Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La crisi sanitaria e la ripresa: due sfide per la finanza etica, di Marie-Christine Vergiat

La crisi sanitaria e la ripresa: due sfide per la finanza etica, di Marie-Christine Vergiat

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 29/12/2021 08:09
Crisi sanitaria, lavoro, futuro della finanza. L'analisi deputata europea dal 2009 al 2019…

Ormai da parecchi mesi viviamo nell’era del Covid-19 e della crisi sanitaria che questa malattia ha scatenato sull’intero Pianeta. L’economia mondiale è stata quasi paralizzata per molto tempo, rivelando la dipendenza dei Paesi cosiddetti sviluppati rispetto alla produzione di beni, compresi quelli essenziali, come si è visto nel caso delle mascherine. Numerose imprese, grandi e piccole, sono riuscite a sopravvivere unicamente in virtù degli aiuti concessi dalle autorità pubbliche.

Il parallelo con la crisi finanziaria del 2008

Impossibile non fare un parallelo con il 2008 e chiedersi se, stavolta, chi ci governa (e non solo) avrà imparato la lezione su ciò che sta accadendo.

Torniamo indietro con la memoria. Nel 2008, gli Stati sbloccarono somme talmente gigantesche di denaro per salvare le banche da indurre molti di noi a pensare che occorresse porre un freno all’ipertrofia degli organismi finanziari, anche per imporre loro di concentrarsi nuovamente sull’economia reale. Come sono andate le cose in realtà? Certo, la regolamentazione è stata leggermente rafforzata e qualche controllo in più è stato introdotto, ma essenzialmente possiamo dire che tutto è ricominciato come prima. Peggio ancora, i colossi hanno continuato ad aumentare le loro dimensioni, incoraggiati dai poteri pubblici.

Al momento attuale è troppo presto per un bilancio delle conseguenze economiche (e sociali) della crisi sanitaria, innanzitutto poiché è evidente che non siamo ancora alla fine del tunnel. Tuttavia, possiamo cominciare a tracciarne le prime linee.

Andiamo verso un profondo cambiamento della società

In alcuni settori, si possono evidenziare alcuni elementi. Così, per esempio, non c’è dubbio che la crisi sanitaria abbia accelerato la rivoluzione digitale, nel bene e nel male. Il telelavoro ne è un perfetto esempio. Ci sono persone che possono adattarsi e per le quali è un’opportunità, persone per le quali è un vincolo aggiuntivo e persone che non possono avvalersene per la loro formazione, per le insufficienti capacità di adattamento o semplicemente perché il loro mestiere non si presta.

Ma stiamo andando verso un profondo cambiamento della società: nulla è scontato, soprattutto se vediamo la capacità dei più abbienti del mondo di ricostituire le proprie ricchezze. O addirittura di superare le cifre di prima della crisi. Ora, esattamente come fu nel 2008.

«I cittadini non si accontenteranno del green e social-washing»

I cittadini sono sempre più consapevoli del devastante aumento delle disuguaglianze economiche e sociali, così come delle sfide climatiche e ambientali. La loro richiesta di responsabilità sociale e ambientale è sempre più stringente e non è detto che si accontenteranno di nuovi prodotti ben confezionati ed etichettati come green o social-washing. È di vere alternative che hanno bisogno i nostri concittadini. Ed è in questo che la finanza etica può svolgere bene il proprio ruolo.

La finanza etica, così come l’insieme degli attori dell’economia sociale e solidale, deve essere al centro delle trasformazioni a venire. Deve mostrare l’esempio, dare prova di innovazione per accompagnare le nuove forme di sviluppo economico, sociale e tecnologico.

La finanza etica può e deve dare l’esempio

Il «fare società in altro modo» non è più appannaggio di pochi gentili utopisti, gli attori che vi consacrano tutte le proprie energie sono sempre più numerosi. Ma dobbiamo ancora cambiare la scala. La finanza etica deve essere al loro fianco, in prima linea.

Esistono delle potenzialità, in particolare alla Commissione europea con, per la prima volta, un commissario, Nicolas, Schmit, che sostiene con fermezza l’economia sociale e una migliore collaborazione con i suoi attori finanziari come le banche e i finanziatori cooperativi ed etici. Lo stesso vale per l’Onu con il gruppo di lavoro (Untfsse) presieduto dal direttore del dipartimento delle imprese dell’ILO, che ritiene che l’ESS possa svolgere un ruolo trainante per affrontare le sfide del mondo di domani.

Quindi, le sfide sono tante, si aprono nuove prospettive. La finanza etica deve saper cogliere questa opportunità per innescare l’acceleratore.

https://valori.it/crisi-sanitaria-ripresa-sfide-finanza-etica/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.