Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’uomo politico per Don Milani (passando per Aldo Moro e Renato dell’Andro), di Angelo Lucarella

L’uomo politico per Don Milani (passando per Aldo Moro e Renato dell’Andro), di Angelo Lucarella

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 23/09/2022 11:17
L’uomo politico deve essere uomo di cultura (non intellettuale, ma di cultura) perché viene dall’esperienza di aver visto o vissuto la “bestia sofferenza” passando dalla scuola che lo ha educato alla rivoluzione del bene…

Tra le varie ricerche appassionate su Aldo Moro e la sua dimensione cristiana della politica ci si può imbattere in una vera e propria lezione del mai dimenticato Renato Dell’Andro; lezione, quest’ultima, raccolta nei quaderni della Federazione dei centri studi proprio sull’ex Presidente italiano (1992).

La lezione in questione, però, tocca implicitamente Moro perché involge, invece, la dimensione dell’uomo politico nella visione di Don Lorenzo Milani. Per Don Milani la politica non può che essere anche religione nel senso che deve ragionare daultima”.

Cosa strana si direbbe. Come fa la politica ad esser “ultima” quando, piuttosto, occorrerebbe che fosse la prima (cioè all’apice della motivazione esistenziale) a gestire la condizione umana per risolverne i problemi che attanagliano la stessa? 

Non è affatto strano se si considera l’intimo senso che Don Milani, tramite l’insegnamento di Renato dell’Andro, ha voluto offrirci.

Il rapporto tra bestia, uomo e santo è la chiave di lettura migliore per comprendere al meglio il concetto di fondo: non si può passare direttamente dalla bestia al santo. Bisogna farsi uomo.

Non si può saltare un anello di congiunzione di questa trinità del cammino politico della persona.

E perché si tratta di “cammino politico” e non di semplice cammino di fede o di semplice cammino che una persona può fare a prescindere dall’essere credente o meno. Il motivo risiede, incredibilmente, nel ruolo che ha la scuola in tutto ciò. 

Posto che la scuola “per ogni cristiano è fonte di rivoluzione” (sempre percorrendo il discorso di Dell’Andro e considerando che più avanti si comprenderà quale senso abbia il termine “rivoluzione” per “l’uomo politico” alla Don Milani) essa è il luogo della persona in cui le differenziazioni sono contestate.

E contestare quanto sopra è la premessa della novella cristiana legata al fare-promuovere l’umanità verso un fine popolare e povero in cui la ricchezza vera è nell’affermazione della cultura quale strumento di ascensore sociale ed al contempo strumento inclusivo (cioè che nessuno lascia indietro).

Don Milani parte dalla scuola come soggetto che deve portare tutti allo stesso livello nel senso spettando all’insegnante predisporre il contenuto per essere uomo nell’umanità (comunitarismo) e non il contrario (individualismo).

Allora è da questo passaggio che Dell’Andro, rifacendosi all’esperienza morotea, finisce per dare alle parole di Don Milani un perimetro anche costituzionale nell’art. 3: l’uguaglianza formale e sostanziale. 

Quindi l’uomo, tra l’essere bestia e diventare santo, necessita di una dimensione scuola-cultrice per prepararsi all’essere politico.

È l’uomo politico nell’idea di Don Milani che deve essere ultimo, non il primo degli ultimi. 

Perché il politico deve abitare (come direbbe anche Simon Weil) la sofferenza del prossimo per esser rivoluzionario nel quotidiano nella misura in cui vive il tragico, ma non si distacca dal ruolo istituzionale. È il ruolo istituzionale che permette, infatti, di essere contro un certo ordinamento (non è un controsenso), amandolo, impegnandosi nel volerlo conforme alla visione di giustizia tra pari. Quindi cambiandolo. Diversamente si tratterebbe di essere reazionari, sovversivi, eversivi, ecc.

L’uomo politico, pertanto, deve essere uomo di cultura (non intellettuale, ma di cultura) perché viene dall’esperienza di aver visto o vissuto la “bestia sofferenza” passando dalla scuola che lo ha educato alla rivoluzione del bene.

Ecco perché se l’uomo politico è cultura vale anche il contrario: qualsivoglia forma di cultura non può non esser politica nel senso che indirizza verso l’innalzamento morale dell’uomo verso l’umanità.   

Da qui il passaggio dall’esser bestia ad esser uomo: quando l’uomo è politico per, davvero, ha un'unica ossessione culturale: avvicinare l’ultimo per renderlo uomo in quanto “non ha avuto dalla vita”.

Cosa non ha avuto? La cosiddetta chance.

Allora la chance che ricrea l’uomo politico è un atto di cultura e al tempo stesso di capacità messa al servizio del dovere per la società. 

Dimensione che rende cristianamente perché non c’è una politica senza cultura dell’ultimo. 

Se questo è il fine nonché l’origine della “proposta politica” c’è che l’uomo debba incarnarla. Così si avvera la santità dell’opera (non della persona che spetta per altre vie, ma nel quadro religioso). 

A prescindere dall’esser credente o meno, rimane comunque un atto di fede. Checché se ne dica. 

Il rischio sarebbe il materialismo, il marxismo. E don Milani mette in guardia da questa evoluzione dell’intellettualismo politico che si sostituisce alla cultura dell’ultimo. 

Anche Aldo Moro di questo pericolo ne avvertiva tutto il peso.

Non a caso è stato assassinato per la sua irrinunciabile ed ossessionata voglia di risollevare il prossimo. Anche dei suoi uccisori. 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.