Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La fatica di ricercare insieme, di Rocco D’Ambrosio

La fatica di ricercare insieme, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 02/05/2022 12:16
Condividere pensieri, dialogare sull’attualità come sui massimi sistemi, confrontarsi, fare gruppo, definire insieme principi e fondamenti, progetti e strategie sembra essere, molto spesso, impossibile. Eppure è necessario, per poter trarre i frutti che solo il confronto può offrire…

Lavorare insieme, come ricercare insieme è stata sempre una grande fatica. Condividere pensieri, dialogare sull’attualità come sui massimi sistemi, confrontarsi, ricercare la verità appoggiandosi agli altri, fare gruppo, definire insieme principi e fondamenti, progetti e strategie sembra essere, molto spesso, impossibile. E ciò vale per tutti i gruppi e le istituzioni umane: si pensi alla ricerca scientifica, ai suoi risultati da convalidare nella relativa comunità (la scoperta e sperimentazione dei vaccini insegnano); all’attività diplomatica internazionale (il dialogo per il “cessate il fuoco” in Ucraina ne è prova); alla Chiesa cattolica ora impegnata in una delicata fase sinodale; a tutta l’attività accademica, spesso segnata da protagonismi invidiosi e poco collaborativi e cosi via. Un’interessante giornata di studio della Facoltà di Filosofia della Pontificia Università Gregoriana (Synodos come Methodos, sul con-filosofare – symphilosophein, Roma 28.4.22) ha offerto interessanti spunti. A margine presento alcune personalissime note su un tema che appassiona tutte le donne e gli uomini di buona volontà, a prescindere da sensibilità, storie, culture e religioni di appartenenza.

Per Aristotele la città (polis) è il luogo in cui la persona, che è relazionale (zoon politikon) si realizza, matura la sua felicità compiendo il bene. Tutta la maturità della persona, per Aristotele, è ricercata e vissuta nella città, che è indispensabile in quanto assume lo stesso fine (télos) della persona, bene o felicità che dir si voglia. La comunità è anche il luogo in cui la felicità viene condivisa e rafforzata con le felicità altrui. È in questi elementi la radice più profonda dello stretto rapporto tra attività intellettuale (e conseguente scoperta della verità) e ricerca e condivisione con e nel gruppo. In altri termini non è possibile produrre pensiero, seconda retta ragione (kata ton orton logon), se non insieme. Nella visione cristiana – dove il Cristo è “via, verità e vita” (Gv 14, 6) – la rivelazione è sempre al popolo dei credenti e dove è data a una persona, questa è inviata agli altri, come nei racconti dopo la Resurrezione. La verità è sinfonica, direbbe von Balthasar.

Sempre Aristotele precisa che colui che per primo portò gli altri a formare una comunità politica, fu l’autore di un grande bene, perché è stato capace di portare le persone a vivere insieme e a realizzare una vita virtuosa e felice. La Arendt, in quest’ottica, precisa che la sfera politica sorge direttamente “dall’agire insieme, dal condividere parole e azioni”. Pensiero e azione nascono in condivisione. Tutto ciò, a mio modesto avviso, non mortifica o toglie il valore della ricerca personale ma la concepisce e la proietta sempre in un’ottica di gruppo: si giunge a una scoperta scientifica o a una verità per condividerla e cosi la si conferma, rafforza, amplia. Infatti la trasmissione del sapere è un fatto collettivo, comunitario. Anche quando apprendo, da solo, con un libro tra le mani, i suoi contenuti sono sempre frutto di relazioni, storie, culture, vita di popoli. 

Non possiamo negare che l’utilizzo eccessivo di dati provenienti dal web fomenta una mentalità per cui ciò che conta è la creazione individuale, nel segreto della mia stanza, evitando relazioni e confronti. Del resto la deriva dei social dove una persona qualsiasi sente di pontificare su tutto, senza studio, riscontri e dialogo, è anche frutto di uno pseudo apprendimento isolato dal mondo, spesso solo interessato all’apparire e/o al guadagnare.

Ricerca, elaborazione e verifica danno frutti solo negli incontri con gli altri (virtuali solo se non è possibile di persona). Il sapere cresce solo e se esiste incontro pieno – quello virtuale non lo è – se si fa “sinodo”. La “parola” del nostro sapere, cioè il contenuto mentale, raggiunge la sua pienezza quando diventa “con-parola”, cioè parola che nasce e vive nella relazione. L’oggetto del discorrere può essere la pandemia, la guerra, una posizione scientifica o filosofica o ecclesiale: in questo caso poco importa, perché i frutti, in ogni campo, verranno solo se il metodo si ancorerà sulla personale capacità di relazionarsi e di lavorare insieme. 

Il tutto perché, come ha scritto Primo Mazzolari, “la verità non ha bisogno di aggettivi, perché la verità non ha padroni: è libera. Il mio e il tuo non le si confanno: sono intonachi che non resistono alla prima intemperie, incrostazioni sacrileghe. La verità non è un campo che può essere cintato a beneficio esclusivo di qualcuno o di un gruppo, una colonia da sfruttare”.

https://formiche.net/2022/04/la-fatica-di-ricercare-insieme-la-riflessione-di-dambrosio/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.