Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’ottusa Merkel e il saggio Stiglitz battibeccano a Lindau, di Fernando Pineda

L’ottusa Merkel e il saggio Stiglitz battibeccano a Lindau, di Fernando Pineda

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 13:11
Stato e futuro dell’Europa economica si possono comprendere se si leggono le parole dette ieri a Lindau da Angela Merkel e da Joseph Stiglitz che più agli antipodi non possono essere e per questo chiariscono la portata delle sfide dell’Unione europea.

Stato e futuro dell’Europa economica si possono comprendere se si leggono le parole dette ieri a Lindau da Angela Merkel e da Joseph Stiglitz che più agli antipodi non possono essere e per questo chiariscono la portata delle sfide dell’Unione europea.

Ecco quello che il premio Nobel dell’Economia, Stiglitz, ha detto oggi al quotidiano Repubblica dalle rive del lago Lindau, in Germania, che ospita l’annuale raduno dei premi Nobel e da 400 giovani economisti provenienti da 80 Paesi diversi.

STAFFILATA ALLA GERMANIA

La Germania doveva avviare politiche espansionistiche, dal varo di infrastrutture paneuropee a un aumento dei salari per stimolare la domanda, finché era in tempo. Ma ormai si è fermata: imputet sibi, dicevano i latini. A forza di bloccare lo sviluppo, Berlino paga le scelte che ha imposto all’area euro. È stato fatto un incredibile numero di errori. Rischiate una fuga di capitali dall’intera area di proporzioni mai viste”.

QUESTIONE EURO

Ormai l’euro c’è, smantellarlo avrebbe costi proibitivi. Ma perserverare con queste politiche è drammatico. Già è sicuro che per l’Europa questo sarà un decennio perduto, se non si cambia strategia diventerà un quarto di secolo. C’è chi ostenta il recupero spagnolo: ma un Paese con la disoccupazione al 25% di che ripresa parla? E un continente dove la media è del 12% perché non abbandona l’austerity e vara un grande piano di investimenti pubblici e di sostegno a quelli privati?”.

SCUDISCIATA ALLA BCE

La Bce ai tempi di Trichet ha fiancheggiato la politica tedesca con tutte le sue rigidità. Ora Draghi dà segni di indipendenza ma la Bundesbank gli limita i movimenti. Speriamo che partano i prestiti “pro crescita” a sostegno delle imprese minori, e che l’unione bancaria proceda più velocemente estendendosi a un sistema di garanzie e di assicurazioni per i correntisti. Ma non basta: la Bce deve lanciare il quantitative easing, e perciò bisogna varare in fretta i sospirati correttivi statutari che l’avvicinino alla Fed, e poi deve organizzare il sistema degli eurobond, l’ultima ancora per salvare l’euro. La Germania parla tanto di solidarietà: ecco la prova che deve dare“.

IL MERKEL PENSIERO

E la Merkel? Che cosa ha detto la Cancelliera ieri sempre a Lindau? E’ utile leggere Marcello Bussi su Mf/Milano Finanza: “Merkel si è scagliata contro quei Paesi di Eurolandia che ignorano i moniti di Bruxelles e della Bce e continuano ad avere deficit più grandi di quelli consentiti dal Fiscal Compact, ovvero Francia e Italia. La Merkel si è spinta a dire che la vacillante crescita di Eurolandia è la diretta conseguenza dell’incapacità di punire gli Stati che non rispettano gli obiettivi fissati da Bruxelles”. Conclude Bussi: “Poiché nel secondo semestre il Pil della Germania ha subito una contrazione dello 0,2% qualcuno aveva pensato che il dato avrebbe costretto Berlino ad allentare le maglie dell’austerità. Le dichiarazioni della Merkel di fronte ai premi Nobel fanno però presagire l’opposto”.

fonte: www.formiche.net, 22.08.2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.