Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / La battaglia per le materie prime, di Francesco Manta

La battaglia per le materie prime, di Francesco Manta

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 22/04/2022 10:26
Il logoramento delle materie prime, dal grano al gas, ci riporteranno in Medio Oriente e in Africa, regioni del mondo fortemente dipendenti dalle conseguenze della guerra in Ucraina. L'insicurezza alimentare ed energetica generano grande instabilità…

Mentre il conflitto in Ucraina sul campo sembra sedimentarsi su linee di trincea ormai segnate, la guerra di logoramento sulle materie prime prosegue, seminando instabilità in giro per il Mediterraneo allargato. Andiamo per gradi. In Ucraina la situazione è ormai irrimediabilmente compromessa, con i fronti di offesa russi che si concentrano lungo il quadrante sud-orientale; con la presa di Mariupol, la penetrazione nel fianco orientale ora proseguirà verso l’entroterra, dove la resistenza di Kiev al momento fa affidamento sull’approvvigionamento di armi da parte delle potenze occidentali. Questo non fa che darci, ripetutamente, segnali di un congelamento delle posizioni, protraendo il conflitto su un arco temporale molto esteso. D’altronde, le mosse dell’Italia e della Nato preludevano già a fare i conti con una guerra lunga, o comunque con la possibilità di tenere alta la tensione: il pacchetto armi votato dal parlamento italiano, infatti, già prevedeva lo stanziamento di fondi per l’invio di mezzi e armamenti all’esercito di Kiev e il rafforzamento del confine orientale del Patto Atlantico fino al 31 dicembre 2022

La strategia bellica russa si concentra sul logoramento della resistenza ucraina, e lo fa puntando sulla distruzione delle riserve alimentari e degli asset della filiera agroalimentare, fiore all’occhiello dell’economia del Paese, tale da fargli guadagnare l’appellativo di “granaio d’Europa” (ma non solo). L’Ucraina era, infatti, il maggior esportatore di grano e cereali verso i Paesi del Mediterraneo allargato, con significative quote di export anche in Asia Centrale e Indo-pacifico, con una produzione di circa 37 milioni di tonnellate di solo grano nel 2021. Oggi si stima un crollo del 50% della produzione del Paese, con drammatiche ricadute per tutta quella serie di Stati per i quali il grano di Kiev rappresentava l’unica fonte di approvvigionamento. 

Se in Europa la situazione sembra essere grave ma non seria, nei Paesi in via di sviluppo sono già intervenute drastiche misure di contenimento dei prezzi. In Egitto la crisi è conclamata, con al-Sisi che ha imposto un tetto sul prezzo del pane, e nel frattempo guarda all’India per l’approvvigionamento di grani nei prossimi mesi. L’Egitto contava sull’approvvigionamento di grano ucraino per quasi un quarto del suo fabbisogno, e la richiesta di aiuto pervenuta all’India è un grosso segnale per molti attori presenti sul quadrante. Cosa potrebbe significare l’ingresso stabile, in Africa, della seconda potenza demografica del mondo per mezzo della food diplomacy?

D’altro canto, il problema è percepito in maniera sensibile anche nel vicino Oriente, dove il Libano, già strangolato da una pesante crisi economica e da un’inflazione che ha annullato il valore della sua moneta, avrà enormi difficoltà a reperire materie prime a costi accessibili. Il bubbone potrebbe già scoppiare il prossimo mese, con delle turbolente elezioni attese per il 15 di maggio e possibili scenari di profonda agitazione, politica e non solo. Stessa situazione, in termini percentuali, è vissuta da giganti demografici come Indonesia e Pakistan, che a loro volta si stanno muovendo per provvedere alla sostituzione delle importazioni di cereali dall’Ucraina. 

Il secondo, rilevante, risvolto delle vicissitudini in terra ucraina riguarda la questione delle commodities energetiche. Anche in questo caso le prospettive non sono per niente rosee, e i quadranti di maggior interesse sono essenzialmente gli stessi da sempre. Nel Nord Africa la battaglia energetica è molto rilevante anche per l’Italia, che ha recentemente ottenuto un aumento delle forniture di gas dall’Algeria. Anche in questo caso la posizione del nostro Paese risulta ambigua ed imbarazzata, sebbene nell’ottica di forzosa cancellazione della Russia dalla lista dei Paesi fornitori ci spinge a rivolgerci ad Algeri, che da qualche anno è divenuto interlocutore privilegiato della nostra diplomazia. Tuttavia, è bene ricordare come l’Algeria sia anche un importante partner russo nel settore delle armi, continuando a fare shopping di tecnologia militare presso Mosca in virtù delle inasprite tensioni con il Marocco sul Sahara occidentale, sul quale Algeri consuma uno scontro ideologico con la monarchia confinante.

Il secondo scenario si riapre, ancora una volta, sul Medio Oriente, dove la guerra in Ucraina ha creato una voragine di carattere strategico. La Russia aveva dato notizia della ricollocazione di alcune unità militari dalla Siria in Est Europa, obbligando Mosca a rivedere la propria dislocazione nell’area. È giunta la notizia di uno scambio di posizionamenti tra Iran e Russia nella parte centrale della Siria, dovendo la Russia continuare a garantire stabilità ad Israele, ma non potendo contare su una prioritaria presenza militare di pattugliamento presso Damasco. Nel frattempo, in Iraq, si riacutizza la tensione tra Turchia e Iran proprio in virtù delle distensioni politiche tra Ankara, Israele e le petromonarchie del Golfo. Il Medio Oriente è tacitamente in subbuglio poiché le risorse energetiche dell’area, da sempre essenziali, oggi rivestono una rinnovata importanza strategica nel quadro dello strangolamento economico di Mosca. L’aumento – forse non del tutto previsto – dell’impegno militare russo in Ucraina ha riaccentuato le tremebonde agitazioni delle potenze regionali vicino-orientali, spinte sia dalla necessità di garantirsi un corretto posizionamento sul controllo dei giacimenti minerari che dal nuovo stato di confusione indotto dallo spostamento del focus verso l’Europa dell’Est. 

È dunque acclarato come, nell’ottica di un riassetto internazionale delle tensioni lungo la cortina di ferro, quello che una volta era considerato il Terzo Mondo è oggi conteso tra le varie potenze regionali, che continuano a confrontarsi in conflitti proxy su molteplici scenari nel Mediterraneo allargato. Questo scontro, tuttavia, si compone di poco hard power militare e di un eccesso di hard power economico

L’instabilità viene da un lato incentivata dalla battaglia all’approvvigionamento energetico; d’altro canto, la food diplomacy favorisce la nascita di nuove partnership in regioni già coinvolte in contese economiche multilaterali. Questi riassetti sono ben favoriti dal pragmatismo di questi Stati, poco coinvolti ideologicamente dalla frattura tra Occidente e Russia, ma economicamente toccati dalle esternalità negative del conflitto in Est Europa, non interessati ad imporre sanzioni a Mosca con il rischio di ripercussioni interne molto più concrete di quanto non possa avvenire in Europa.

https://www.dissipatio.it/la-battaglia-per-le-materie-prime-terzo-mondo-india-africa-guerra-ucraina-russia-energia-oriente/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.