Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La grande bufala del Ruanda che aiuta gli immigrati, di Silvestro Montanaro

La grande bufala del Ruanda che aiuta gli immigrati, di Silvestro Montanaro

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/09/2019 08:38
I media hanno battuto la notizia come un grande esempio di solidarietà internazionale...

Il presidente ruandese Paul Kagame  si è detto disposto ad accogliere in patria almeno 30 mila immigrati africani respinti dalle muraglie europee.

Nei prossimi giorni ad Addis Abeba davanti ai rappresentati dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, e dell’Unione Africana, l’organizzazione internazionale che unisce tutti gli Stati africani e che ha sede proprio nella capitale etiope sarà solennemente stipulato un accordo in tal senso.

Secondo questa intesa, il piccolo Paese africano, che è già dato una patria a centinaia di migliaia di profughi in fuga dalla Repubblica democratica del Congo e dal Burundi, si impegna a fornire un “porto sicuro” ai migranti attualmente rinchiusi in condizioni inumane nei lager libici.

Bene, con questa vicenda la solidarietà c’entra ben poco. Anzi nulla.

Lo stato dei diritti umani in Ruanda è a dir poco drammatico e Kagame è un despota, per lungo tempo finanziato e protetto dagli Stati Uniti, che ai suoi oppositori riserva galera e morte.

Il Ruanda di Kagame ”produce” profughi. Il paese delle mille colline è stato infatti protagonista di un’infinita sequenza di orrori nella vicina Repubblica Democratica del Congo.

Dopo il genocidio di un milione di Tutsi, di fronte all’avanzare dell’esercito tutsi capitanato da Kagame, milioni di Hutu fuggirono in Congo. La follia imperiale francese volle che i loro campi profughi fossero costruiti proprio a ridosso della frontiera tra Ruanda e Congo. Da questi campi partirono quotidiane incursioni degli Hutu in Ruanda con la speranza di riprendere il potere. La risposta di Kagame fu durissima e spietata. Il suo esercito invase la Repubblica democratica del Congo e un milione di Hutu fuggirono nella foresta e lì vennero sterminati.

Il Ruanda di Kagame è stato il principale protagonista della cosiddetta Prima Guerra Mondiale Africana combattuta per appropriarsi delle immense ricchezze del sottosuolo congolese. Un conflitto che negli anni è costato la vita a più di dieci milioni di innocenti, la diffusione dello stupro come arma di sostituzione etnica, la messa in schiavitù di decine di migliaia di uomini, donne e bambini, trasformati in minatori da eserciti assassini spesso guidati da comandanti ruandesi.

Il Ruanda è divenuto in questo modo sanguinario esportatore di materie prime inesistenti sul suo territorio predate nel paese limitrofo.

Il Ruanda di Kagame non è esempio di solidarietà, ma del suo esatto contrario.

Gli immigrati sono business, uno dei tanti affari della nostra attualità. Accoglierli significa appropriarsi di una fetta dei contributi messi a disposizione da chi ha di fatto messo in piedi questo schifosissimo affare sulla pelle degli ultimi del mondo.

La “civilissima” Europa.

 https://raiawadunia.com/la-grande-bufala-del-ruanda-che-aiuta-gli-immigrati/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.