Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’unica soluzione al sovranismo è l’Europa First, di Caterina Ronchieri

L’unica soluzione al sovranismo è l’Europa First, di Caterina Ronchieri

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 29/04/2019 08:21
La presentazione del libro di David Parenzo "i Falsari" è stata occasione di discussione sui temi d'attualità politica (con un occhio alle Europee) tra l'autore e Calenda, Diamanti e Zaccaria…

Ha scelto Padova, la sua città, David Parenzo, per la prima presentazione del suo libro “I Falsari”. Vuole sbugiardare i politici che raccontano frottole sull’Unione Europea. Per salvare se stessi, e costruire nell’immaginario collettivo un nemico comune, un cattivo. Ricorda Parenzo come la genesi della lega sia partita da Umberto Bossi, che attaccava Roma, per poi rinascere come un’araba fenice dalle ceneri del 4 per cento attaccando Bruxelles. Anche se un po’ a casaccio.

A fianco di Parenzo a presentare il libro ci sono il candidato capolista Pd nel nord Est per le elezioni Europee, Carlo Calenda, il politologo Ilvo Diamanti e Giuseppe Zaccaria, già Rettore dell’Università di Padova. A moderare Sergio Frigo, editorialista del Mattino.

Zaccaria apre le danze chiedendosi la ragione delle continue domande di maggiore sovranità, che giungono un po’ da più parti. “Al di fuori dall’Unione Europea rimarrebbero solo staterelli, completamente incapaci di competere con le super potenze mondiali”. Dice con forza no a singole sovranità nazionali. “Soli saremmo preda di scorrerie a buon mercato”.

Diamanti snocciola dati, impietoso. Afferma che restare nell’Unione Europea è l’unica strada percorribile. Pur non essendo numericamente esuberante in termini di popolazione, l’Ue rappresenta il secondo soggetto mondiale in termini di mercato, possiede la seconda moneta più usata al mondo. Notava l’attuale paradosso che sussiste tra gli Stati, ormai senza potenza, e i non Stati, che pur privi di sovranità e di territorio (Google, Amazon, Facebook…) decidono il destino culturale ed economico dei Paesi. Gli Stati non possiedono più la sovranità, oppure non sono in grado di esercitarla. La Germania nell’ 800 era un impero, la Francia una Nazione. Adesso comandano i mercati.

Parenzo affonda il coltello: “I nostri non sono dei leader, non guidano nessuno. Sono solo follower, che seguono le masse per accaparrarsi consenso. Non guidano, seguono. E questo è disastroso in politica. La localizzazione si è esasperata, è quasi caricaturale, il nome del paesino viene scritto su ogni felpa”.

Ancora Diamanti pone al centro il tema della narrazione, di come sia impostata. Di come l’ingresso nell’Euro abbia fatto calare drasticamente il gradimento dell’Europa tra i cittadini italiani. Dati: appena entrati gli Italiani erano tra i più europeisti. Nel primo rilievo, nel 1998, il 73 per cento degli Italiani aveva molta o abbastanza fiducia nell’Unione. Ora sono calati al 34. Definisce gli Italiani eurocinici. Su circa 7000 intervistati ogni anno, rileva come l’ Italia sia stabilmente tra i Paesi meno europeisti, testa a testa con la cugina Francia. La Germania ha avuto andamento opposto.

Parenzo, poi, confida come è nato il libro. Ammette di essere un pochino feticista, e di aver conservato tutti i giornali con le sparate della Lega fin dai tempi di Borghezio. Quindi ha seguito le evoluzione e compreso la narrazione. Raccontare fuffa. Bossi era nemico di Roma. Ora i ladroni sono a Bruxelles. È identico.

Più è lontano il potere e meglio si costruisce il racconto. Il nemico. A Padova il Cnr è fatto coi fondi europei. L’Europa è già presente nelle nostre vite. Un precario di Parigi e un precario di Milano hanno le stesse paure. Toninelli , Salvini sono dei follower. Non guidano la loro comunità, la Titillano.

Carlo Calenda comincia invece con una battuta su Massimo Cacciari: “Purtroppo ha rifiutato la candidatura, dichiarando di non andare d’accordo neanche con se stesso”. Chiarisce subito, poi, quali sono tre le cose che gli stanno a cuore: la questione culturale, il lavoro dei giovani e l’aumento degli stipendi. “Quando ero ministro per lo dello Sviluppo Economico e chiamavo il commissario Europeo Mogherini lei non mi rispondeva al telefono. Per gli interessi dell’Italia una catastrofe. 

L’Europa che abbiamo è l’Europa delle nazioni, continua Calenda. Manca la competenza in politica estera. Noi vogliamo un’Europa che funzioni, che concluda l’accordo di libero scambio con il Canada. L’Europa delle nazioni nasce negli anni90, quando l’Occidente era trionfante e non aveva necessità di scendere a compromessi. Il processo istituzionale europeo è stato troppo lento, multilaterale, istituzionale”. Come cambiare? Per Calenda, ci penserà la storia. “Verranno epoche di conflitti e pressione di grandi blocchi. La necessità di uno strumento più rapido emergerà e l’Europa sarà capace di adattarsi”.

Spesso durante il dibattito viene invocato l’analfabetismo funzionale, e Parenzo non può non ricordare: “Io alla radio, tutti i giorni, faccio la Zanzara. Metto in scena il mostro. La bestia che è dentro di noi”.

A mitigare l’assoluta assenza di figure femminili arriva Alessandra Moretti anche lei, come Calenda, candidata alle elezioni europee per il Partito Democratico. Le chiediamo come stia vivendo la campagna elettorale, in un clima così avvelenato. Risponde che non le interessano le polemiche e che vuole solo rendere effettivo il principio di uguaglianza tra uomo e donna. “I Trattati Europei, quelli che stabiliscono i valori fondanti dell’Unione, si basano sulla piena uguaglianza tra uomo e donna. Uguaglianza che non può prescindere dalla piena parità salariale tra uomo e donna, che deve diventare effettiva in tutti i Paesi dell’Unione. La Carta di Nizza – insiste Moretti- che è la Carta dei Principi fondamentali dell’Unione Europea, pone al centro la completa uguaglianza tra tutti i cittadini dell’Unione, uomo e donna in primis. Come parlamentare europea il mio impegno quotidiano sarà volto a rendere effettivo questo diritto. A parità di lavoro parità di salario”.

A margine chiediamo invece a Calenda di addentrarsi nella campagna elettorale e nella politica cittadina, tra i “cazzotti” che la Lega sta lanciando, contro il Pd di Padova, in Parlamento. Prima Alberto Stefani, deputato di primissimo pelo, ha attaccato il vice sindaco, Arturo Lorenzoni con un’interrogazione parlamentare. Le accuse forse paiono un po’ immaginifiche. Le troviamo tra le preoccupazioni del deputato 25enne Stefani ma non agli atti della magistratura inquirente. Poi Andrea Ostellari, che invece è presidente della commissione Giustizia di Palazzo Madama, ha portato al Senato una rissa cittadina. Ostellari dichiara addirittura che i violenti di sinistra e i picchiatori avrebbero il supporto di politici locali. Il sindaco Giordani è dell Pd. La vicenda assume subito carattere nazionale, escono pezzi dal titolo “Padova: Tornano gli anni di piombo” (Dagospia, 26.4.2019). 

Come risponde il Partito Democratico? domandiamo a Calenda. “Invece di far rispettare la legge e arrestare i criminali la lega preferisce fare polemica. Salvini preferisce prendere i filmini per strumentalizzarli. La gestione della criminalità è competenza del suo ministero. Deve mettere in galera i criminali e deve smettere di accusare di connivenza una buona giunta del Partito Democratico che promuove in modo efficace lo sviluppo di questa città. Come quei cretini di Modena, è lo stesso giochino. Se picchiano vanno messi in galera. L’ordine pubblico non è di competenza del sindaco. Quei deficienti dei centri sociali a Modena hanno devastato la città urlando a Nassiria e Salvini ha fatto uscire un video invece di bloccarli. E’ una pantomima. Dite al Ministro degli Interni di fare il suo lavoro e mettere in galera i delinquenti”.

Chiude David Parenzo: “Europa First, unica possibile risposta a Trump”. Parola di Falsari.

https://formiche.net/2019/04/europa-politiche-parenzo-libro/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.