Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’inverno demografico va contro il nostro futuro. Le parole di Francesco, di Riccardo Cristiano

L’inverno demografico va contro il nostro futuro. Le parole di Francesco, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 28/12/2021 09:08
Ripensare le priorità economiche in favore della genitorialità non può nascere solo dalla consapevolezza che converrebbe anche agli anziani le cui pensioni qualcuno dovrà pure pagarle, ma anche dalla consapevolezza che la patria è un sistema che si tramanda a qualcuno, non un fortino arroccato e solitario…

A ognuno è lecito obiettare. Ma per farlo occorrerebbe almeno un’idea. E obiettare alla preoccupazione di papa Francesco per “l’inverno demografico” è a dir poco complesso. L’inverno demografico non è solo un dato statistico indiscutibile, ma anche un fenomeno culturale. Le statistiche ci dicono che in Italia i decessi superano le nascite, in particolare in alcune aree del sud i numeri sono allarmanti. Il deficit di “sostituzione naturale” tra nati e morti (saldo naturale) nel 2020 raggiunge – 335mila unità.

Le cause sono soprattutto effetti “strutturali” indotti dalle significative modificazioni della popolazione femminile in età feconda. In questa fascia di popolazione le donne italiane sono sempre meno numerose: le donne negli anni del boom economico, tra la seconda metà degli anni Sessanta e la prima metà dei Settanta, stanno uscendo dalla fase riproduttiva mentre le generazioni più giovani sono sempre meno consistenti. Queste ultime scontano, infatti, l’effetto del cosiddetto baby-bust, ovvero la fase di forte calo della fecondità del ventennio 1976-1995, che ha portato al minimo storico di 1,19 figli per donna nel 1995. Tutto questo ci parla di un evidente invecchiamento medio della popolazione italiana, visto che la vita si allunga. I “patrioti” sono i primi che dovrebbero pensarci, ma per farlo la prima cosa che dovrebbero fare è interrogarsi sui motivi di questa tendenza “nazionale”. Non si tratta solo di una politica economica che non aiuta le giovani generazioni a scegliere la genitorialità, si tratta di modelli e di sfiducia nel futuro.

Dal punto di vista dei modelli è chiaro che un modello individualista non spinge verso un investimento genitoriale. La disoccupazione giovanile, la scarsa attenzione ai bisogni di chi mette su famiglia, anche paragonandoci a Paesi come la Francia, sono collegati a un modello basato su quello che alcuni chiamano “io sovrano”. Questo modello non è solo di natura consumista, ma anche di natura sfiduciata, nel futuro. Non a caso le più recenti statistiche al riguardo parlano di un aggravarsi della tendenza nell’epoca pandemica.

Gli anni del boom hanno seguito la Seconda Guerra Mondiale e quindi facevano perno su una visione ottimista, nella quale il futuro era guardato con fiducia. Guardando al futuro con fiducia ci si riproduce con più convinzione. Perdere fiducia nel futuro porta a rinchiudersi nel presente e quindi a scegliere una visione individualista, appunto l’io sovrano. “Penso per me e a me non per scelta, ma anche per necessità”.

Il papa ha dunque fatto bene a mio avviso a parlare di “patria”. Cosa vuol dire essere patrioti? Non vuol più dire mettersi l’elmetto e difendere i patri confini dall’invasore, vuol dire pensare a costruire una cultura ottimista, che recuperi la fiducia nel futuro, e la fiducia potrebbe passare anche da nuove tasse per creare servizi diffusi ed efficienti per la madri lavoratrici accessibili a tutte, ad apprezzare le imprese che non discriminino, come si dice possa accadere oggi, una possibile madre o una giovane madre disoccupata. Se ne avvantaggerebbe lei, la patria, e l’idea di essere di nuovo comunità.

Ripensare le priorità economiche in favore della genitorialità non può nascere solo dalla consapevolezza che converrebbe anche agli anziani le cui pensioni qualcuno dovrà pure pagarle, ma anche dalla consapevolezza che la patria è un sistema che si tramanda a qualcuno, non un fortino arroccato e solitari.

Così l’inverno demografico rimanda a una crisi culturale, una crisi di fiducia in noi stessi e nel nostro senso nel mondo. Abbiamo senso come Paese? Un ruolo da proiettare nel futuro? Una funzione politica di ponte in questo nostro contesto europeo e mediterraneo? Vederlo aiuterebbe a ritrovare il senso patriottico e il desiderio di dare un futuro. È per questo, ritengo, che Francesco ha aggiunto che l’inverno demografico va anche contro il nostro futuro. Non è solo un discorso economico, ma di fiducia nel futuro, nella convinzione di averlo. Chiusi nel sovranismo dell’io, che non è un sovranismo riservato ai sovranisti ma anche a chi vede solo diritti individuali e mai sociali, il futuro non è nell’ordine delle preoccupazioni, a dir poco non lo è quanto lo è il presente.

https://formiche.net/2021/12/inverno-demografico-patria-francesco-papa/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.