Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La cultura, la carità, i diritti di tutti noi, di Gianluigi Ricuperati

La cultura, la carità, i diritti di tutti noi, di Gianluigi Ricuperati

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 28/10/2021 09:31
Lettera ai Parlamentari della Repubblica Italiana…

Diceva Pasolini che non c’è Cultura senza Carità, intendendo per Carità non il senso corrente del termine bensì la virtù teologale certamente cristiana ma assolutamente umana, densa di echi profondi, ispirati a un bene millenario, che attraversa latitudini fedi e ragioni diverse. Chi si occupa di cultura non può essere indifferente all’interdizione continua nei confronti di un cammino di civiltà e amore. 

La culla sempre riconquistata della libertà di essere è un’aspirazione alla quale possiamo e dobbiamo guardare tutti: è una culla in cui si diventa grandi, una culla in movimento, una culla di felicità e responsabilità, una culla di ogni colore possibile, dove la sola nota non ammessa è la nota che vuole cancellarne altre.

Esiste una dimensione nella quale gli esseri umani, ancor prima dei cittadini, si rivelano per ciò che davvero sono, senza più alcuna pressione, distinzione, appartenenza, giudizio di prossimità, angoscia dell’influenza o dovere dell’esempio.

Corrisponde alle cose che fai e dici quando nessuno ti guarda, e quando la segretezza protegge il cuore trascinandolo dolcemente verso la culla conquistata della libertà (conquistata significa che è sempre da conquistare, e si può perdere al volo, oppure è sempre di là da venire). Si vota lontano dagli occhi di chi potrebbe chiuderti la bocca.

Purtroppo ciò che è accaduto il 27 ottobre 2021 in Senato rivela esattamente il contrario: si è votato lontano dagli occhi per chiudere la vita a centinaia di migliaia di italiani che ogni giorno tornando a casa guardano con terrore lo zerbino per il timore di idiozie minatorie da parte di vicini di casa razzisti e violenti, ma che sono razzisti e violenti in modo chirurgico, e più precisamente contro i loro dirimpettai o condomini che appartengono alla comunità LGBTq+.

Si è votato contro centinaia di migliaia di italiani che sono costretti a subire (o a reagire) a ogni tipo di angherie, violenze, discriminazioni, insulti, sopratutto in quelle fasce della vita in cui siamo tutti più deboli. Si è votato secondo coscienza, certo, ma quale senatore può guardarsi allo specchio invisibile della coscienza se lavora per un’Italia in cui umani adolescenti e adulti vengono messi in ginocchio ogni giorno dall’Apartheid della Paura, dell’Ingiustizia, della Segregazione di fatto? Il voto segreto è troppo importante per essere tradito così, per conto della Paura, ispirato dall’Ingiustizia, nel nome della Segregazione.

Nessuno mette in dubbio le prerogative costituzionale del Parlamento e la libera determinazione di ogni suo membro di decidere come ritiene. Sarebbe stato preferibile che ognuno di essi si esprimesse liberamente e apertamente scegliendo punto per punto e non rinviando, nel segreto dell’urna, sine die.

È dal 1996 che si cerca di dare al paese una legge che tuteli il diritto di essere ciò che si è (a formularla così, sembra incredibile che si debba lottare per questo). Allora ero un adolescente, poco più che un bambino. Oggi vorrei che i miei bambini, ancora piccoli, possano diventare adolescenti in un'Italia dove i diritti umani valgono per tutti.

https://www.ilsole24ore.com/art/la-cultura-carita-diritti-tutti-noi-AE1rhys

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.