Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La forza della musica? Immaginare il mondo, di Lorenzo Jovanotti

La forza della musica? Immaginare il mondo, di Lorenzo Jovanotti

creato da Denj — ultima modifica 21/07/2016 16:39
Quelli di Campovolo sono stati due giorni indimenticabili, per via di tutta la gente che c’era, ma anche perché si respirava davvero un’atmosfera fantastica, dietro le quinte e sul palco. Ho scoperto persone belle, anzi bellissime, umanamente generose...

 

Quelli di Campovolo sono stati due giorni indimenticabili, per via di tutta la gente che c’era, ma anche perché si respirava davvero un’atmosfera fantastica, dietro le quinte e sul palco. Ho scoperto persone belle, anzi bellissime, umanamente generose. Ho avuto la conferma di un’impressione che ho da sempre, che non si sta sulla scena per anni e anni per una botta di fortuna o perché le cose hanno girato bene una volta.

Dietro le lunghe carriere c’è sempre un essere umano profondamente innamorato di quello che fa e della vita. Tutti gli artisti che erano lì sono persone che, nella loro vita, hanno sperimentato alti e bassi, cadute e risalite e questo li legittima a cantare in un’occasione nella quale infondere coraggio a chi ha passato un’esperienza traumatica come il terremoto è lo scopo principale.

A questo va aggiunto il pubblico: incontrarsi per fare e ascoltare musica vuol dire una gran festa. E se 150 persone sono già in grado di fare scattare la baraonda provate a pensarne 150mila! Vuol dire che nessun impianto audio sarà mai più potente di un loro coro, nessuna luce sarà più potente dei loro occhi. Sono un sacco di persone, venute lì con un’emozione nel cuore, che quelli che vanno sul palco devono solo innescare. Una grande responsabilità, ma pure una soddisfazione pazzesca. Soprattutto se si ricorda la forza che ci ha portati tutti lì: la solidarietà. Una parola presente anche nella nostra Costituzione, che come tutti sanno,è un documento di valore altissimo. Art. 2. «La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale». Tutto questo attraverso la musica. La musica è importante perché è un’attività umana, e tutte le attività umane sono fondamentali quando si tratta di costruire, o di ricostruire, come in questo caso. Dopo il terremoto c’è stata una grande mobilitazione in tutti i settori, ognuno ha dato il proprio contributo per l’Emilia.

La musica, può sembrare strano, ma è tra gli elementi più utili nella vita di una persona: se provi a spegnerla il mondo diventa invivibile. La musica serve ad immaginare il mondo, specialmente quando si tratta - come in questo caso - di rimettere insieme i pezzi della vita e del tessuto sociale di quelle zone. Lo scopo del concerto, della raccolta di fondi, era ricostruire le scuole: un punto di partenza chiave. Perché la scuola è la nostra istituzione più importante. Nessun luogo pubblico, per me, ha più bisogno di essere difeso, sviluppato, pensato, amato, criticato, rafforzato. L’obiettivo della notte di Campovolo è stata una molla in più per partecipare, anche se sono stato convinto fin dal primo momento: c’è stato un terremoto nel mio paese, l’Italia, e sono un artista italiano; prima ancora sono un cittadino italiano, e prima ancora un essere umano tra gli esseri umani.

Inoltre è stato Claudio Maioli e, con lui, Luciano Ligabue a invitarmi: gente che stimo, di cui mi fido a a cui volentieri mi affido, sapendo che la mia energia con loro sarà in buone mani. Quando si affronta un’emergenza di questo tipo è molto importante la credibilità di chi «coordina» i lavori, perché ci sono in ballo speranze, emozioni forti, e non ultima la gestione di grosse somme di denaro che è fondamentale che restino visibili, in modo che tutti possano verificarne il percorso. Se c’è una cosa che si deve dire di questo concerto è che è stato vero: partecipare mi ha dato la fiducia, ha rafforzato la mia speranza.
Non esistono due concerti uguali, di nessuno in nessun posto, figuriamoci una cosa come Campovolo, con tutto il carico di emozione che si è creato intorno a quel 22 settembre. Credo che il fatto che Ligabue, un emiliano, offrisse la sua «casa» per il concerto abbia reso speciale quello che stava succedendo. Io la sentivo, e credo che la sentissero anche gli altri, l’importanza di essere lì con Luciano, nella sua Campovolo. Non era una situazione «neutra». Nella mia memoria un posto particolare lo occupa il pullman che ci ha portato avanti e indietro tutti insieme, noi artisti che eravamo lì. Una specie di scuolabus pieno di cantanti, che, come qualcuno può facilmente immaginare, fanno un mestiere che anche col passare degli anni non riesce a cancellare del tutto certi atteggiamenti da ragazzini.

Le emozioni più forti sono quelle che scaturiscono da stati d’animo che contrastano. La gioia pura è poco interessante, come lo è il dolore puro, mentre quando la vita ti avvolge nella sua potenza assurda il cuore sembra esplodere perché non si sa se ridere o se piangere, se essere felici o essere tristi. In quei casi ci si lascia andare a quel tipo di vortice, che era esattamente l’aria che c’è stata a Campovolo. Si era lì per un terremoto ma la musica rendeva tutto anche festoso, un corto circuito indescrivibile. Non so se esista una canzone nel mio repertorio che potesse essere particolarmente significativa in quella situazione: quello che serviva era una canzone che portasse il buon umore, per dare a tutti la carica. Per reagire alla forza della natura, soprattutto quando è così devastante ci vuole una forza costruttiva e positiva, direi. E Campovolo è stato una grande forza. Una forza così.

 

 

fonte: www.lastampa.it, 05.12.2012

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.