Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La cittadinanza ai ragazzini eroi: la politica torna a dividersi, di Lucia Bellaspiga

La cittadinanza ai ragazzini eroi: la politica torna a dividersi, di Lucia Bellaspiga

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 23/03/2019 09:54
La mamma di Adam: «Sono contenta per Rami, ma pensate anche a mio figlio. Entrambi i bambini sono cresciuti qui e hanno studiato qui, l’Italia è il loro Paese: per lui sarebbe una bella cosa»…

«Sono contenta per Rami, ma se danno la cittadinanza anche al mio Adam sarà una bella cosa per lui: sono entrambi cresciuti qua, hanno frequentato la scuola qua, l’Italia è il loro Paese». È l’appello della mamma di Adam, il 13enne di origini marocchine che per primo ha dato l’allarme sventando l’attentato di Ousseynou Sy sullo scuolabus. Mentre dunque la politica medita, tentenna, teme che conferire la cittadinanza a Rami, il 14enne di origini egiziane che ha salvato 51 vite, possa costituire un precedente scomodo, noi ancora udiamo l’eco delle parole incredibilmente adulte di Adam registrate dal 112: «La prego, signore, fate presto, questo non è un film, ci sono cinquanta bambini che rischiano di morire». Che anche lui abbia fatto la sua parte «non lo dico io – insiste la mamma col cuore in mano –, lo dicono le registrazioni delle telefonate... Comunque i bambini sono stati tutti eroi, c’è stata una bella collaborazione».

Aveva ragione Adam, non è un film. Ma il gioco di squadra dei bambini per distrarre il sequestratore e permettere così ai due compagni stranieri di avvertire le forze dell’ordine ci assomiglia tanto, ed è questo che ha mosso le coscienze: possibile che due ragazzini nati e cresciuti in Italia siano stranieri? La proposta di attribuire a Rami la "cittadinanza per meriti speciali", prevista dalla legge nei casi di eroismo, è partita dal vicepremier Luigi Di Maio ed è stata accolta con prudenza dal ministro dell’Interno Salvini: «Stiamo valutando le carte in modo approfondito – frenava ieri – ovviamente non quelle dei bambini ma dei loro genitori. Sono contento che diventare italiani sia così importante, ma la cittadinanza è preziosa, non è un biglietto del Lunapark, sarebbe facile dire diamo tutto a tutti...». 

La paura è che il caso Rami possa riaprire il dibattito sullo ius culturae, ipotesi esclusa dallo stesso premier Conte: «È molto bella la proposta e pure Salvini sta aprendo la questione, ma stiamo parlando di un singolo caso, non approfittiamo in modo strumentale per aprire una prospettiva più ampia». «Salvini si sta adoperando tantissimo. Lo ius soli, comunque, non è nel contratto di governo», dichiara anche Marco Bussetti, ministro dell’Istruzione.

Il quale ieri si è recato alla scuola media "Vailati" di Crema per stringere la mano agli alunni coinvolti nella giornata di terrore: «Siete ragazzi da dieci e lode, sono orgoglioso di voi», ha detto. Poi, ascoltando i loro desideri, ha promesso in premio «l’invito a una partita di serie A e l’incontro a Roma con l’Arma dei Carabinieri». Anche la bidella Tiziana Magarini, che ha avuto un ruolo fondamentale nel gestire l’emergenza durante il sequestro, ha chiesto al ministro di rivedere il carabiniere che l’ha estratta, per ultima, dal bus già in fiamme. "Per il senso civico, la prontezza e il coraggio che avete dimostrato, consentendo di mettervi tutti in salvo", è scritto nella targa che Bussetti ha consegnato all’intera scolaresca, la cui vera forza è stata l’intesa, come ricordato dalla sindaca di Crema, Stefania Bonaldi: «L’eroismo è stato corale, c’era chi distraeva l’attentatore, chi nascondeva i cellulari. Si sono salvati insieme, questo è il messaggio più importante». Bonaldi ha già ricevuto dalla Prefettura di Cremona la richiesta del certificato di nascita di Rami per la concessione della cittadinanza e si è detta «a disposizione», ma «nella mia cultura la cittadinanza è un diritto e darla per meriti speciali rischia di indurre a pensare che solo chi compie gesti eroici ne ha diritto».

Insomma, la soluzione del caso è ancora lontana e Di Maio stesso ieri sentiva l’esigenza di ricordare che «il tema della cittadinanza ai bambini nati nel nostro Paese non è nell’agenda del governo e può essere affrontata solo a livello europeo». Un’affermazione che gli è costata la delusa reazione del suo confessore, don Peppino Gambardella: «Luigi non si appiattisca sulla posizione della Lega, i Cinque Stelle sono diversi. Si ricordi che la maggioranza degli italiani è d’accordo sullo ius soli, il gesto di attenzione per Rami non dovrebbe essere un caso isolato. La Chiesa da sempre sostiene il diritto allo ius soli, Luigi si apra all’esigenza umanitaria e resti vicino ai valori cattolici».

https://www.avvenire.it/attualita/pagine/cittadinanza-ai-ragazzini-eroi-la-politica-torna-a-dividersi

A proposito dei fatti  di Milano, di Silvestro Montanaro

Quello che è accaduto ieri a Milano è gravissimo. Bene hanno fatto le comunità senegalesi presenti nel nostro paese ha prendere posizione e a condannare senza appello l’operato del loro connazionale resosi responsabile del sequestro di decine di ragazzini e della loro possibile strage. Chi conosce il Senegal e la sua gente sa bene come terrorismo e violenza siano estranei al dna culturale di quel popolo. L’operato di Ousseynou Sy, l’autista dello scuolabus, il suo giustificarsi invocando la strage dei migranti, è frutto della sua mente contorta e malata. La sua è responsabilità individuale, non riconducibile a altri come in queste ore la solita canea razzista e xenofoba strepita.
Quello che spaventa è che l’azione di Sy mi sembra essere esattamente l’altra faccia della medaglia di un altro lupo solitario, quel Luca Traini che in nome della lotta agli invasori africani mise su la sua personale strage. Menti malate esaltate dal clima di odio e di paura crescente nel nostro paese. Episodi come questi possono ripetersi se non mettiamo fine al tifo da stadio, alle demagogie squallide, all’incitazione alla guerra tra poveri, che circondano problemi che meritano di essere affrontati con serietà. Immigrazione, crisi africane, convivenza tra diversi.
Questi temi raccontano l’infinita violenza, il terrore quotidiano, che interi popoli sono costretti a respirare nella loro quotidianità. E da secoli. C’è un continente intero che da secoli è massacrato in ogni modo. E’ stato costretto alla schiavitù. Soggetto alla predazione coloniale e lo è ancora oggi. I morti provocati da questo orrore si calcolano in decine, forse centinaia di milioni. Innanzitutto donne e bambini, vittime che se nostre ci fanno inorridire. Da tempo immemorabile in Africa si muore di fame, la più atroce e lenta delle morti, a causa di una miseria voluta e tirannicamente propagata. Da secoli milioni di innocenti, soprattutto donne e bambini, muoiono sotto il ferro delle nostre guerre di predazione. L’Africa è l’emblema della più grande e orrenda delle ingiustizie che il nostro mondo, la cosiddetta nostra civiltà, ha prodotto. Non l’unica. Basti ricordare il genocidio che abbiamo operato dei popoli delle Americhe. Sterminati.
A questo destino che destino non è, ma piuttosto crudeltà dell’uomo e dei suoi interessi, la gente africana ha tentato e tenta di sottrarsi in ogni modo. La sua società civile, gli eroi di mille battaglie di libertà e indipendenza, sono stati più volte massacrati. Sistematicamente. Fuggire, emigrare, è oramai l’unica disperata e illusoria risorsa, la sola fragile speranza per milioni di giovani africani che volentieri resterebbero a casa loro, se ancora avessero una casa loro.
Sia chiaro a tutti, una volta per tutte. Gli africani non chiedono accoglienza. L’Africa non vuole trasferirsi a casa nostra. L’Africa e gli africani vogliono giustizia. E vivere a casa loro. Vogliono viaggiare e cercare nuove opportunità come facciamo tutti noi, ma a partire da un continente a loro restituito.
Raccontare ai nostri poveri, alla nostra povera gente, immiserita da elites incapaci e ladrone, che il grande nemico siano gli immigrati è semplicemente criminale. Promuovere la guerra tra poveri, mettere contro i bisogni di poveri contro i bisogni di altri poveri, è l’arte infame di chi distrugge insieme la quotidianità dei migranti e quella dei nostri disperati pur di continuare a mantenere vivi i propri privilegi e le proprie ruberie. Clandestinizzare i migranti, mettere in crisi i meccanismi di accoglienza e integrazione, è follia sociale suicida. Chi lo fa  porta sulla coscienza la crescente violenza e l’odio, le vittime di oggi, quelle possibili del futuro.

https://raiawadunia.com/a-proposito-dei-fatti-di-milano/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.