Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La crisi economica in Italia è davvero finita? Di Violetto Gorrasi

La crisi economica in Italia è davvero finita? Di Violetto Gorrasi

creato da D. — ultima modifica 14/09/2015 17:37
Il ministro dell'Economia Saccomanni e il premier Letta vedono la luce in fondo al tunnel: "Recessione finita, Paese al sicuro". Ma i dati dicono altro: il Pil, per esempio, va giù ed è l'ottavo calo consecutivo. Slanci di ottimismo solo per salvaguardare le larghe intese? Il dubbio c'è...

Fabrizio Saccomanni, ministro dell'Economia: "La recessione è finita, credo che l'economia entrerà in ripresa, siamo a un punto di svolta del ciclo". Enrico Letta, presidente del Consiglio: "I segnali ci sono tutti e indicano che siamo a un passo dal possibile. A un passo, cioè, dall'inversione di rotta e dall'uscita dalla crisi più drammatica e buia che le attuali generazioni abbiano mai vissuto". Enrico Giovannini, ministro del Lavoro: "Nel secondo trimestre il Pil avrà ancora un segno meno, ma nel terzo e nel quarto si potrà avere un segno positivo. A quel punto potremmo dire che la recessione che ormai dura da due anni è finita".

Tre dichiarazioni forti, tre previsioni ottimistiche sul futuro dell'economia italiana. Ma è davvero così? Hanno ragione Saccomanni, Letta e Giovannini a intravedere la luce in fondo al tunnel della crisi che attanaglia il nostro Paese?

I DATI DELL'ISTAT - Lasciamo che a parlare siano i dati. Proprio ieri è arrivato l'ennesimo "bollettino nero" sullo stato economico del Paese. L'Istat ha reso noto che nel secondo trimestre del 2013 il prodotto interno lordo italiano è diminuito di un altro 0,2% rispetto al trimestre precedente e del 2% nei confronti del secondo trimestre del 2012. Si tratta dell’ottavo calo trimestrale consecutivo, "una situazione mai verificatasi a partire dall’inizio delle serie storiche comparabili, nel primo trimestre del 1990".

IL PIL ITALIANO NON CRESCE DA DUE ANNI

"IMU E IVA, SOLDI NON CE NE SONO" - "E' una previsione troppo pessimistica e penso che il dato risentisse della stasi politica che ha caratterizzato l'economia fino alla fase precedente le misure di rilancio", ha detto Saccomanni. Intanto, però, "i soldi non ci sono. Abbiamo detto più volte che non vogliamo incrementare ulteriormente il debito dello Stato e non vogliamo aumentare le tasse", ha ammesso il ministro dell'Economia spiegando che "bisogna accettare il peso politico di fare delle scelte di priorità". E i nodi Imu e Iva stanno arrivando al pettine. "Abbiamo reperito fondi per la sospensione della rata a giugno, stiamo lavorando per presentare la riforma complessiva entro il 31 agosto", dice Saccomanni parlando della tassa sulla casa. E su Tares e catasto? "Cerchiamo di allargare perimetro per soluzione complessiva".

VOLA LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE: 39,1%

"COGLIERE I SEGNALI POSITIVI" - Speranzoso anche il premier Letta: "Il nostro impegno, a partire da oggi, è quello di cogliere fino in fondo questi segnali positivi, di mettercela davvero tutta affinché il possibile diventi realtà, di proseguire nel percorso tracciato in questi primi 100 giorni. L'Italia può farcela perché ha al proprio interno l'energia, la capacità, la voglia di cambiare e di cambiare in meglio".

BASTA UN FIGLIO PER ESSERE POVERI

L'ANALISI - Le dichiarazioni ottimistiche di esponenti del governo, dunque, sembrano stridere al cospetto di dati che non fanno certo intravedere un futuro roseo. I primi timidi segnali positivi dall'industria, con l'indice della produzione industriale che a giugno è aumentato dello 0,3% rispetto a maggio (anche se in termini tendenziali, cioè annuali, è diminuito del 2,1%), non giustificano il florilegio di atteggiamenti "fiduciosi". Soprattutto se il tasso di disoccupazione, e quello giovanile in primis, cresce di mese in mese. E allora bisogna abbandonarsi all'ansia del futuro e lanciare allarmi sugli anni cupi che, purtroppo, ancora ci aspettano all'orizzonte? No, basterebbe osservare la realtà con equilibrio e franchezza. Senza facilonerie ed entusiasmi ingiustificati. Sicuri che Letta, Saccomanni e Giovannini, con i loro slanci di ottimismo sui temi dell'economia, non vogliano soltanto salvaguardare il governo di larghe intese in bilico dopo il caso Berlusconi-Cassazione? "Tranquillizzare" i cittadini sulla recessione "che sta finendo" - con i dati che in realtà dicono altro - per rendere meno scivoloso questo lungo agosto politico. Il dubbio c'è.



Fonte: http://www.today.it/politica/crisi-economica-italia.html, 7 agosto 2013
Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.