Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La crisi economica in Italia è davvero finita? Di Violetto Gorrasi

La crisi economica in Italia è davvero finita? Di Violetto Gorrasi

creato da D. — ultima modifica 14/09/2015 17:37
Il ministro dell'Economia Saccomanni e il premier Letta vedono la luce in fondo al tunnel: "Recessione finita, Paese al sicuro". Ma i dati dicono altro: il Pil, per esempio, va giù ed è l'ottavo calo consecutivo. Slanci di ottimismo solo per salvaguardare le larghe intese? Il dubbio c'è...

Fabrizio Saccomanni, ministro dell'Economia: "La recessione è finita, credo che l'economia entrerà in ripresa, siamo a un punto di svolta del ciclo". Enrico Letta, presidente del Consiglio: "I segnali ci sono tutti e indicano che siamo a un passo dal possibile. A un passo, cioè, dall'inversione di rotta e dall'uscita dalla crisi più drammatica e buia che le attuali generazioni abbiano mai vissuto". Enrico Giovannini, ministro del Lavoro: "Nel secondo trimestre il Pil avrà ancora un segno meno, ma nel terzo e nel quarto si potrà avere un segno positivo. A quel punto potremmo dire che la recessione che ormai dura da due anni è finita".

Tre dichiarazioni forti, tre previsioni ottimistiche sul futuro dell'economia italiana. Ma è davvero così? Hanno ragione Saccomanni, Letta e Giovannini a intravedere la luce in fondo al tunnel della crisi che attanaglia il nostro Paese?

I DATI DELL'ISTAT - Lasciamo che a parlare siano i dati. Proprio ieri è arrivato l'ennesimo "bollettino nero" sullo stato economico del Paese. L'Istat ha reso noto che nel secondo trimestre del 2013 il prodotto interno lordo italiano è diminuito di un altro 0,2% rispetto al trimestre precedente e del 2% nei confronti del secondo trimestre del 2012. Si tratta dell’ottavo calo trimestrale consecutivo, "una situazione mai verificatasi a partire dall’inizio delle serie storiche comparabili, nel primo trimestre del 1990".

IL PIL ITALIANO NON CRESCE DA DUE ANNI

"IMU E IVA, SOLDI NON CE NE SONO" - "E' una previsione troppo pessimistica e penso che il dato risentisse della stasi politica che ha caratterizzato l'economia fino alla fase precedente le misure di rilancio", ha detto Saccomanni. Intanto, però, "i soldi non ci sono. Abbiamo detto più volte che non vogliamo incrementare ulteriormente il debito dello Stato e non vogliamo aumentare le tasse", ha ammesso il ministro dell'Economia spiegando che "bisogna accettare il peso politico di fare delle scelte di priorità". E i nodi Imu e Iva stanno arrivando al pettine. "Abbiamo reperito fondi per la sospensione della rata a giugno, stiamo lavorando per presentare la riforma complessiva entro il 31 agosto", dice Saccomanni parlando della tassa sulla casa. E su Tares e catasto? "Cerchiamo di allargare perimetro per soluzione complessiva".

VOLA LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE: 39,1%

"COGLIERE I SEGNALI POSITIVI" - Speranzoso anche il premier Letta: "Il nostro impegno, a partire da oggi, è quello di cogliere fino in fondo questi segnali positivi, di mettercela davvero tutta affinché il possibile diventi realtà, di proseguire nel percorso tracciato in questi primi 100 giorni. L'Italia può farcela perché ha al proprio interno l'energia, la capacità, la voglia di cambiare e di cambiare in meglio".

BASTA UN FIGLIO PER ESSERE POVERI

L'ANALISI - Le dichiarazioni ottimistiche di esponenti del governo, dunque, sembrano stridere al cospetto di dati che non fanno certo intravedere un futuro roseo. I primi timidi segnali positivi dall'industria, con l'indice della produzione industriale che a giugno è aumentato dello 0,3% rispetto a maggio (anche se in termini tendenziali, cioè annuali, è diminuito del 2,1%), non giustificano il florilegio di atteggiamenti "fiduciosi". Soprattutto se il tasso di disoccupazione, e quello giovanile in primis, cresce di mese in mese. E allora bisogna abbandonarsi all'ansia del futuro e lanciare allarmi sugli anni cupi che, purtroppo, ancora ci aspettano all'orizzonte? No, basterebbe osservare la realtà con equilibrio e franchezza. Senza facilonerie ed entusiasmi ingiustificati. Sicuri che Letta, Saccomanni e Giovannini, con i loro slanci di ottimismo sui temi dell'economia, non vogliano soltanto salvaguardare il governo di larghe intese in bilico dopo il caso Berlusconi-Cassazione? "Tranquillizzare" i cittadini sulla recessione "che sta finendo" - con i dati che in realtà dicono altro - per rendere meno scivoloso questo lungo agosto politico. Il dubbio c'è.



Fonte: http://www.today.it/politica/crisi-economica-italia.html, 7 agosto 2013
Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.