Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La  gratitudine  figlia  della  libertà, di Natalino Irti

La  gratitudine  figlia  della  libertà, di Natalino Irti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 15/06/2022 09:24
Non c’è sentimento più arduo e imbarazzante della gratitudine. Sempre legata a un qualche episodio, a un contegno altrui riuscito per noi utile o vantaggioso, a una situazione difficile, che ci vide volgerci al vicino, al compagno di banco, e domandargli e riceverne soccorso…

Non c’è sentimento più arduo e imbarazzante della gratitudine. Sempre legata a un qualche episodio, a un contegno altrui riuscito per noi utile o vantaggioso, a una situazione difficile, che ci vide volgerci al vicino, al compagno di banco, e domandargli e riceverne soccorso.

Fu necessario considerare gli “altri”, e metterli sul conto della nostra vita: un debito di cortesia, di aiuto, di agevolante disponibilità, o, in casi rari ed estremi, di pericolosa complicità. Quel debito ci sta dentro, e non si lascia dimenticare: pure vorremmo cancellarlo, discacciarlo dalla memoria, e seppellirlo per sempre insieme con i ricordi più urtanti e asprigni. Ma basta un nulla, ed esso ci riappare con una limpidezza, che diremmo pervicace e impietosa. Un banco di scuola, un esame di terza liceo, un compito occhieggiato e copiato, una prova scritta di concorso: e, insomma, tutte le occasioni, in cui lo sguardo e la parola bussarono alla porta altrui.

Ed essa, quando non si chiuse con piglio altezzoso o rudezza di rifiuto, si aprì verso di noi: ed oggi ci sembra che ne fummo accolti con malagrazia e sussiego, e quasi imprimendo una subdola ferita nel nostro prostrato orgoglio. E c’è poi lo scrupolo del “contraccambio”, che da antichi e venerati filosofi si congiunse, per modo di esatta giustizia, al sentimento della gratitudine. Ma qui si vuole introdurre una misura di corrispettività, di scambio di favori o cortesie, un ricevere e un dare, che sembra lontano ed estraneo alla sensibilità morale.

La quale è soprattutto nella “riconoscenza”, cioè nell’accettare, dentro di sé e in confronto con altri, la realtà di quel tal episodio e di conservarne gelosa e accurata memoria. Nel “riconoscere” è l’autentico contraccambio, lo spirituale corrispettivo di ciò che fu dato o compiuto in nostro vantaggio. Il riconoscere è proprio di animi nobili e forti: nobili, per memoria dei beneficî ricevuti; forti, nel sentire l’operosa continuità della vita, che è trama di incontri e di solidali vicinanze. E capaci anche di tollerare la superba pretesa alla gratitudine.

Ed anzi la varietà e misura delle “riconoscenze” è indice di serietà e ricchezza spirituale. Allora la gratitudine non fa paura, non turba e intristisce, ma eccita e riempie la nostra sensibilità. Segno di forza interiore e di fecondo gusto del vivere. Così, intorno a ciascuno di noi, si costruisce un’ideale cerchia di umanità, che nessuno può cancellare e sopprimere. Incontri ariosi, dialoghi aperti e confidenti, un ricevere e dare freschi nella loro nativa spontaneità. La gratitudine vi sta come cerniera, come vincolo reciproco, che non lascia disperdere gli incontri, ma li tiene insieme in una sorta di cappella interiore, dove si celebrano riti di umana coralità.

Ben vero che talora si intrecciano rapporti di complicità, di fratellanza istituzionale, di oscura reciprocità. Allora non è a parlare di gratitudine, sentimento di uomini liberi, sciolti da doveri di casta o di consorteria. Qui il vicendevole e statutario soccorso trova radice in vincoli di appartenenza, di milizia laica o religiosa, di comunanza di interessi o di affari. È in gioco l’espulsione o la sospensione, la reputazione individuale o famigliare, lo stare da una parte o dall’altra: è dei “nostri” o non è dei “nostri”. Premî e pene rientrano nella logica propria di questi speciali (e talora criminali) ordinamenti.

Altro è il terreno della gratitudine, che indica una società di uomini liberi, i quali, nel domandare e ricevere, nel donare e nell’attendersi un moto riconoscente dell’animo, interrogano, non tavole statutarie o torbide intese, ma la loro coscienza. E ne ascoltano le parole e i moniti.

https://www.ilsole24ore.com/art/la-gratitudine-figlia-della-liberta-AEMoyHfB

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.