Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La dimensione della responsabilità, di Alessandro Gisotti

La dimensione della responsabilità, di Alessandro Gisotti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 17/12/2021 09:43
Il Papa e il Presidente, due ultra ottantenni, si sono fatti capire con naturalezza dai più giovani, che hanno spesso mostrato di essere pronti a rispondere a quel richiamo a valori, spirituali e civili…

Se c’è una data che forse sottolinea, anche visivamente, più di ogni altra la sintonia non comune tra Papa Francesco e Sergio Mattarella è il 27 marzo 2020. Quel giorno a distanza di una manciata di ore, il Pontefice e il Presidente prendevano parola nell’ora più buia della pandemia quella segnata dalla paura e dalla lacerante incertezza sul futuro, alle prese con un nemico “invisibile” e del tutto inatteso. Il Papa nella piazza San Pietro vuota e bagnata dalla pioggia. 

Il Presidente, poco dopo, parlando dal Quirinale, “la Casa degli italiani”, testimoniavano innanzitutto la dimensione della responsabilità verso la propria comunità: i fedeli, il primo; i concittadini, il secondo. Entrambi, partendo da due prospettive diverse, arrivavano alla medesima conclusione: solo riconoscendo l’appartenenza alla comune fraternità, solamente riscoprendo il valore della solidarietà si sarebbe potuti uscire, e uscire “migliori”, da questa crisi. 

Sergio Mattarella e Jorge Mario Bergoglio si sono incontrati in numerose occasioni nel settennato del Presidente che volge al termine, confermando e consolidando una tradizione che dimostra il rapporto speciale che esiste tra la Santa Sede e l’Italia. Particolarmente significative — anche per il contenuto dei discorsi pronunciati — sono state la visita di Stato in Vaticano, il 18 aprile del 2015, dunque solo due mesi dopo l’elezione alla Presidenza della Repubblica. E quella al Quirinale, da parte di Papa Francesco, il 10 giugno del 2017. In questi anni, molti osservatori — sia in ambito cattolico che laico — hanno rilevato giustamente l’identità di vedute tra le due personalità. 

Una sintonia che cresceva tanto più si facevano urgenti le sfide del nostro tempo: dalla giustizia sociale al fenomeno migratorio, dalla questione ecologica appunto alla drammatica condizione in cui ci troviamo immersi a causa del covid-19. Per il Presidente, il Magistero di Francesco, pur essendo rivolto alla realtà universale della Chiesa cattolica, ha interpellato al tempo stesso in modo fecondo la realtà sociale, economica e politica italiana. 

Dal canto suo, il Papa ha trovato nel Presidente l’interprete di una “laicità positiva” (per riprendere una formula cara a Benedetto xvi ), che nella distinzione dei ruoli e nel rispetto delle reciproche funzioni, sottolinea la necessità di una rinnovata collaborazione tra Stato e Chiesa, tra Italia e Santa Sede per il bene comune di tutti i cittadini.

In un tempo segnato da tante difficoltà, amplificate dalla pandemia, gli italiani hanno dunque riconosciuto nel Papa e nel Presidente dei punti di riferimento saldi, credibili e capaci di infondere speranza nonostante la pagina triste della storia che stiamo vivendo. Soprattutto, hanno trovato in loro una sincera e profonda partecipazione alle sofferenze, alle fatiche come pure ai sogni delle persone e delle comunità. Un’empatia di cui c’era e c’è particolarmente bisogno in questo momento storico. E che si è espressa, per certi versi in modo sorprendente, in special modo nel dialogo intergenerazionale. 

Il Papa e il Presidente, due ultra ottantenni, si sono fatti capire con naturalezza dai più giovani, che hanno spesso mostrato di essere pronti a rispondere a quel richiamo a valori, spirituali e civili, che Jorge Mario Bergoglio e Sergio Mattarella incarnano in modo esemplare. Un segno di speranza che, assieme al senso di responsabilità, rappresenta un’eredità duratura a cui potremo attingere ancora a lungo. 

https://www.osservatoreromano.va/it/news/2021-12/quo-286/la-dimensione-della-responsabilita.html

Azioni sul documento
  • Stampa
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.