Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La grande bufala del Ruanda che aiuta gli immigrati, di Silvestro Montanaro

La grande bufala del Ruanda che aiuta gli immigrati, di Silvestro Montanaro

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/09/2019 08:38
I media hanno battuto la notizia come un grande esempio di solidarietà internazionale...

Il presidente ruandese Paul Kagame  si è detto disposto ad accogliere in patria almeno 30 mila immigrati africani respinti dalle muraglie europee.

Nei prossimi giorni ad Addis Abeba davanti ai rappresentati dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, e dell’Unione Africana, l’organizzazione internazionale che unisce tutti gli Stati africani e che ha sede proprio nella capitale etiope sarà solennemente stipulato un accordo in tal senso.

Secondo questa intesa, il piccolo Paese africano, che è già dato una patria a centinaia di migliaia di profughi in fuga dalla Repubblica democratica del Congo e dal Burundi, si impegna a fornire un “porto sicuro” ai migranti attualmente rinchiusi in condizioni inumane nei lager libici.

Bene, con questa vicenda la solidarietà c’entra ben poco. Anzi nulla.

Lo stato dei diritti umani in Ruanda è a dir poco drammatico e Kagame è un despota, per lungo tempo finanziato e protetto dagli Stati Uniti, che ai suoi oppositori riserva galera e morte.

Il Ruanda di Kagame ”produce” profughi. Il paese delle mille colline è stato infatti protagonista di un’infinita sequenza di orrori nella vicina Repubblica Democratica del Congo.

Dopo il genocidio di un milione di Tutsi, di fronte all’avanzare dell’esercito tutsi capitanato da Kagame, milioni di Hutu fuggirono in Congo. La follia imperiale francese volle che i loro campi profughi fossero costruiti proprio a ridosso della frontiera tra Ruanda e Congo. Da questi campi partirono quotidiane incursioni degli Hutu in Ruanda con la speranza di riprendere il potere. La risposta di Kagame fu durissima e spietata. Il suo esercito invase la Repubblica democratica del Congo e un milione di Hutu fuggirono nella foresta e lì vennero sterminati.

Il Ruanda di Kagame è stato il principale protagonista della cosiddetta Prima Guerra Mondiale Africana combattuta per appropriarsi delle immense ricchezze del sottosuolo congolese. Un conflitto che negli anni è costato la vita a più di dieci milioni di innocenti, la diffusione dello stupro come arma di sostituzione etnica, la messa in schiavitù di decine di migliaia di uomini, donne e bambini, trasformati in minatori da eserciti assassini spesso guidati da comandanti ruandesi.

Il Ruanda è divenuto in questo modo sanguinario esportatore di materie prime inesistenti sul suo territorio predate nel paese limitrofo.

Il Ruanda di Kagame non è esempio di solidarietà, ma del suo esatto contrario.

Gli immigrati sono business, uno dei tanti affari della nostra attualità. Accoglierli significa appropriarsi di una fetta dei contributi messi a disposizione da chi ha di fatto messo in piedi questo schifosissimo affare sulla pelle degli ultimi del mondo.

La “civilissima” Europa.

 https://raiawadunia.com/la-grande-bufala-del-ruanda-che-aiuta-gli-immigrati/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.