Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / L’era digitale, la Chiesa, la sinodalità. Riannodare la grande rete, di Mauro Magatti

L’era digitale, la Chiesa, la sinodalità. Riannodare la grande rete, di Mauro Magatti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 27/05/2021 18:04
La Chiesa di Francesco suggerisce la cosa più semplice e insieme più difficile: il rinnovamento delle forme della vita sociale e istituzionale passa dall’ascolto e dal dialogo con la realtà. In tutte le sue componenti: a cominciare da quelle più fragili e marginali…

Otto anni fa, nella sua esortazione apostolica 'programmatica' Evangelii gaudium, il Papa aveva indicato quattro princìpi, apparsi magari un po’ misteriosi: il tempo è superiore allo spazio; la realtà è più importante dell’idea; l’unità supera il conflitto; il tutto è più della parte. In realtà, quei quattro princìpi – che hanno importanti riferimenti filosofici – sono una vera rivoluzione epistemologica, esistenziale e sociale. 

Se benintesi e utilizzati come stimolo a pensare in modo nuovo, essi possono aiutare la Chiesa a combattere le proprie sclerosi, facendo emergere tutta la sua vitalità. E, soprattutto in Europa, possono contribuire a trovare la via di un futuro possibile, che passa dalla capacità di ricucire la distanza tra le élite e il popolo, tra l’esperienza quotidiana delle persone concrete e le esigenze, a volte tiranniche, dei grandi sistemi tecnici nei quali viviamo.

È dentro questa cornice che si deve leggere l’insistenza di Francesco sulla sinodalità, che è culminata con l’annuncio di qualche giorno fa del percorso del Sinodo della Chiesa universale che si concluderà nel 2023 (e che s’intreccerà con quello del Sinodo della Chiesa che è in Italia).

Chiedere a ogni parrocchia, a ogni diocesi, a ogni Conferenza episcopale di mettersi in ascolto (vero) della realtà per ripartire non è un formalismo. È il modo attraverso cui la Chiesa – come qualunque altra istituzione contemporanea – può ringiovanirsi, ritrovando quell’energia che qualche volta sembra mancare. Proprio perché non è un formalismo – la realtà viene prima dell’idea – tale iniziativa apre un percorso di cui non si possono sapere gli esiti in anticipo – il tempo è più importante dello spazio. Perché lo stare insieme (per la Chiesa condividere la stessa fede) non può essere qualcosa di statico, messo sotto controllo, in sicurezza, ma un cammino vivo, dialogico, capace sempre di rinnovarsi a partire dall’umanità che c’è tra noi.

Un processo che non esplode a condizione di non smarrire il senso di un’appartenenza comune, di un legame che viene prima di ogni protagonismo (l’unità è più importante del conflitto), ed è capace di legare insieme quel meraviglioso poliedro fatto di tanti particolari-universali (il tutto supera la parte). In questo modo Francesco manda due messaggi potenti.

Il primo messaggio è alla Chiesa: è giunto il momento di recuperare pienamente la propria immagine originaria. Quella che le vicende storiche seguite alla Riforma protestante hanno modificato. La Chiesa cattolica è stata, fin dall’inizio, una rete di realtà locali (parrocchie e diocesi) legate a un messaggio universale.

Una rete di comunità, concretissime e umanissime, in continua tensione tra la particolarità di un luogo, di una storia, di un contesto relazionale e l’universalità del messaggio che ciascuno ha cercato di rendere vita. Ancora oggi, la Chiesa universale è una rete globale straordinariamente ricca, radicata nella concretezza del locale. Una rete glocal, come in molte occasioni è stato ricordato e mostrato anche sulle pagine di questo giornale, che oggi ha la possibilità di vivere una nuova straordinaria stagione: per la prima volta nella storia, essa ha infatti a disposizione un ambiente tecnologico (quello digitale) che si adatta perfettamente alla sua natura reticolare. E grazie al suo essere radicata in tutto il globo – qualcosa che fa invidia a qualsiasi multinazionale o Stato nazionale – la Chiesa può sperimentare un modo nuovo e straordinariamente moderno di camminare insieme nella pluralità e insieme nella unità.

Il secondo messaggio si rivolge invece alla società contemporanea, alla ricerca di nuovi punti di equilibrio che permettano di assorbire le forti tensioni che la attraversano. A cominciare dalla distanza che si è andata formando tra le élites sempre più ricche e potenti, da una parte, e tanta parte delle persone comuni, intrappolate in una condizione di strutturale insicurezza. Terreno ideale per il moltiplicarsi delle disuguaglianze e la nascita dei populismi.

La Chiesa di Francesco non ha le soluzioni a tali questioni. Né tantomeno pretende di sovrapporre il proprio linguaggio, i propri canoni, la propria identità alla società nel suo insieme, come vorrebbero coloro che riducono la religione a un mondo chiuso. Piuttosto, essa suggerisce la cosa più semplice e insieme più difficile: il rinnovamento delle forme della vita sociale e istituzionale passa dall’ascolto e dal dialogo con la realtà. In tutte le sue componenti: a cominciare da quelle più fragili e marginali. Non sarà facile muoversi nella direzione indicata dal Papa. Ci vorrà tempo e lucidità, ci vorrà buona fede. Ma come sempre, l’importante è alzarsi e cominciare a camminare.

 https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/riannodare

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.