Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La caduta dei fattoidi. Il virus e le menzogne sul "lavoro rubato”, di Leonardo Becchetti

La caduta dei fattoidi. Il virus e le menzogne sul "lavoro rubato”, di Leonardo Becchetti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 07/04/2020 09:55
È allo scrittore Norman Mailer che dobbiamo l’invenzione della parola "fattoide" per indicare un fatto "verosimile" che inizia a esistere nella mente delle persone dopo essere stato creato dai media…

Nell’era dei social l’opinione pubblica è travolta da molti "fattoidi". Un classico "fattoide" sovranista che circola è che i lavoratori immigrati tolgono posto agli stranieri. 

In un pezzo scritto qualche tempo fa su queste colonne raccontavo che in un bel libro sulle migrazioni Nicola Coniglio ricorda come in Carolina del Nord nel 2011 siano state messe a bando pubblico 6.500 posizioni lavorative stagionali alle quali hanno risposto, completando il percorso lavorativo, solo 7 disoccupati locali sui 500mila presenti in quel territorio. L’autore ricorda come nel medesimo periodo gli stagionali provenienti dal Messico contribuivano al Pil dello Stato americano per 317 milioni di dollari creando secondo alcune stime un posto di lavoro locale per ogni 3-4 stagionali.

Il gigantesco esperimento di distanziamento sociale a cui il coronavirus ci ha costretti ci sta facendo sbattere la testa contro questa realtà anche in Italia. La denuncia di numerosi proprietari agricoli in questi giorni di primavera è che molti prodotti dell’agricoltura italiana rischiano di marcire nei campi per l’impossibilità (o la non disponibilità) degli stagionali di venire a lavorare nel nostro Paese. Il problema è talmente grave che la ministra Bellanova sta correndo ai ripari, siglando un accordo con il governo romeno per l’invio di stagionali al fine di evitare che il 40% della nostra frutta e verdura non venga raccolto.
Ci siamo sgolati, in questi anni, a spiegare e documentare la complementarietà tra lavoratori stranieri e italiani nel nostro Paese. A evidenziare che i mercati del lavoro sono molto segmentati, ovvero che i lavoratori non sono figurine spostabili da un’attività produttiva all’altra, da una professione all’altra (un laureato in legge di Palermo non può fare domani l’ingegnere a Milano, un parrucchiere di Brescia non accetterà con grande probabilità un lavoro di stagionale agricolo nella zona di Pinerolo, un disoccupato con reddito di cittadinanza non vedrà molto di buon grado la possibilità di interrompere l’erogazione per andare a fare lo stagionale e raccogliere frutta e verdura).
La notizia ha scatenato nel dibattito sui social un polverone rimettendo in discussione tutta la costellazione dei fattoidi sovranisti. Che gridano allo «sfruttamento della manodopera agricola», affermando che se i braccianti agricoli fossero pagati "molto di più" gli italiani arriverebbero e il problema non si porrebbe.

Insomma vogliamo la botte piena e la moglie ubriaca. Pagare al supermercato i prodotti agricoli a prezzi che ci dovrebbero insospettire perché non solo nascondono condizioni di manodopera non molto dignitose (riuscendo spesso comunque a offrire a chi viene da condizioni di povertà lavori da quel punto di vista comunque appetibili), ma anche rischi per la nostra salute. Tra i luoghi comuni scoperchiati dalla notizia e dal dibattito c’è l’altro fattoide che tutta la colpa sia dell’euro e della 'deflazione salariale' che ci costringe a tenere le paghe basse per essere competitivi a livello internazionale. La realtà – pessima – dice invece che le condizioni degli stagionali agricoli sono esattamente le stesse negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in tutti Paesi ad alto reddito, euro o non euro. Il difetto fondamentale del nostro Paese sono i fumi ideologici, l’astrattezza e l’incapacità di capire che i problemi li possiamo risolvere solo rimboccandoci le maniche, senza scomodare Marx, Keynes, Milton Friedman e i massimi sistemi. 

Abbiamo tutti la stessa dignità, ma non agiamo tutti allo stesso modo. Così è in tutti i campi della vita. Anche in Italia, anche oggi, anche ai tempi dell’euro le imprese agricole italiane non sono tutte uguali. Ci sono quelle che sfruttano persone e ambiente e fiducia dei compratori finali. Ma ce ne sono molte che, invece, sono capaci di coniugare qualità dei prodotti, uso maggiore delle tecnologie, dignità del lavoro e sostenibilità ambientale senza dover necessariamente praticare prezzi proibitivi. 

E ci sono informazioni e piattaforme in rete dove è possibile acquistare anche online i prodotti di queste aziende oltre a gruppi di acquisto che ci mettono in contatto con le eccellenze delle filiere locali. Se imparassimo a 'votare col portafoglio', premiando con le nostre scelte i prodotti (solidali, dell’agricoltura sociale, 'caporalato free') di aziende capaci di coniugare qualità con dignità del lavoro e sostenibilità ambientale avremmo fatto un atto di vera e civile 'sovranità' e saremmo un bel passo avanti nella soluzione del problema. Abbiamo in tasca le chiavi dei lucchetti delle nostre catene. Le chiavi dobbiamo usarle, però.

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/la-caduta-dei-fattoidi

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.