza dello spazio della lettura sembra dunque mostrare che il libro è ancora capace di rappresentare una forma seducente di evasione, dimensione di cui abbiamo un disperato bisogno nelle giornate schiacciate dall’angoscia della pandemia. Ma forse anche che al libro e alla lettura affidiamo una delle poche possibilità di far emergere le domande più profonde che una esperienza collettiva così traumatica non può non suscitare.

Un bene di prima necessità
Questo parziale ottimismo va subito contestualizzato in un quadro da sempre più negativo che riguarda i tassi generali di lettura in Italia, dove la percentuale di persone dai sei anni in su che legge almeno un libro all’anno è ferma intorno al 40 per cento, secondo l’Istat, e al 60-65 per cento nelle stime dell’osservatorio dell’Associazione italiana editori. Anche assumendo il dato più generoso, siamo praticamente in fondo a tutte le editorie europee (Francia 92 per cento, Norvegia 90,2 per cento, Regno Unito 86 per cento, Svezia 73,5 per cento, Germania 68,7 per cento, Spagna 68,5 per cento) con l’aggravante di una differenza territoriale profonda e inscalfibile per cui in Trentino, Friuli, Piemonte e Lombardia i lettori sono praticamente il doppio che in Campania, Sicilia o Puglia.

Il Libro bianco già citato è pieno di dati e osservazioni sulle condizioni economiche e materiali (povertà assoluta e relativa) e su quelle culturali, a partire dal tragico e più volte sottolineato ultimo posto europeo per livello di comprensione dei testi letterari, saggistici, informativi: in Italia solo il 24,8 per cento sembra disporre pienamente di questa capacità (secondo i dati Ocse-Pisa sono undici i punti percentuali che ci separano dalla Norvegia, dieci da Germania e Francia).

Nella enorme transizione digitale che stiamo attraversando è questo il piano più significativo: che spazio avranno il libro e la lettura?

Ma qui si entra nel campo di questioni antiche e strutturali che investono essenzialmente le politiche educative e scolastiche. Altro campo che la pandemia ha messo violentemente sotto pressione e che non può uscire immutato dall’esperienza che stiamo vivendo.

In attesa di scelte più radicali, si può almeno segnalare il fatto che tenere aperte le librerie durante il secondo lockdown ha permesso un certo ristoro economico a quello che è l’elemento più fragile del mondo del libro (come per altri settori, la pandemia ha segnato anche un ampio trasferimento degli acquisti dai luoghi fisici al commercio elettronico) ma ha rappresentato un dato simbolico altrettanto importante: considerare il libro un bene di prima necessità.

Nella enorme transizione digitale che stiamo attraversando è questo il piano più significativo: che spazio avranno il libro e la lettura ovvero quel supporto antico cui abbiamo affidato la trasmissione della conoscenza e quell’attività particolare che implica attenzione, concentrazione, tempo (proprio i beni che sembrano più rari nel mondo presente). Richard Ovenden, bibliotecario della Bodleian library di Oxford (una specie di tempio della cultura bibliografica) ha raccolto in Bruciare libri (Solferino) la storia millenaria della cultura sotto attacco.

È una tormentata successione di tavolette di argilla distrutte, di papiri incendiati, di volumi censurati. Dalla tragica e ancora enigmatica distruzione della biblioteca di Alessandria al rogo dei libri nella Germania nazista, ogni epoca storica ha fronteggiato poteri che intendevano limitare o azzerare la conoscenza per rendere più deboli i sudditi. Ma i nemici che davvero distruggono la cultura e gli oggetti che la trasmettono sono l’indifferenza e l’incuria. Una società che non ne riconosce il valore sarà prima o poi destinata a perderli.

È un problema politico, dunque, del valore che ogni epoca e le sue istituzioni danno alla conoscenza, alle forme, ai luoghi, alle professioni che la arricchiscono e la trasmettono. Ma c’è anche una responsabilità comune, quella sorta di continuo plebiscito quotidiano per cui scegliendo, comprando e usando qualcosa ne segnaliamo l’importanza.

Se di fronte all’esplosione di forme narrative che attraverso diverse piattaforme riempiono oggi la nostra quotidianità la lettura sarà davvero in grado di mantenere un suo spazio, il segnale risulterebbe importante. Da un punto di vista molto più ampio, che non riguarda solo il mondo del libro, ma il nostro futuro di individui impossibili da ridurre a una sola dimensione e al suo controllo.

https://www.internazionale.it/opinione/marino-sinibaldi/2021/04/23/lettura-libro-resistenza

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.