Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La Costituzione e l’ambiente non fanno notizia, di Rocco D'Ambrosio

La Costituzione e l’ambiente non fanno notizia, di Rocco D'Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 10/02/2022 09:32
Fanno più notizia la politica dei partiti, il Vaticano, le Olimpiadi, qualche scandalo. La notizia è che si interviene, per la prima volta nella storia della Repubblica, su uno dei primi dodici articoli e lo si fa per il tema dell’ambiente. Grazie a chi ha votato al fine di tutelare l’ambiente, sempre e ovunque, anche attraverso l’attività economica…

8 febbraio 2022. Notizia: la tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi entra in Costituzione. L’Aula della Camera ha definitivamente approvato la proposta di legge costituzionale che modifica in tal senso due articoli della Carta, il 9 ed il 41 (fonte: Ansa).

L’art. 9 tra i principi fondamentali e, attualmente, è composto da due commi. La riforma introduce un ulteriore comma. Ecco il nuovo testo: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica
Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali”.

L’art. 41 si trova nella parte dedicata ai “diritti e doveri dei cittadini”, nel titolo III, dal titolo “rapporti economici”. Attualmente, è composto da tre commi e la riforma prevede l’introduzione di alcuni “incisi”. Ecco il nuovo testo:
“L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla salute, all’ambiente, alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali e ambientali”.

Il testo, alla seconda lettura alla Camera, è passato a Montecitorio con 468 voti a favore, un contrario e sei astenuti. Il Senato lo aveva approvato con la maggioranza dei due terzi lo scorso 3 novembre. Di conseguenza, entra subito in vigore e non è sottoponibile a referendum. “Questo voto del Parlamento segna una giornata epocale: testimonio qui la presenza del governo che crede in questo cambiamento, grazie al quale la nostra Repubblica introduce nei suoi principi fondanti la tutela dell’ambiente”. Così il ministro per la transizione ecologica, Roberto Cingolani, commenta a Montecitorio l’imminente voto della Camera che introduce la tutela dell’ambiente in Costituzione (fonte: Ansa).

9 febbraio 2022. Notizia epocale? Non si direbbe per la stampa italiana. Uno sguardo alle prime pagine dei maggiori quotidiani (una dozzina) mostra che una buona metà non riporta niente in prima, l’altra metà ha un piccolo riquadro (e articoli nell’interno) e uno solo titola: “Principio Ambiente. Nel nome dei figli” (Avvenire). Si dovrebbe studiare quanto il resto dell’informazione nazionale, in Tv e on line, abbia seguito la scia dei quotidiani.

Non ci vuole molto a concludere: la Costituzione non fa notizia. Fanno più notizia, stando a queste pagine, la politica dei partiti, il Vaticano, le Olimpiadi, qualche scandalo. Non so quanti Costituenti, davanti a questo quadro informativo poco edificante, si siano rivoltati nella tomba o si siano girati, sdegnati, dall’altra parte. La notizia è che si interviene, per la prima volta nella storia della Repubblica, su uno dei primi dodici articoli e lo si fa per il tema dell’ambiente. Ricordiamo quanto molti – alcune volte inizio a pensare “pochi”, ma mi auguro tanto di sbagliare – sanno bene: nei primi dodici articoli, in modo fondante e pregnante, c’è la Carta d’Identità del nostro Paese, dal punto di vista etico, sociale, politico e giuridico. 

La Pira direbbe: “Ogni tipo di Costituzione è analogo ad un edificio avente una certa architettura: esso consta di tre parti: 1. La base teorica (dalla quale l’edificio trae la sua ispirazione architettonica); 2. Il corpo dell’edificio (costituito dall’ordinamento sociale); 3. La volta dell’edificio (costituita dall’assetto giuridico e tecnicamente costituzionale” (Premesse della politica e architettura di uno stato democratico).

Pensiamo alla Cupola di San Pietro o del Pantheon e a ciò che regge queste cupole, o altre ugualmente belle, del nostro Paese. Ebbene ieri si è ridisegnata, in piccola parte, questa architettura, ovvero si è passati dal bla-bla-bla sull’ambiente al porlo come principio costituzionale, cioè sacrosanto per tutte le persone, a prescindere dalla loro condizione, cultura e religione. Altro che notizia!

Dopo la deludente prova di molti parlamentari nelle votazioni per il Quirinale, siamo in dovere di dire grazie a chi ha votato al fine di tutelare l’ambiente, sempre e ovunque, anche attraverso l’attività economica. Ci resta ancora da camminare, in termini di formazione e informazione. Da camminare tanto perché la Costituzione sia amata, studiata e attuata, nello spirito e nella lettera. 

Scriveva un altro insigne Costituente, Giuseppe Lazzati: “Si vorrebbe prendere occasione da un ripensamento su quello che è il testo costituzionale, su quelle proposizioni cui era affidata la possibilità di camminare per vie nuove ed originali alla ricerca di autentica libertà e giustizia per il nostro Paese, si vorrebbe approfittare di questo per risvegliare in ciascuno di noi un impegno a riprendere quel testo come punto di riferimento per un autentico progresso del nostro Paese”.

https://formiche.net/2022/02/costituzione-ambiente-articolo-9/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.