Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La forbice ricchi-poveri, i giusti obiettivi, di Marco Girardo

La forbice ricchi-poveri, i giusti obiettivi, di Marco Girardo

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 26/01/2021 17:29
Si avverte sempre un certo senso di impotenza a ogni aggiornamento sulle disuguaglianze nel mondo…

Il rapporto di Oxfam arriva come di consueto in pieno inverno boreale, quando i leader mondiali si riuniscono a Davos. Ma quest’anno l’inverno è anche economico ed è globale per i rigori prodotti dalla pandemia. Non per tutti, naturalmente. Il Covid-19 non veste i panni della 'grande livellatrice' che fu invece la peste in secoli lontani: mille super-ricchi recupereranno le perdite generate dalla crisi sanitaria in 9 mesi, miliardi di poveri ci impiegheranno almeno due lustri.

Per i primi dieci miliardari il patrimonio dall’inizio della pandemia è addirittura aumentato di 540 miliardi di dollari. Non è certo sorprendente: da Jeff Bezos a Bill Gates, da Warren Buffet a Larry Page hanno tutti fondato imperi nei settori dove il blocco della mobilità si è rivelato un beneficio come per la tecnologia e l’e-commerce. O nella comunicazione digitale, che ci ha connessi anche se fisicamente distanziati.

La finanza, poi, ha visto le Borse aggiornare tutti i record proprio nel 2020. Il 'valore', del resto, si estrae oggi in larga parte dal virtuale e non dal materiale, dagli algoritmi più che dalle fabbriche. Che oligopolisti e 'market-mover' vedano crescere la loro fortuna soprattutto in tempi di crisi – presto si aggiungerà 'Big Pharma' – non è pertanto strano e nemmeno inedito nel corso della storia.

John D. Rockefeller negli anni Trenta del Novecento era per esempio tre volte più ricco, in termini di fetta del Pil mondiale nelle sue tasche, di quanto lo sia il fondatore di Amazon ai giorni nostri. Eppure non è da questa sensazione di ineluttabilità, a pensarci bene, che deriva il senso di impotenza. Ci deve essere un altro incremento di disuguaglianza a generare frustrazione, giusta indignazione e anche preoccupante rabbia sociale. Dai tempi di Rockfeller, infatti, grazie alla globalizzazione, la disparità fra i Paesi più ricchi e quelli più poveri ha cominciato a ridursi. 

La pandemia ha accentuato questa tendenza, ma rischia lo stesso di aumentare drammaticamente il numero di poveri assoluti nelle periferie del mondo. Perché disuguaglianza e povertà sono due concetti distinti, per quanto poco distanti, e la povertà richiede, come ammonisce spesso papa Francesco, un’attenzione specifica troppo spesso disattesa. Anche la disuguaglianza di ricchezza dentro i singoli Paesi, dopo la Seconda guerra mondiale, si era progressivamente assottigliata. Fino all’ultima grande crisi globale, quella iniziata nel 2008. Da lì la forbice 'interna' ricchi-poveri ha ripreso ad aumentare. Interessando soprattutto la classe media nelle economie avanzate dove, insieme agli immigrati, i più colpiti risultano donne e giovani.

La disuguaglianza più perniciosa non è quella siderale con i multimiliardari e nemmeno quella assoluta, ma quella relativa alla propria dimensione temporale, al luogo in cui si vive, allorché dal piano statistico si passa a quello esistenziale. Oltre che di ricchezza, quindi, una disuguaglianza di opportunità nel presente e di sguardo sul futuro. Da qui nascono quei sentimenti di frustrazione e conflittualità per la perdita delle condizioni di vita rispetto al passato che sono il vero combustibile di ogni populismo. Tali disparità 'relative' non si presentano però ineluttabili come dato di natura.

Hanno certo a che fare con un mondo in cui la tecnologia ha modificato il sistema occupazionale e la globalizzazione scompigliato confini e rapporti di potere, ma a livello locale sono la conseguenza delle politiche effettuate e di quelle non effettuate (gli economisti lo chiamano policy drift). Dipendono cioè da come funzionano il mercato del lavoro – e quindi dai i redditi che da questo provengono – i sistemi fiscali e quelli di protezione.

Ecco perché è così importante in questa precisa fase storica il ruolo della cooperazione sociale, che ha già prodotto una terza via economica per cucire insieme lavoro e cura. Ed ecco perché è indispensabile che, in Italia, il Piano nazionale di resilienza e ripartenza non consideri l’inclusione e il contrasto alle disuguaglianze semplicemente una delle voci di spesa, ma un obiettivo sotteso per integrare tutto il progetto con la misurazione dell’impatto sociale di ogni scelta effettuata. Solo così saremmo messi nella condizione di non sentirci impotenti al cospetto di inusitate ricchezze e, quel che più conta, colpevolmente inermi di fronte al disperato grido dei poveri che abitano oggi accanto a noi.

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/mai-rassegnati-allimpotenza

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.