Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La Cina è uscita vincitrice dalla crisi mondiale dopo l’11 settembre, di Pierre Haski

La Cina è uscita vincitrice dalla crisi mondiale dopo l’11 settembre, di Pierre Haski

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 10/09/2021 08:54
Il paradosso: mentre gli Stati Uniti sprecavano le loro risorse nella guerra, la Cina costruiva treni ad alta velocità e porti…

E se la “vincitrice” dell’11 settembre fosse… la Cina? Può sembrare paradossale, anche perché la Cina non è stata coinvolta negli attentati, una vicenda che ha riguardato solo gli Stati Uniti e Al Qaeda. Eppure vent’anni dopo possiamo esaminare quell’evento sotto una luce diversa.

Gli Stati Uniti non sono sicuramente i “vincitori”, anche se da quel momento non c’è stato più nessun attentato di matrice islamista sul suolo americano. Tuttavia la caduta di Kabul nelle mani dello stesso gruppo che era stato cacciato dopo l’11 settembre conferisce a questo anniversario un’aria di sconfitta. La vittoria non è stata nemmeno di Al Qaeda, che non è stata debellata ma al contempo non ha capitalizzato quegli attacchi senza precedenti e ha visto il proprio leader Osama bin Laden ucciso da un commando statunitense nel 2011.

Allora sì, in un certo senso possiamo dire che la vittoria è andata alla Cina, perché mentre gli Stati Uniti si sfiancavano nella loro guerra contro il terrorismo, perdendo migliaia di uomini e miliardi di dollari in Afghanistan e Iraq (due guerre che oggi appaiono del tutto vane), Pechino ha colmato il suo ritardo economico fino a trovarsi nelle condizioni di sfidare un’America distratta da altro.

Permettetemi di raccontarvi un episodio personale. Ricordiamo tutti dove eravamo nel momento fatidico in cui abbiamo scoperto gli attentati contro le torri gemelle. A Pechino era ora di cena, e io mi trovavo in casa di un dirigente del Partito comunista cinese quando è stato avvertito dell’accaduto e ha sintonizzato la tv sull’emittente televisiva Phoenix, di Hong Kong. Insieme abbiamo visto in diretta il secondo impatto.

In quell’occasione, con mia grande sorpresa, tutti gli invitati cinesi sfogarono la propria gioia. Qualche settimana prima un pilota cinese era morto in uno scontro con un aereo spia statunitense sul mar Cinese meridionale. “Il nostro pilota è stato vendicato”, esclamò uno degli invitati, senza nemmeno sapere chi ci fosse all’origine degli attentati né conoscerne la portata.

In quel momento anche la Cina doveva scegliere se stare con l’America o contro l’America

Poche ore dopo, la direzione del Partito comunista diffuse un comunicato di solidarietà con gli Stati Uniti. I leader cinesi avevano capito l’importanza di ciò che era accaduto e avevano avuto una reazione politica contraria a quella dei loro sostenitori. Fu la scelta migliore, perché in quel momento bisognava decidere se stare con l’America o contro l’America.

Ma tutto questo non spiega ancora in che senso la Cina sarebbe uscita vincitrice dall’11 settembre. Con quella presa di posizione, dal punto di vista di Washington, Pechino si posizionava dal lato corretto della storia. L’incidente navale aveva inasprito i rapporti tra i due paesi all’inizio del mandato di George W. Bush, eletto qualche mese prima, ma l’11 settembre aveva cancellato quell’episodio. A quel punto la crescita cinese ha avuto un’accelerata.

Negli ultimi vent’anni molti commentatori statunitensi hanno cercato di attirare l’attenzione su questo paradosso: mentre gli Stati Uniti sprecavano le loro risorse nella guerra, la Cina costruiva treni ad alta velocità e porti. Il risveglio è stato doloroso.

Questa storia parallela spiega l’atteggiamento di Joe Biden, che ha deciso di abbandonare frettolosamente l’Afghanistan per investire nelle infrastrutture americane in rovina e nell’innovazione. La Cina ha vinto il primo round (durato vent’anni), ma il secondo è appena cominciato, in un clima da guerra fredda tra le superpotenze del ventunesimo secolo. E senza dubbio questa seconda ripresa sarà più aspra della prima.

https://www.internazionale.it/opinione/pierre-haski/2021/09/09/11-settembre-cina

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.