Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / "La grande muraglia di Calais", così Londra respinge i migranti, di Giulia Cerqueti

"La grande muraglia di Calais", così Londra respinge i migranti, di Giulia Cerqueti

creato da webmaster ultima modifica 09/09/2016 10:07
Il Governo britannico costruirà una barriera di cemento lungo l'ultimo tratto dell'autostrada che passa vicino alla "Giungla", il grande campo profughi nella cittadina francese, per bloccare i tentativi dei migranti di attraversare la Manica a bordo dei camion di passaggio.

 

I media l'hanno ribattezzata "la grande muraglia di Calais". Sarà una barriera fatta di cemento, avrà un'altezza di quattro metri e correrà per un chilometro lungo entrambi i lati dell'ultimo tratto dell'autostrada chiamata "Rocade", che arriva fino all'imbarco dei traghetti diretti a Dover, in Gran Bretagna e dell'eurotunnel che attraversa il canale della Manica. Ad annunciare il nuovo progetto anti-immigrati del Governo di Londra è stato il neoministro britannico all'immigrazione Robert Goodwill. Il muro costerà alle finanze britanniche quasi due milioni di sterline, cifra che rientra in un piano anglo-francese di 17 milioni di sterline stanziato per finanziare misure di sicurezza anti-immigrati.

Lo scopo del muro: bloccare i migranti raccolti nella "Giungla", il più grande campo profughi d'Europa, che vogliono di raggiungere la Gran Bretagna. Attualmente nell'enorme accampamento, nato su una vecchia discarica in disuso, vivono tra i 7mila e i 10mila migranti di varie nazionalità, ammassati in baracche fatiscenti e tende, nel fango, in condizioni di totale precarietà e insicurezza, assistiti da vari gruppi e associazioni di volontariato. La scorsa primavera la parte meridionale del campo è stata sgombrata, ma i tentativi di limitare l'affollamento sono stati vani: durante l'estate i migranti sono tornati in massa a Calais.

Per buona parte di loro il sogno è il Regno Unito.
Per cercare di attraversare illegalmente la Manica, assaltano e bloccano con vari espedienti i camion di passaggio lungo l'autostrada diretti al porto di Calais per salire a bordo, nascondersi, approfittando del buio delle ore notturne, e arrivare a Dover. La situazione è degenerata, creando forti tensioni: camionisti, agricoltori e commercianti locali, esasperati dagli atti di vandalismo lungo l'autostrada adiacente al campo, hanno organizzato una protesta - bloccando il porto di Calais e l'accesso al tunnel della Manica - per denunciare la mancanza di sicurezza e per chiedere la chiusura della "Giungla". 

I lavori di costruzione del muro cominceranno entro questo mese. Secondo il progetto, sarà "abbellito" da piante e fuori per diminuirne l'impatto visivo. Ma, di fatto, resta un muro. Una nuova barriera fisica eretta sul confine tra due Stati europei. Così, di fronte all'immane problema dell'immigrazione, la politica continua a nascondersi dietro l'illusoria scappatoia dei muri. Il nuovo progetto ha sollevato numerose critiche. "Un cattivo uso dei soldi dei contribuenti", lo ha definito Richard Burnett della Road Haulage Association, l'associazione degli autotrasportatori britannici. Aggiungendo che questo denaro "sarebbe stato speso meglio aumentando la sicurezza lungo le strade di accesso".

Decisamente critico è François Guennoc di Auberge des migrants, associazione di volontariato di Calais impegnata nell'aiuto ai migranti della "Giungla", che - come riporta il quotidiano britannico The Guardian - ha commentato: "Quando costruisci muri in qualunque luogo del mondo, le persone trovano le strade per aggirarli. E' uno spreco di denaro. Aumenteranno i pericoli per la gente, le tariffe dei trafficanti e passeurs saliranno e i migranti finiranno per accettare rischi maggiori".

 

Fonte: Famiglia Cristiana del 8 settembre 2016

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.