Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’Onu sia efficace per il bene dell’umanità, di Francesco Gisotti

L’Onu sia efficace per il bene dell’umanità, di Francesco Gisotti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 08/04/2022 10:14
Papa Francesco e il sostegno al multilateralismo…

«Nell’attuale guerra in Ucraina, assistiamo all’impotenza della Organizzazione delle Nazioni Unite». Hanno destato ampia eco le parole di Papa Francesco all’udienza generale. Non meno rilevanti tuttavia sono le parole che hanno immediatamente preceduto questa affermazione. Anzi, sono la premessa dell’amara constatazione: «Dopo la Seconda Guerra Mondiale si è tentato di porre le basi di una nuova storia di pace, ma purtroppo — non impariamo — è andata avanti la vecchia storia di grandi potenze concorrenti». 

Papa Francesco crede convintamente nel ruolo delle Nazioni Unite e nel valore del multilateralismo. Una convinzione che oggi è ancora più forte in quel «cambio d’epoca» che stiamo vivendo alla ricerca faticosa di un nuovo orizzonte di convivenza per l’umanità. Nel solco dei suoi predecessori — e in particolare di Paolo VI , Giovanni Paolo II e Benedetto XVI — Francesco ha moltiplicato gesti e parole a sostegno delle Nazioni Unite incoraggiandone un processo di riforma che viene richiesto in particolare da quei Paesi, da quei popoli, che subiscono maggiormente le conseguenze di quell’impotenza a cui ha fatto riferimento il Papa.

Parlando il 25 settembre del 2015 all’Assemblea generale dell’Onu, il Pontefice affermava già che «la riforma e l’adattamento ai tempi sono sempre necessari, progredendo verso l’obiettivo finale di concedere a tutti i Paesi, senza eccezione, una partecipazione e un’incidenza reale ed equa nelle decisioni». Fin dai primi anni di Pontificato sottolineava perciò il tema della «necessità di una maggiore equità», in special modo «per gli organi con effettiva capacità esecutiva, quali il Consiglio di Sicurezza, gli Organismi finanziari e i gruppi o meccanismi specificamente creati per affrontare le crisi economiche». E concludeva il suo discorso al Palazzo di Vetro ribadendo la necessità di un rafforzamento dell’Onu. «La lodevole costruzione giuridica internazionale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite», osservava, «può essere pegno di un futuro sicuro e felice per le generazioni future. Lo sarà se i rappresentanti degli Stati sapranno mettere da parte interessi settoriali e ideologie e cercare sinceramente il servizio del bene comune». Concetti ribaditi nel novembre dello stesso anno nella visita alla sede delle Nazioni Unite di Nairobi.

Sull’impegno per la cura della Casa comune, la soluzione pacifica delle controversie internazionali o uno sviluppo economico incentrato sulle persone e i popoli, il Papa e la Santa Sede considerano l’Organizzazione delle Nazioni Unite il foro internazionale più adatto per trovare un punto di convergenza tra istanze e interessi differenti. Nel dicembre del 2019 in un videomessaggio congiunto, il Papa e il segretario generale dell’Onu, António Guterres, ribadivano che «la fiducia nel dialogo fra le persone e fra le nazioni, nel multilateralismo, nel ruolo delle organizzazioni internazionali, nella diplomazia come strumento per la comprensione e l’intesa, è indispensabile per costruire un mondo pacifico». 

Pochi mesi dopo irrompeva la pandemia da Covid-19 rendendo, se possibile, ancora più indispensabile investire nel multilateralismo, nella consapevolezza di trovarsi tutti sulla stessa barca dell’umanità. «La pandemia — osservava in un videomessaggio per il 75.mo di fondazione dell’Onu, il 25 settembre del 2020 — ci ha dimostrato che non possiamo vivere senza l’altro, o peggio ancora, l’uno contro l’altro. Le Nazioni Unite sono state create per unire le nazioni, per avvicinarle, come un ponte tra i popoli». E con parole che ben si collegano con quanto detto ieri, aggiungeva che «il nostro mondo in conflitto ha bisogno che l’Onu diventi un laboratorio per la pace sempre più efficace, il che richiede che i membri del Consiglio di Sicurezza, soprattutto quelli Permanenti, agiscano con maggiore unità e determinazione».

Significativamente, la riforma delle Nazioni Unite trova spazio anche nell’enciclica Fratelli tutti. Francesco dedica un paragrafo intero all’argomento, il 173. (Giovanni XXIII aveva dedicato il paragrafo 75 della Pacem in terris all’Onu). Per il Papa tale riforma è necessaria «affinché si possa dare reale concretezza al concetto di famiglia di Nazioni». Bisogna assicurare, ne è certo, «il dominio incontrastato del diritto e l’infaticabile ricorso al negoziato, ai buoni uffici e all’arbitrato». Con un sentimento che lo ha portato anche a pronunciare le parole di ieri, avverte inoltre che «occorre evitare che questa Organizzazione sia delegittimata, perché i suoi problemi e le sue carenze possono essere affrontati e risolti congiuntamente». Le Nazioni Unite dunque non esistono, sembra suggerirci il Papa, se le nazioni non sono unite, concordi nel cercare coraggiosamente la via dell’intesa. Che sia la fine di una guerra, i brevetti sui vaccini o il contrasto al surriscaldamento globale, ciascuno deve essere disposto a “perdere” un po’, perché tutti si possa guadagnare insieme. In gioco c’è la sfida più importante: il futuro dell’umanità.

https://www.osservatoreromano.va/it/news/2022-04/quo-080/l-onu-sia-efficace-per-il-bene-dell-umanita.html

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.